Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Tinetta63

E lasciamole cadere queste stelle

immagine copertina
Filippo Timi
E lasciamole cadere queste stelle
Fandango
10 righe da pagina 205:

Chi sono io , in fondo a me stessa, a parte i problemi e il passato?
Non voglio essere solo il risultato di una vita e di quello che mi circonda.
Chi sono io?
Iniziò a pensare a che faccia avevano per lei i suoi sentimenti.
Che faccia ha la rabbia.
Che faccia il dolore.
Che faccia l'amore e la gioia, che faccia il pianto.
Che faccia hanno le passioni.
Ogni donna è lo specchio di tutte queste facce.

inviato il 14/08/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie !

Benvenuta Tinetta :)

E lasciamole cadere queste stelle

immagine copertina
Filippo Timi
E lasciamole cadere queste stelle
Fandango
10 righe da pagina 205:

Chi sono io , in fondo a me stessa, a parte i problemi e il passato?
Non voglio essere solo il risultato di una vita e di quello che mi circonda.
Chi sono io?
Iniziò a pensare a che faccia avevano per lei i suoi sentimenti.
Che faccia ha la rabbia.
Che faccia il dolore.
Che faccia l'amore e la gioia, che faccia il pianto.
Che faccia hanno le passioni.
Ogni donna è lo specchio di tutte queste facce.

inviato il 14/08/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie !

Benvenuta Tinetta :)

Kafka sulla spiaggia

immagine copertina
Haruki Murakami
Kafka sulla spiaggia
Tradotto da G. Amitrano
Einaudi (collana Supercoralli) 2008

Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l’andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra con il dio della morte prima dell’alba. Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. È qualcosa che hai dentro. Quel vento sei tu. Perciò l’unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.

inviato il 07/08/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Haruki Murakami, (12 gennaio 1949 Fushimi-ku, Kyoto, Prefettura di Kyoto, Giappone).

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy