Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di mattoina8

Il Capitano è fuori a pranzo

immagine copertina
Charles Bukowski
Il Capitano è fuori a pranzo
Tradotto da Andrea Buzzi
Feltrinelli - I Canguri 2000
10 righe da pagina 6:

“Nella morte non c'è niente di triste, non più di quanto ce ne sia nello sbocciare di un fiore. La cosa terribile non è la morte, ma le vite che la gente vive o non vive fino alla morte. Non fanno onore alla propria vita, la pisciano via. La cagano fuori. Muti idioti. Troppo presi a scopare, film, soldi, famiglia, scopare. Hanno la testa piena di ovatta. Mandano giù Dio senza pensare, mandano giù la patria senza pensare. Dopo un po' dimenticano anche come si fa a pensare, lasciano che siano gli altri a pensare per loro. Hanno il cervello imbottito di ovatta. Sono brutti, parlano male, camminano male. Gli suoni la grande musica dei secoli ma loro non sentono. Per molti la morte è una formalità. C'è rimasto ben poco che possa morire.”

inviato il 20/12/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

bukowski piace perchè é attuale, perchè é l'uomo di oggi, della società in cui viviamo!

La frase che continua a piacermi tantissimo é : "La cosa terribile non è la morte, ma le vite che la gente vive o non vive fino alla morte. Non fanno onore alla propria vita... " Riflettete, gente, riflettete!

Grande Bukowski!

In effetti, occorre far onore alla propria vita, anche se a volte capita a tutti di avere la testa piena di ovatta...

Chi vuol esser lieto sia...di doman non c'é certezza, ma con moderazione1

Riflettete sulla frase, bellissima: "Dopo un po' dimenticano anche come si fa a pensare, lasciano che siano gli altri a pensare per loro. Hanno il cervello imbottito di ovatta". Credo che ognuno di noi conosca persone che, purtroppo, non pensano....

Occorre pensare, riflettere!

Vita e morte sono unite...

Occorre fare onore alla propria vita, ci insegna questo libro.

Vivi bene la vita! Carpe diem!

'a livella poesie napoletane

immagine copertina
ANTONIO DE CURTIS
'a livella poesie napoletane
Fausto Fiorentino editrice 1988
10 righe da pagina 12:

"QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE MORTO L'11 MAGGIO DEL '31". 'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto... sotto 'na croce fatta 'e lampadine; tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto: cannele, cannelotte e sei lumine. Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore nce steva 'n'ata tomba piccerella, abbandunata, senza manco un fiore; pe' segno, sulamente 'na crucella. E ncoppa 'a croce appena se liggeva: "ESPOSITO GENNARO NETTURBINO" Guardannola, che ppena me faceva stu muorto senza manco nu lumino! Questa è la vita! 'Ncapo a me penzavo... chi ha avuto tanto e chi nun ave niente! Stu povero maronna s'aspettava ca pure all'atu munno era pezzente?

inviato il 08/12/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Proprio così! E' utilissima per la vita! Altro che andar a farsi leggere la mano!

La grande smorfia napoletana, uno spaccato di vita che fa sorridere e riflettere insieme, comunque e sempre!!!

Un'unica livella per mettere tutti sullo stesso piano!!!

Il pezzo che preferisco è questo:" Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore nce steva 'n'ata tomba piccerella, abbandunata, senza manco un fiore". Mi fa sorridere, mi dà allegria....

La tomba di un ricco signore si sente umiliata dalla vicinanza di una tomba povera: veramente la morte uguaglia tutti!"

Anche il vernacolo é efficace ad esprimere oncetti universali!

Quanta ironia!

Leggerlo, per abbassare le proprie ambizioni!

Totò ha detto grandi verità!

La morte rende tutti uguali e il grande Antonio de Curtis l'ha espresso in modo straordinario!

Il conto dell'ultima cena

immagine copertina
Moni Ovadia
Il conto dell'ultima cena
Einaudi stile libero big 2010
10 righe da pagina 6:

Dopo alcune settimane che il pontefice romano si era insediato, una delegazione della comunità ebraica di Roma guidata dal rabbino capo si recava a San Pietro portanto un'antichissima pergamena sigillata. Il papa, impassibile, riceveva la delegazione, il rabbino capo gli porgeva la pergamena con un sopracciglio alzato e il piglio interrogativo, e il sommo pontefice faceva spallucce, alzando sdegnosamente la mano a significare che non ci pensava nemmeno di accettare quel vetusto documento. A ogni nuovo papa la scena si è ripetuta uguale per secoli. Fin quando è asceso al soglio di Pietro un porporato di indole assai curiosa. Non sono in grado di informare il lettore sull'ammontare dell'importo richiesto per quel celebre pasto a Gesù e agli apostoli. Essi, per risapute ragioni, non riuscirono ad onorare il debito.

inviato il 08/12/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Il cibo, lo spirito e l'umorismo ebraico.

India del Nord

immagine copertina
Sarina Singh, Joe Bindloss, James Bainbridge, Lindsay Brown, Mark Elliot, Paul Harding, Tom Spurling
India del Nord
Lonely Planet 2008
10 righe da pagina 262:

La moltitudine di kaba (roditori sacri) che popolano il tempio non è certamente consigliabile alle persone più schizzinose. Ma nell'eventualità che un topo vi passase sui piedi, sappiate che è segno di buon auspicio, così come riuscire ad individuare un raro topolino bianco. Il tempio è un importante meta di pellegrinaggio, quindi non dimenticate di togliervi le scarpe. Da una parte una mucca rumina con aria meditabonda in mezzo al traffico e ai clacson che suonano; dall'altra, donne vestite con sari coloratissimi cercano di farsi spazio in mezzo ai risciò e alle motociclette Enfield, metre osservate tutto ciò un ragazzino vi sfreccia accanto portando una sfilza di bicchieri per il chai e un indovino indica un tabellone di simboli astrologici.

inviato il 04/12/2010
Nei segnalibri di:

La prima sorsata di birra

immagine copertina
Philippe Delerm
La prima sorsata di birra
Tradotto da Leonella Prato Caruso
Frassinelli 1997
10 righe da pagina 31:

E' l'unica che conta. Le altre, sempre più lunghe, sempre più insignificanti, danno solo un appesantimento tiepido, un'abbondanza sprecata. L'ultima, forse, riacquista, con la delusione di finire, una parvenza di potere. Ma la prima sorsata! Comincia ben prima di averla inghiottita. Già sulle labbra un oro spumeggiante, frescura amplificata dalla schiuma, poi lentamente sul palato beatitudine velata di amarezza. Come sembra lunga, la prima sorsata. La beviamo subito, con un'avidità falsamente istintiva.

inviato il 01/12/2010
Nei segnalibri di:

Sulla cocaina

immagine copertina
Freud
Sulla cocaina
Tradotto da Aldo durante
Newton saggi 1997
10 righe da pagina 32:

...una sensazione esilarante e una euforia durevole che non presenta nessuna differenza da quella di un individuo normale... si avverte un aumento dell'autocontrollo, si gode di una maggiore vitalità e capacità di lavoro... In altre parole si è perfettamente normali, e quasi non si riesce a credere di essere sotto l'influsso di qualsivoglia sostanza... Un protratto e intenso lavoro, mentale o fisico che sia, può essere poi compiuto senza che compaia alcuna sensazione di stanchezza... e l'effetto è raggiunto senza nessuno degli spiacevoli effetti secondari che sono tipici dell'ebbrezza alcolica... sia dopo la prima che dopo altre ripetute assunzioni di cocaina

inviato il 01/12/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

mah...

Storia di O

immagine copertina
Pauline Rèage
Storia di O
Tradotto da Andrea D'anna
Tascabili Bompiani 1990

La prima volta non gridò. Poi lui riprese più brutalmente, e O gridò. E ogni volta che egli si ritirava, e poi tornava, quindi ogni volta che lui volle, lei gridò. Quando ebbe finito, e dopo averla fatta alzare per accomiatarla, le fece notare che quanto aveva versato dentro di lei stava lentamente colando fuori dal suo corpo tinteggiato dal sangue della ferita che le aveva inferto, che quella ferita sarebbe stata bruciante finchè le sue terga non si fossero abituate a lui, e che lui avrebbe continuato a forzarne il passaggio.

inviato il 01/12/2010
Nei segnalibri di:

Le Confessioni

immagine copertina
Sant'Agostino
Le Confessioni
Biblioteca universale Rizzoli
10 righe da pagina 417:

Sobria quale era, veniva mandata di solito dai genitori ad attingere il vino dalla botticella: ella immergeva la tazza nell'apertura superiore, poi, prima di versre il vino nella caraffa, ne sorbiva qualche goccia a fior di labbro, poco poco, perchè ripugnava al suo gusto: difatti non lo faceva per amore del vino, ma per una di quella bravate fanciullesche che si sfogano in impeti di gioco e vengone represse nei giovanetti dall'autorità delle persone anziane. Ma, quel poco diventando di giorno in giorno sempre meno poco, poichè chi non fa conto delle piccole cose piano piano cade, vi si era oramai tanto abituata che tracannava golosamente calici quasi pieni di vino puro.

inviato il 21/11/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Romano, prova a mandarla tramite mail a staff@10righedailibri.it

No, la ccopertina non è questa, il titolo originale è CONFESSIONUM LIBRI XIII edizione I CLASSICI DELLA BUR con testo latino a fronte, posso provare a cercarla io, ma non saprei come caricarla.

puoi confermare se è questa la copertina?

Romano, l'anno di pubblicazione del libro? in seguito prova anche a caricare la foto cliccando su "altre informazioni" sotto il campo "editore" grazieee

Pane e tempesta

immagine copertina
Stefano Benni
Pane e tempesta
Feltrinelli
10 righe da pagina 134:

Cornodoro ha scritto: Cara Ginevra. Chi sarò per te, Artù o lancillotto? Ho 32 anni e ho un allevamento di cavalli da alta quota. Sono undici meravigliosi purosangue bianchi e uno nero. Li mungo ogni sera. Qui non ci sono laghi, ma mi siedo sulla riva del baratro e guardo giù nell'abisso della mia solitudine. Se ami le ninfee penso che il tuo autore preferito sia Monet. Anche io volevo adottare due bambini del Ruanda, ce ne sono un sacco dalle nostre parti, ma alla fine ho deciso di adottare un cane. Distinti saluti. Ginevra ha scritto: o mio nuovo amico di chat. Sei simpatico e pieno di humor. Mi piace come fingi di ignorare che Monet era uno scrittore e la battuta sulla mungitura dei cavalli è un pò audace ma mi ha fatto ridere. Se ti senti solo, anche io lo sono.

inviato il 21/11/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Questo libro mi è piaciuto un sacco, mi ha fatto sorridere e riflettere.

grazie Romano...

Si è questa la copertina e l'anno di pubblicazione è il 2009

Romano, è questa la copertina?

Ciao Romano, puoi dirci l'anno di pubblicazione?

RIDERE Un'indagine scientifica

immagine copertina
Robert R. Provine
RIDERE Un'indagine scientifica
Baldini & Castoldi
10 righe da pagina 105:

Autosolleticarsi è un'attività che soddisfa ancor meno del fare sesso da soli. Se la maggior parte degli adulti riesce infatti a masturbarsi fino a raggiungere l'orgasmo, fare il solletico a se stessi non è che un pallido surrogato del subirlo da qualcun'altro, e risulta sterile quanto l'incutersi paura. Il solletico, con i suoi sinonimi: titillamento, vellicamento, è il prodotto di un'interazione tra il solleticante, cioè la persona o la cosa che dispensa lo stimolo, e il solleticato, cioè l'individuo sottoposto alla stimolazione. Nel caso in cui il collegamento tra sesso e solletico possa sembrare eccessivamente speculativo, si pensi alla parola olandese per "clitoride": kittelaar, cioè "l'organo che viene solleticato o titillato".

inviato il 21/11/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Romano...

Si è questa la copertina e l'anno di pubblicazione è il 2000.

Romano, è questa la copertina?

bellissimo!

Romano, l'anno di pubblicazione?

La fine del mondo e il paese delle meraviglie

immagine copertina
Haruki Murakami
La fine del mondo e il paese delle meraviglie
Tradotto da Antonietta Pastore
Einaudi 2008
10 righe da pagina 273:

Ogni persona agisce basandosi su dei criteri propri. Nessun essere umano è uguale a un altro. E' un problema di identità, insomma. Ma cos'è l'identità? E' l'originalità del sistema di pensiero basato sull'insieme di ricordi delle esperienze passate. Più semplicemente la si può chiamare spirito.
Non esistono due persone con lo stesso spirito. Le persone però non sanno quasi nulla del proprio sistema di pensiero. La stessa cosa vale per me e per lei.
Quello che conosciamo o pensiamo di conoscere è soltanto un decimo del totale, massimo due. La punta dell'iceberg.

inviato il 14/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie mille!!!
Traduzione di Antonietta Pastore.
1985 è l'anno di prima pubblicazione; l'edizione Einaudi, che ho letto in versione ebook, è del 2008. :-)

Le tue 10 righe sono state scelte dalla redazione. Sei in finale! :)

Ciao Pamela, scrivi qui sotto il nome del traduttore. Grazie!!! :)

versione ebook

Poesia

immagine copertina
Maria Luisa Spaziani
Poesia
10righe dai libri
10 righe da pagina 1:

Una rosa che sboccia
Ibernati, incoscienti ,inesistenti,
proveniamo da infiniti deserti.
Fra poco altri infiniti ci apriranno
ali voraci per l'eternità.
Ma qui ora c'è l'oasi ,catena
di delizie e tormenti .Le stagioni
colorate ci avvolgono ,le mani
amate ci accarezzano.
Un punto infinitesimo nel vortice
che cieco ci avviluppa. C'è la musica
(altrove sconosciuta),c'è il miracolo
della rosa che sboccia ,e c'è il mio cuore.

inviato il 01/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

In cielo brilla una stella speciale ...sì Maria Luisa Spaziani ,ha raggiunto
il sommo poeta Eugenio Montale .

Shantaram

immagine copertina
Gregory David Roberts
Shantaram
Tradotto da Vincenzo Mingiardi
Neri Pozza 2013
10 righe da pagina 461:

Un giorno Karla mi aveva chiesto:" Che cosa caratterizza maggiormente la razza umana? La crudeltà o la capacità di provarne vergogna?". Sul momento mi era sembrata una domanda molto acuta, ma ora che sono più saggio e solitario so che nè la crudeltà nè la vergogna caratterizzano la razza umana. E? il perdono che ci rende unici. Senza perdono la nostra specie si sarebbe distrutta in una serie di faide senza fine. Senza perdono non esisterebbe la storia. Senza la speranza del perdono non ci sarebbe l'arte, perchè l'arte é in qualche modo un gesto di perdono. Senza il sogno di perdono non ci sarebbe amore, perchè ogni atto di amore é in qualche modo una promessa di perdono... per un breve, brevissimo istante ci eravamo in un mondo migliore...in cui reganavano cuori e sorrisi puri e immacolati...

inviato il 02/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Rachele Complimenti hai vinto il libro incentivo del mese di luglio! Ricordati di inviare i tuoi dati a libroincentivo@10righedailibri.it

Scusate, staff, mi chiamo Rachele, non Emma. Comunque sono entusiasta del sito e mi sto collegando con una chiavetta da un piccolissimo paese della Calabria, proprio per seguire tutte le nività dei libri.

Sei in finale Emma ancora non hai vinto alla fine del mese verranno proclamati i vincitori ;) grazie per la scelta delle tue dieci righe :)

Ho già inviato una mail a libroincentivo@... , comunque scelgo le dieci righe proposte da Giovanni Pisciottano e tratte da "L'ombra del vento". La motivazione é determinata dalla centralità del libro in questo romanzo. Infatti un padre accompagna suo figlio, un bimbo che ha perso la mamma, nel giorno del suo compleanno nel cimitero dei libri perduti per adottare un libro per tutta LA VITA. Questo comportamento dovremmo tenerlo tutti noi, durante la nostra vita, per suscitare l'amore per i libri. Va bene, staff? Grazie e complimenti per il vostro sito. Ho già comunicato a Giovanni Pisciottano che sceglievo il syuo libro.

Si Rachele esatto... devi scegliere le tue dieci righe così proclamiamo il libro finalista 10 righe scelte da Voi :D

Grazie allo staff e grazie per i segnalibri! Seguirò tutte le dieci righe di questa settimana per scegliere 10 righe entro lunedì prossimo. D'accordo, staff? Ho interpretato bene il regolamento?

Ciao Rachele, complimenti sei la finalista con le tue dieci righe nella classifica di luglio... :D

Grazie, Eleonora! Deve essere bellissimo in lingua originale, ma ho bisogno di studiare ancora per farlo, e soprattutto... di leggere.

Io questo libro l'ho letto in lingua originale, davvero emozionante, segnalibro!

Questo libro è bellissimo.

Grace lo dice forte

immagine copertina
Emma Henderson
Grace lo dice forte
Tradotto da Marina Premoli
10righedailibri, Dalai, Elliot, La Tartaruga 2012
10 righe da pagina 19:

Mi trovarono un posto in uno dei migliori istituti psichiatrici della sanità pubblica."IlBriar".La mia casa per trent' anni.Ve lo immaginate?Devono aver pensato che ero contagiosa.Come biasimarli?E così ci mettemmo in viaggio un pomeriggio di settembre,due mesi prima dei miei undici anni.stavolta sul sedile dietro c'ero solo io,tenuta su da cuscini e una vecchia coperta scozzese,consunta e mangiata dalle tarme.Papà e mamma davanti,lui bello grasso con cappotto verdastro,il collo bianco con la pelle d'oca,radi capelli grigi lisci,tagliati male,che pendevano come ghiaccioli sul bavero del cappotto.Lei nervosa,adesso,con l'aria sportiva ,incinta,un giubbotto da marinaio,un vecchio foulard in testa,annodato sotto il mento.Fra i due sedili vedevo la sua mano sinistra che impugnava il volante.La fede all'anulare le stringeva il dito incidendo un solco rossastro.Durante quasi tutto il viaggio siamo rimasti in silenzio.ogni tanto la mamma si girava per chiedermi se avevo freddo o se avevo bisogno di fare pipì.

inviato il 05/11/2012
Nei segnalibri di:

A sud del confine, a ovest del sole

immagine copertina
Haruki Murakami
A sud del confine, a ovest del sole
Tradotto da Mimma De Petra
UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI 2002
10 righe da pagina 17:

Era una musica meravigliosa. all'inizio la trovai ampollosa e ricca di virtuosissimi tecnici e non riuscii a cogliervi un disegno coerente. Ascoltandola più volte, però, quelle immagini fino ad allora completamente sfocate, cominciarono ad assumere una forma più definita e, a poco a poco, sembravano acquisire una certa coesione dentro di me. Se chiudevo gli occhi e provavo a concentrarmi, riuscivo a sorgere in quella musica dei vortici che si formavano l'uno dentro l'altro e che poi andavano a raggiungersi ad altri ancora. Adesso capisco che si trattava di creazioni astratte della mia mente, ma allora avrei voluto poterle trasmettere a Shimamoto. Le parole di uso quotidiano non bastano per esprimere questo tipo di concetti e io non conoscevo ancora i vocaboli adatti a spiegarne il significato. E poi, non sapevo se valesse la pena di comunicare ad altri, a parole, queste mie sensazioni.

inviato il 05/11/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

GRAZIE Staff 10 Righe GRAZIE alla Casa Editrice, GRAZIE a Tutti i segnalibri lasciati degli Amici che condividono quotidianamente 10 righe... ma questo non è il mio libro incentivo, ma è il libro vinto da Marco Addis quindi stavolta nè lo dono nè lo regalo è semplicemente il Tuo e delle tue dieci righe tratte da Ombra, un grande abbraccio :)

complimenti Barbara con le tue 10 righe, risultate più segnalibrate, ti aggiudichi il libro incentivo. Invia i tuoi dati a libroincentico@10righedailibri.it per poterti inviare il libro

Cecità

immagine copertina
José Saramago
Cecità
ed. Feltrinelli 2007 2010
10 righe da pagina 276:

Perché siamo diventati ciechi, Non lo so, forse un giorno si arriverà a conoscerne la ragione, Vuoi che ti dica cosa penso, Parla, Secondo me non siamo diventati ciechi, secondo me lo siamo, Ciechi che vedono, Ciechi che, pur vedendo, non vedono. La moglie del medico si alzò e andò alla finestra. Guardò giù, guardò la strada coperta di spazzatura, guardò le persone che gridavano e cantavano. Poi alzò il capo verso il cielo e vide tutto bianco, è arrivato il mio turno, pensò. La paura le fece abbassare immediatamente gli occhi. La città era ancora lì.

inviato il 09/10/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Complimenti Silvana con queste tue splendide righe hai vinto il gioco dei segnalibri di questa settimana. Per poter ottenere il tuo premio, un libro, devi fare due cose
1) scegliere le tue righe preferite fra quella che verranno pubblicate questa settimana
2) farci avere un tuo recapito a
libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie Staff, questa info mi mancava :)

Nadia, puoi posrare anche 10 righe tratte dallo stesso libro. :)

Grande Saramago, anche se tra i miei preferiti c'è: La zattera di pietra, Viaggio in Portogallo e L'uomo duplicato sempre pubblicati da Feltrinelli :)

L'ho letto da poco, bellissimo!!!

Se puoi vedere, guarda. Se puoi osservare, osserva.

Grrrr mi hai anticipata!!! Volevo postarle io 10 righe di questo libro :(

Forse nn tutti sanno che Saramago, tra i più grandi romanzieri del Novecento, è stato premio nobel per la letteratura nel 1998. Gran belle 10 righe Silvana!!!

A mio avviso uno dei più bei romanzi di Saramago!!!

Silvana benvenuta :)

La banda dei brocchi

immagine copertina
Jonathan Coe
La banda dei brocchi
Tradotto da roberto serrai
Universale Economica Feltrinelli
10 righe da pagina 73:

"oh Dio, oh Dio, mandami un costume da bagno.Mandami un costume da bagno nella tua infinita sagezza. A qualunque costo, qualunque cosa tu voglia da me, mandami un costume da bagno. Mandamelo adesso. Farò qualsiasi cosa per te. Crederò in te. Ti prometto che crederò in te. Non smetterò mai di credere in te, aver fiducia in te, seguirti, fare tutto quello che vorrai che faccia. Tutto. Tutto quello che al mondo è in mio potere fare. Non me ne importa. No, per niente. Però per favore, per favore, dio, fammi 'sta grazia. Mandami un costume da bagno. Ti supplico. Per favore. Amen". Benjamin chiuse gli occhi, strinse forte le palpebre e ripetè quella parola. "Amen". E poi si fece silenzio. E poi si sentì un rumore.

inviato il 09/10/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Silvana!!!!

La zona cieca

immagine copertina
Chiara Gamberale
La zona cieca
Bompiani
10 righe da pagina 250:

Mi piacerebbe poter pensare che fra vent'anni gli parlerò di questo giorno e di questi anni che ho passato con un sorriso,con quell'indulgenza verso se stessi con cui tutti raccontano l'ultima follia che hanno fatto prima di decidersi a mettere la testa a posto e crescere,finalmente. Ma non sarà così. La storia con Lorenzo mi è somigliata più di quanto io sia mai somigliata a me. Non è stata la prova generale di quello che d'ora in poi diventerò. Mi è corrisposta esattamente.Come una vocazione.Nonostante le bugie e i tradimenti e la realtà che continuamente diventava qualcos'altro e quando rimaneva uguale a se stessa faceva male,Lorenzo è la persona più vera che io abbia mai incontrato.O forse l'unica che ho saputo incontrare davvero.Che è un pò la stessa cosa.

inviato il 23/07/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

grazie...Provvederò immediatamente a reinviarvi il mio recapito ( di nuovo un vostro dono..è davvero un piacere)Inoltre, la scelta delle righe sarà, come sempre, il gusto dell'imbarazzo..Complimenti ancora, per la bella Comunità e la ricchezza dello scambio...

Grazie...!!!! provvederò sia alla scelta che alla comunicazione recapito ( ..di nuovo, mi giungono vostri regali, ed è un dono graditissimo...) a presto

Laura, questa settimana ti aggiudichi il libro incentivo hai infatti ricevuto il maggior numero di segnalibri della settimana. Per formalizzare la tua vincita devi comunicarci le tue 10 righe preferite fra quelle che verranno postate da oggi alle 24 di domenica.
Ci devi inoltre far avere un tuo recapito per poterti inviare il libro.
libroincentivo@10righedailibri.it

grazie...E' un libro davvero particolare, nella struttura e nella scrittura..Consigliatissimo!

segnalibro

Chapeau! Aggiungo segnalibro!

"I libri ci dicono"

immagine copertina
Jules Renard
"I libri ci dicono"
10 righe dai libri

Quando penso a tutti i libri che mi restano da leggere, ho la certezza di essere ancora felice. Jules Renard

inviato il 03/06/2012
Nei segnalibri di:

Il grande gladiatore

immagine copertina
Gordon Russel
Il grande gladiatore
Piemme Bestseller 2007
10 righe da pagina 120:

"Sfruttano l'indisciplina delle legioni e lo scontento del popolo. Distribuiscono sesterzi all'esercito e promozioni ai loro adulatori. In tutto questo i nostri legionari, immemori del patto di lealtà che li lega all'imperatore, si fanno trascinare in una guerra fratricida, avidi di bottini. Sanno che guerre e bottini rendono più della pace!"
"Valerio Mucro..."
Il legato era inarrestabile. "E ricordati che se chi comanda è corrotto, la corruzione come una lebbra finisce per devastare il concetto stesso di onestà e ogni regola civile." Ansava, tormentando con ira i peli della barba. "Quando chi governa è corrotto, quando chi governa è esempio di decadenza morale, l'onesta viene offesa... ingiuriata... la virtù viene punita con la derisione, la modestia viene disprezzata..."

inviato il 28/05/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Credo si avvicini molto alla situazione d' oggi giorno
Lo leggro' ;-)

deve essere molto bello

aggiungo segnalibro

La banda dei brocchi

La banda dei brocchi 5 years 41 settimane fa

Benvenuta Silvana!!!!

Cecità

Cecità 5 years 41 settimane fa

A mio avviso uno dei più bei romanzi di Saramago!!!

Canne al vento

Canne al vento 6 years 35 settimane fa

mens sana in corpore sardo

Comme un roman

Comme un roman 7 years 13 settimane fa

Ecco i diritti del lettore, secondo Pennac: 1) Il diritto di non leggere, 2) il diritto di saltare pagine, 3) Il diritto di non finire un libro, 4) Il diritto di rileggere, 5) Il diritto di leggere qualsiasi cosa, 6) Il diritto al bovarismo ( malattia testualmente trasmissibile), 7) Il diritto di leggere dappertutto, 8) il diritto di raccogliere informazioni , 9) Il diritto di leggere ad alta voce, 10) il diritto di star zitto

Francesca e Nunziata

Francesca e Nunziata 7 years 25 settimane fa

VIVA IL MERIDIONE

Il ricettario della cucina sana ed economa

Il ricettario della cucina sana ed economa 7 years 28 settimane fa

certo che deve essere veramente datato....

Meditazioni per la stanza da bagno

Meditazioni per la stanza da bagno 7 years 29 settimane fa

Meditazioni per la stanza da bagno.... questa poi.....

Il Capitano è fuori a pranzo

Il Capitano è fuori a pranzo 7 years 29 settimane fa

Tratto da pagina 6

Il Capitano è fuori a pranzo 7 years 30 settimane fa

anche secondo me il bello di Bukowski è che è perennemente incazzato, per i vicini che bussano alla sua porta troppo presto la mattina, per i reading di poesie che è costretto a fare controvoglia per racimolar quattrini, per il mal di testo del dopo sbronza, per l'ennesima giornata finita male alle corse dei cavalli, per l'America in cui trovi tanto facilmente un lavoro quanto facilmente lo molli dopo una settimana, per le donne che vorrebbero amore e dolcezza quando lui invece ha solo voglia di scopare, per le pagine bianche accanto alla macchina da scrivere che riempie vomitando parole, per la bottiglia che è ormai quasi finita...

Giambologna, gli dei, gli eroi

Giambologna, gli dei, gli eroi 7 years 30 settimane fa

che faccia di bronzo!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy