Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di maurizio.vettraino

Un giorno questo dolore ti sarà utile

immagine copertina
Peter Cameron
Un giorno questo dolore ti sarà utile
Tradotto da Giuseppina Oneto
Gli Adelphi 2007
10 righe da pagina 71:

Mi sembrava una gara per vedere chi faceva saltare prima i nervi a chi. Non mi pareva molto terapeutico, ma ce l'ho messa tutta per vincere. "Penso che la psicoterapia sia un concetto fuorviante delle società capitalistiche in base al quale il crogiolarsi nell'analisi della propria vita sostituisce l'atto stesso di viverla". Non avevo idea da dove mi uscissero queste parole: le avevo lette, forse, o le avevo sentite in un film?

inviato il 03/09/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Maurizio, hai vinto la classifica dei libri scelti dalla redazione, ti aggiudichi un libro incentivo! Per riceverlo invia una mail con un tuo recapito all'indirizzo libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie!

Ciao Maurizio, le tue dieci righe sono state scelte dalla redazione... Sei in finale nella classifica di settembre. Complimenti e Buone Letture. :)

Le Rockstar Non Sono Morte

immagine copertina
Valerio Piperata
Le Rockstar Non Sono Morte
Edizioni E/O 2014
10 righe da pagina 117:

"State tranquilli" ci rassicuro' Claudio, "Peeno è un professionista, in un batter d'occhio il pezzo sarà pronto, neanche ve ne accorgerete".
Otto ore dopo avevamo finito soltanto le parti di batteria e basso. Claudio si incazzò parecchio per il ritardo. "Non c'è molto tempo, ricordatevi che siamo in guerra" sbraitò.
Rimanemmo in studio tutta la sera con Peeno, che nel frattempo aveva bevuto qualcosa come una decina di caffè e vari energy drink. Per cena ordinammo la pizza e continuammo ancora, tutta la notte, finchè non finimmo pure la voce, l'ultima parte ad essere registrata. Ci avevamo messo quasi diciotto ore di lavoro. Un maledetto parto. Ma il risultato era che una canzone nata nella mansarda di Trota noi stavamo per farla conoscere alla nazione intera. Peeno, stanco morto, ansimante, stramazzò sul divano dello studio e si addormentò con tutto il sigaro in bocca.

inviato il 03/09/2014
Nei segnalibri di:

La Vita Perfetta di William Sidis

immagine copertina
Morten Brask
La Vita Perfetta di William Sidis
Tradotto da Ingrid Basso
Iperborea 2014
10 righe da pagina 206:

Chi non ha intenzioni bellicose influenza l'ambiente che lo circonda. La Pennsylvania è stata fondata da diverse sette pacifiste come i quaccheri che si rifiutavano di prendere parte a qualsiasi tipo di guerra. Nei primi anni la colonia non ebbe un esercito, e a quanto pare non venne attaccata dagli indiani. Anzi, le sue intenzioni pacifiste le valsero il rispetto delle tribù. Le colonie che arrivarono con i soldati negli altri stati provocarono gli indiani e si arrivò alle sanguinose guerre che tutti conosciamo.

inviato il 19/05/2014
Nei segnalibri di:

Wonder

R.J. Palacio
Wonder
Tradotto da Alessandra Orcese
10 RIGHE DAI LIBRI CON GIUNTI EDITORE 2012 2013
10 righe da pagina 270:

... Più gentili del necessario. Perchè non è sufficiente essere gentili. Bisogna essere più gentili di quanto ci viene richiesto.

inviato il 11/03/2014
Nei segnalibri di:

I Feel Good - l'Autobiografia

immagine copertina
James Brown
I Feel Good - l'Autobiografia
Tradotto da Francesco Pacifico
Minimum fax 2006
10 righe da pagina 80:

Al contrario, il tuo matrimonio affonda.
Per evitarlo gli uomini devono sforzarsi di capire che il matrimonio non è una questione di gratificazione immediata, né significa necessariamente stare sempre con la donna più attraente nei paraggi. L'aspetto non conta davvero come pensiamo quando siamo giovani e "innamorati". Le donne, lo impariamo presto, non sono gli oggetti perfetti delle nostre fantasie bensì esseri umani dotati di vita propria, esattamente come gli uomini, di cui condividono le stesse fragilità. Bisogna perciò imparare a fare compromessi, bisogna essere in grado di cambiare, crescere, imparare insieme, come coppia, sotto ogni aspetto: sociale, culturale e anche economico, sperando di continuare anche nella mezza età e oltre. Se uno dei due vuole che l'altro resti quello che era il giorno del matrimonio, non funzionerà, tutto qui. Credetemi, io ci sono passato.

inviato il 25/02/2013
Nei segnalibri di:

Un Pezzo di Uomo

immagine copertina
Kari Hotakainen
Un Pezzo di Uomo
Tradotto da Nicola Rainò
Iperborea 2009
10 righe da pagina 224:

Al volante un uomo le cui prime parole tradirono subito l'origine estone. Aveva il cranio rasato e macchie rossastre sulla nuca, e quando si voltò verso il cliente svelò un occhio, il sinistro, di vetro. Kimmo restò sbigottito. Ebbe la netta sensazione che la forza dell'occhio mancante fosse migrata nell'altro, tanto tagliente era il suo sguardo. Chi ha due occhi ti guarda, chi uno solo ti punta.

inviato il 11/02/2013
Nei segnalibri di:

Un Pezzo di Uomo

immagine copertina
Kari Hotakainen
Un Pezzo di Uomo
Tradotto da Nicola Rainò
Iperborea 2009
10 righe da pagina 302:

Paavo è tornato ad essere Paavo, riflettè Salme. Più o meno. Qualche piccola rotella gli è andata fuori posto, ma che vuoi, non puoi pretendere di arrivare al traguardo tale e quale come eri alla partenza. Quella volta che con la Simca centrammo una buca, trovammo poi tutto il portabagagli a soqquadro. Ci sta come paragone? La verità è che la vita non fa sconti a nessuno, nemmeno a quelli che credono il contrario e cercano di guadagnare anni con i lifting. La grande falciatrice non perde tempo a esaminare le rughe in controluce, ma ci abbatte come fili d'erba con la sua lunga lama ricurva.

inviato il 11/02/2013
Nei segnalibri di:

Fuori Gioco

immagine copertina
Michal Viewegh
Fuori Gioco
Tradotto da Alessandro Catalano
Atmosphere Libri 2012
10 righe da pagina 80:

Ho studiato all'accademia delle arti applicate, mi sono laureata (ovviamente con lode) e un mese dopo ho vinto il primo concorso al quale ho partecipato. Papà era scioccato, mentre io non mi sono meravigliata più di tanto. Le altre ragazze che non avevano ottenuto il posto in questione si erano limitate a studiare design per cinque anni, mentre io, fin dall'infanzia avevo riflettuto per 16 ore al giorno su bellezza, simmetria, equilibrio, proporzioni e simili, e le altre 8 ore le avevo trascorse a sognare gli stessi argomenti. Non mi poteva battere nessuno. Per di più, subito prima del concorso, avevo buttato giù 2 bicchierini e quindi ho travolto senza problemi quelle poverette belle e sobrie.

inviato il 25/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie! Possiamo modificare solo noi.

Se sapessi come si fa a modificare le 10 righe lo farei! Comunque, pagina 80, uscito nel novembre 2012, ma l'originale è del 2005, il traduttore è Alessandro Catalano.

Nome del traduttore, numero della pagina e anno di edizione? :)

Un Pezzo di Uomo

Kari Hotakainen
Un Pezzo di Uomo
Tradotto da Nicola Rainò
Iperborea 2009
10 righe da pagina 32:

Gli opposti si attraggono. Non sono io che lo dico, è la verità. Maija era tutta luce, perciò doveva andare in cerca delle tenebre. E' sempre stata terribilmente affascinata dal lato oscuro della gente. Ha cominciato con il gioco della bottiglia, poi è passata allo spiritismo e a tutte quelle scempiaggini e, ciliegina sulla torta, è finita con un negro. Ho detto proprio negro, e se il registratore me lo consente, vorrei dire subito tutta la mia sull'argomento.

inviato il 21/01/2013
Nei segnalibri di:

Fuori Gioco

immagine copertina
Michal Viewegh
Fuori Gioco
Atmosphere Libri 2012

Gli interventi da fare sarebbero talmente tanti che la soluzione migliore è abbatterla e ricostruirla da capo. Questo è esattamente il mio caso: i laser, la liposuzione, le plastiche, non risolverebbero niente. La soluzione ottimale per me si chiama DEMOLIZIONE.

inviato il 21/01/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Maurizio :)

innamorarsi a notting hill

immagine copertina
Ali McNamara
innamorarsi a notting hill
Tradotto da anna ricci
Newton Compton Editori 2013
10 righe da pagina 4:

Sarebbe stato assurdo non fermarsi a dare almeno una rapida occhiata. perchè davanti ai miei occhi era apparsa la libreria. Avete presente la libreria di viaggio? Dove Hugh e Julia si incontrarono per la prima volta in Notting Hill? Ebbi un attimo di esitazione sulla soglia, e mi ripetei che dovevo cercare la casa, ma era questa libreria... pochi minuti in più o in meno non avrebbero cambiato nulla. Mi affrettai a entrare con la valigia e cercai di non mostrarmi troppo euforica quando mi resi conto che il negozio era identico al film. Mentre mi aggiravo tra gli scaffali.

inviato il 16/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Monica, scusa il ritardo nel risponderti. Io il film non l'ho visto e dato che stasera non ho nulla da fare lo cerco e lo vedo... Grazie per il suggerimento :-)

Ho visto solo oggi queste tue dieci righe e mi hanno ricordato il film .... che dolce sensazione e che brava la protagonista... ciao Francesca.

bello !

Ricordi di un vicolo cieco

immagine copertina
Banana Yoshimoto
Ricordi di un vicolo cieco
Tradotto da G. Amitrano
Feltrinelli (collana I canguri) 2006
10 righe da pagina 150:

A me è molto chiaro. Quel tipo di persone vanno avanti per stereotipi. Pensare che una persona, solo perchè sta sempre in casa e non si muove molto, o perchè fa una vita regolare e a vederla sembra tranquilla, è una persona semplice, chiusa e limitata anche internamente, riflette una mentalità incredibilmente meschina. Però la maggior parte delle persone ragiona così. Anche se il cuore ha la potenzialità di espandersi in qualunque direzione. Ci sono talmente tanti che non provano neanche a immaginare quale tesoro giace addormentato dentro le persone" disse Nishiyama.

inviato il 08/09/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie a te Violet...

Le dieci righe da me scelte sono quelle di Claudio Tarani, http://scrivi.10righedailibri.it/scarpette-bianche

Grazie ^_^

Ciao Violet hill, con le tue 10 righe, ti aggiudichi un posto come finalista nel mese di Settembre. Lunedì prossimo ricorda di scegliere le 10righe che preferisci tra quelle postate da oggi a domenica 21 settembre. Grazie :D

Gli sdraiati

immagine copertina
Michele Serra
Gli sdraiati
Feltrinelli 2013
10 righe da pagina 89:

Lasciare pulito il cesso. Spegnere le luci. Chiudere i cassetti e le ante degli armadi. Per me sarebbe già molto. Anzi: moltissimo. Quasi mi commuoverebbe. Tanto da rendere lecito il sospetto che tu disattenda un così poco impegnativo ordine del giorno proprio perché è troppo poco: un fabbisogno etico così mediocre da non scalfire il tuo spirito, che custodisce, come è tipico dei giovani, il seme dell'eroismo, e certo non può accendersi nel nome del decoro domestico a me tanto caro. Così che se io, per dire, mi presentassi con gli occhi spiritati e ti dicessi che devi partire subito, stanotte stessa, per liberare armi in pugno un popolo oppresso, o per evangelizzare i selvaggi, o per ricacciare oltreconfine gli impuri..., allora sì che ti vedrei balzare dal divano, farti in un attimo "hombre vertical", preparare lo zaino e abbracciandomi mormorare chino al mio orecchio: finalmente, padre mio, invece delle meschine cazzate con le quali mi assilli da quando sono nato, mi indichi una Meta degna di questo nome!

inviato il 21/07/2014
Nei segnalibri di:

La casa tonda

immagine copertina
Louise Erdrich
La casa tonda
Tradotto da Vincenzo Mantovani
Feltrinelli 2012
10 righe da pagina 10:

Le donne non si rendono conto di quanto gli uomini fanno assegnamento sulla regolarità delle loro abitudini. Noi assorbiamo nei nostri corpi i loro andirivieni, nelle nostre ossa i loro ritmi. Il nostro polso è regolato sul loro, e come sempre in un pomeriggio festivo si attendeva che mia madre cominciasse a scandire i minuti che ci separavano dalla sera. E così, come potete capire, la sua assenza fermò il tempo. Che cosa dovremmo fare? dicemmo all'unisono, e questo fu, di nuovo, piuttosto inquietante. Ma almeno mio padre, vedendo che ero un po' nervoso, prese l'iniziativa. Andiamo a trovarla, disse. E anche allora, mentre mi buttavo la giacca sulle spalle, fui felice che fosse così preciso: trovarla, non soltanto cercarla, non andare a chiedere qua e là. Saremmo usciti e l'avremmo trovata.

inviato il 02/09/2014
Nei segnalibri di:

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

immagine copertina
Jonas Jonasson
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
Tradotto da Margherita Podestà Heir
Bompiani 2014
10 righe da pagina 7:

Di certo Allan Karlsson avrebbe potuto pensarci prima e, magari, comunicare agli interessati la sua decisione. In effetti non aveva mai riflettuto troppo sulle cose. Ecco perché quell'idea non ebbe neanche il tempo di fissarsi nella sua testa che già aveva aperto la finestra della stanza al pianterreno della casa di riposo di Malmkőping, nel Sőrmland, per poi sgusciare fuori e atterrare nell'aiuola sottostante.
La manovra richiedeva un certo fegato, dal momento che Allan compiva cent'anni proprio quel giorno.

inviato il 25/08/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Un libro divertente per ridere un po' :)

Incuriosisce parecchio :)

Bellissimo!!!

Quando la pioggia cadrà tornerò

Takuji Ichikawa
Quando la pioggia cadrà tornerò
Tradotto da Marcella Mariotti
Superpocket 2010
10 righe da pagina 239:

Due giorni dopo che Mio se n'era andata, la stagione delle piogge annunciò la sua fine. Mi parve che fosse partita troppo in fretta.
Così ricominciò la nostra vita a due, anche se ogni angolo della casa parlava di lei, di lei che se n'era andata in sole sei settimane.
“E tu?” aveva chiesto. “Se felice? Ti rendo felice?”.
Ogni volta che tornavano queste parole la chiamavo, lei, ora su quel pianeta lontanissimo. Me lo chiedevi in ogni momento se mi rendevi felice. Avere una moglie che si preoccupa di te in questo modo rende felici. Non lo sapevi?
"Che bravo, complimenti!" era il suo intercalare. Pensare che non lo sentirò mai più mi rattrista. Quando me lo ripetevi riuscivo a dare il meglio di me.

inviato il 02/09/2014
Nei segnalibri di:

L'amore degli adulti

immagine copertina
Claudio Piersanti
L'amore degli adulti
Feltrinelli 2006
10 righe da pagina 113:

Al mattino, mentre camminava, aveva la sensazione che tutti scorgessero un'assenza, accanto a lui, oppure, più semplicemente, che indovinassero in lui i segni della solitudine. Pensò: la solitudine non appartiene agli uomini che camminano soli, ma a quelli che hanno accanto qualcuno che non c'è più.

inviato il 02/09/2014
Nei segnalibri di:

Teo

immagine copertina
Lorenza Gentile
Teo
Einaudi 2014
10 righe da pagina 17:

Il mio papà lo diceva sempre che vincere era la cosa più importante, nella vita.
«E si combatte solo per ciò che si desidera veramente», mi aveva spiegato una volta.
Io cosa volevo veramente?
Qualche giocattolo in più? Sì, anche, ma tanto non usavo nemmeno quelli che avevo. Andare meglio a scuola? Certo, ma poi sarei diventato come quella secchiona antipatica di Giulia e mi sarei stancato anche di essere bravo.
C'era una cosa, però, di cui non mi sarei mai stancato.
Vedere la mamma e il papà che si parlavano senza tenere la voce così alta che arrivava al soffitto e non dovermi ogni volta chiudere nella mia stanza. Non sentire battere forte il cuore quando il papà picchiava un pugno sul tavolo e non avere sempre paura di dire qualcosa che non andava o di non riuscire a dormire la notte.
Una famiglia almeno un po' felice, questo era quello che volevo più di ogni altra cosa.

inviato il 03/09/2014
Nei segnalibri di:

Aforismi sulla saggezza nella vita

immagine copertina
Arthur Schopenhauer
Aforismi sulla saggezza nella vita
Tradotto da L. Casini
Newton Compton (collana Grandi tascabili economici) 2010
10 righe da pagina 58:

Aver gloria e gioventù in una volta sarebbe troppo per un mortale; la nostra esistenza è così povera che i suoi beni devono essere ripartiti con più
risparmio. La gioventù possede abbastanza ricchezze sue proprie; essa può tenersene paga. Si è nella vecchiezza, quando i piaceri e le gioie sono morte, come gli alberi durante la fredda stagione, che l’albero della gloria viene a germogliare molto a proposito, come verdura d’inverno; si può anche paragonare la gloria a quelle pere tardive che si sviluppano nell'estate, ma che non sono mangiate che d’inverno. Non havvi più bella consolazione per il vegliardo che di vedere tutta la forza de’ suoi giovani anni incorporarsi in opere che non invecchieranno come la sua gioventù.

inviato il 20/01/2014
Nei segnalibri di:

WONDER

R.J.PALACIO
WONDER
GIUNTI
10 righe da pagina 274:

La grandezza non risiede nell'essere forti, ma nel giusto uso che si fa della forza. E' il più grande colui la cui forza trascina il maggior numero di cuori...grazie al richiamo del proprio."

inviato il 13/11/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Silvia, anno di pubblicazione del libro? Grazie :)

Un giorno questo dolore ti sarà utile

Un giorno questo dolore ti sarà utile 4 years 49 settimane fa

Grazie!

Fuori Gioco

Fuori Gioco 6 years 29 settimane fa

Se sapessi come si fa a modificare le 10 righe lo farei! Comunque, pagina 80, uscito nel novembre 2012, ma l'originale è del 2005, il traduttore è Alessandro Catalano.

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy