Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Natalina

Non lasciarmi

immagine copertina
KAZUO ISHIGURO
Non lasciarmi
Tradotto da Paola Novarese
Einaudi 2005
10 righe da pagina 129:

Durante quei primi mesi,,avevamo in qualche modo elaborato la teoria che il nostro inserimento della comunità dei Cottages-quanto eravamo bravi a copiare- dipendeva da quanti libri si erano letti.Potrà sembrare strano ma è così,quest'idea prese piede nel nostro gruppo,tra quelli che provenivano da Hailsham .Tutto l'insieme era deliberatamente un pò nebuloso - e infatti aveva molti tratti in comune con il modo in cui avevamo affrontato il problema del sesso a Hailsham. Andavamo in giro con l'aria di chi aveva letto ogni genere di cose, annuendo con fare consapevole quando qualcuno menzionava per esempio "Guerra e pace",sottintendendo che nessuno avrebbe sondato nel dettaglio questa affermazione.Non bisogna dimenticare che, dal momento che eravamo stati quasi sempre insieme dal nostro arrivo ai Cottages,sarebbe stato impossibile per uno di noi leggere "Guerra e pace"senza che gli altri se ne accorgessero.

inviato il 15/11/2017
Nei segnalibri di:

Quel che resta del giorno

immagine copertina
Kazuo Hisshiguro
Quel che resta del giorno
Tradotto da Maria Antonietta Saracino
Einaudi Tascabili 1990
10 righe da pagina 200:

Mi domando che cosa sarà mai quello che state leggendo, Mr Stevens.
Nient'altro che un libro, Miss Kenton.
Questo lo vedo, Mr Stevens .Ma che tipo di libro? È questa la cosa che mi interessa.
Alzai lo sguardo e vidi Miss Kenton che avanzava verso di me. Richiusi il libro e, tenendolo stretto a me, mi alzai in piedi.
Davvero Miss Kenton, dissi, mi vedo costretto a chiedervi di rispettare la mia intimità.
Ma perché mai siete così timido a proposito di quel libro, Mr Stevens? Mi viene il sospetto che possa trattarsi di una cosa audace.
È del tutto impensabile, Miss Kenton, che qualcosa di "audace", come dite voi, possa rinvenirsi sugli scaffali di sua signoria.
Ho sentito dire che molti libri eruditi contengono i brani più audaci, ma non ho mai avuto il coraggio di guardare. Ora Mr Stevens, vi prego di consentirmi di vedere cosa state leggendo.
Miss Kenton, devo chiedervi di lasciarmi in pace. È del tutto assurdo che voi dobbiate persistere nell'inseguirmi in questo modo nel corso dei pochissimi momenti di tempo libero che posso trascorrere da solo.

inviato il 09/11/2017
Nei segnalibri di:

Cent'anni di solitudine

immagine copertina
Gabriel Garcia Marquez
Cent'anni di solitudine
Tradotto da Enrico Cicogna
Arnoldo Mondadori Editore 1983
10 righe da pagina 224:

Per parecchio tempo Aureliano Buendia non riuscì a recuperare serenità.Tralassciò la fabbricazione dei pesciolini,mangiava a stento ,e vagava come un sonnambulo per tutta la casa ,trascinando la coperta masticando una collera sorda.in capo a tre mesi aveva i capelli grigiastri,i vecchi baffi con le punte impeciate spioventi sulle labbra pallide,ma in cambio i suoi occhi erano di nuovo le due braci che spaventarono chi lo aveva visto nascere e che in altri tempi facevano roteare le sedie solo a guardarle.Nella furia del suo tormento cercava inutilmente di provocare i presagi che avevano guidato la sua gioventù lungo sentieri di pericolo fino al desolato ermo della gloria.era perduto, smarrito in una casa estranea dove ormai nulla e nessuno suscitava la minima ombra di affetto.Una volta aprì la stanza di Melquiades,cercando le ombre del passato anteriore alla guerra,e trovò soltanto macerie,la mondezza,i mucchi di porcheria accumulati in tanti anni di abbandono.sulle copertine dei libri che nessuno ...

inviato il 31/10/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Gabriel Garcia Marquez (Gabo ) è stato uno scrittore-giornalista,saggista ,insignito del Premio Nobel per la Letteratura nel 1982.

20 poesie d'amore e una canzone disperata

immagine copertina
Pablo Neruda
20 poesie d'amore e una canzone disperata
Tradotto da Giuseppe Bellini
Nuova Accademia 1963
10 righe da pagina 68:

GIOCHI OGNI GIORNO
Giochi ogni giorno con la luce dell'universo.
Sottile visitatrice ,giungi nel fiore e nell'acqua.
Sei più di questa bianca testina che stringo
come un grappolo tra le mie mani ogni giorno.
a nessuno rassomigli da che ti amo.
Lasciami distenderti tra ghirlande gialle.
Chi scrive il tuo nome a lettere di fumo tra le stelle del sud?
Ah lascia che ti ricordi come eri allora,quando ancora non esistevi.
Improvvisamente il vento ulula e sbatte la finestra chiusa.
Il cielo é una rete colma di pesci cupi.
Qui vengono a finire tutti venti,tutti.
La pioggia denuda,
Passano fuggendo gli uccelli.
Il vento,Il vento.
Io posso lottare solamente contro le forze degli uomini.
Il temporale solleva in turbine foglie oscure
e scioglie tutte le barche che ieri sera s'ancorarono al cielo.
Tu sei qui.Ah tu non fuggi.
Tu mi risponderai fino all'ultimo grido.
Raggomitolati al mio fianco come se avessi paura.
Tuttavia qualche volta corse un 'ombra strana nei tuoi occhi.
Ora,anche ora,piccola mi rechi caprifogli.
ed hai anche i seni profumati.
Mentre il vento galoppa uccidendo farfalle...

inviato il 23/10/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie per il libro incentivo!Provvedo ad inviare i miei dati...naty

Ciao Natalina, sei la finalista del mese di ottobre, 10 righe scelte da Voi Utenti. Per te un libro incentivo. Manda i tuoi dati a :
libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Natalina, sei nella classifica finale di ottobre. 10 righe scelte da Voi utenti.

Grazie !!!

Ciao Natalina, questa poesia è fantastica!!!

Quel che resta del giorno

immagine copertina
Kazuo Ishiguro
Quel che resta del giorno
Tradotto da Maria Antonietta Saracino
Einaudi tascabili 1989
10 righe da pagina 5:

L'idea di un simile viaggio era nata,mi preme sottolinearlo,da una proposta delle più cortesi avanzatami da Mr Farraday, allorchè aveva fatto il suo ingresso in biblioteca.E infatti,a quanto ricordo,mi trovavo in cima alla scala a pioli,intento a spolverare il ritratto del Visconte di Wetherby,allorché aveva fatto il suo ingresso in biblioteca il mio datore di lavoro il quale recava con sé alcuni volumi che presumibilmente desiderava venissero riposti sugli scaffali.accorgendosi della mia persona,egli colse l'opportunità di informarmi di aver proprio definito il programma del suo rientro negli Stati uniti di cinque settimane tra agosto e settembre.Fatto questo annuncio,il signore depose i volumi sul tavolo,prese posto sulla chaisie -longue e distese le gambe su di me,aggiunse: Spero sia chiaro, Stevens che non mi aspetto che te ne rimanga chiuso in questa casa per tutto il tempo in cui starò via.Perché non prendi la macchina e te ne vai a fare un giro,per qualche giorno?

inviato il 16/10/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Kazuo Ishiguro nato il giorno 8.Novembre 1954-Nagasaki -Prefettura -Giappone
Scrittore giapponese naturalizzato britannico,vincitore del Premio Nobel per la Letteratura 2017.

Amicizia ed altri racconti

immagine copertina
H.Hesse
Amicizia ed altri racconti
Tradotto da Mirella Ulivieri
NEWTON COMPTON 1989
10 righe da pagina 248:

Bisogna pur raccontarlo,dunque avanti!
Il mio soggiorno a Monaco fu bello.La mia casa non era lontana dal giardino inglese,dove mi recavo ogni mattina.Anche nelle sale di quadri andavo spesso,e quando vedevo qualcosa di particolarmente stupendo,era sempre come un incontro del mondo esteriore con la beata immagine che custodivo in me.Una sera entrai in una piccola libreria antiquaria per comprare qualcosa da leggere.Rovistai negli scaffali polverosi e trovai una bella edizione di Erodoto,graziosamente rilegata,che acquistai.Così venni a parlare con il commesso che mi serviva.Era un uomo straordinariamente garbato,di una tacita cortesia,con un viso modesto ma come illuminato da una luce interiore,e in tutta la sua persona era diffusa una bontà quieta
e soave che si percepisce subito e si poteva leggere anche nei tratti e gesti di lui.Aveva letto molto,e dato che mi era piaciuto tanto,tornai altre volte per comprare qualcosa e parlare un quarto d'ora con lui. Senza che egli avesse accennato ,avevo l'impressione che fosse un uomo il quale aveva dimenticato o superato le tenebre

inviato il 09/10/2017
Nei segnalibri di:

Sonno

immagine copertina
Haruki Murakami
Sonno
Tradotto da Antonietta Pastore
Einaudi 2014
10 righe da pagina 53:

Ma che atteggiamento avrebbe preso ascoltando il mio racconto?Più ci pensavo più mi sentivo in ansia.Avrebbe veramente creduto a quello che gli dicevo?se gli spiegavo che non dormivo da una settimana,prima di tutto avrebbe dubitato delle mie facoltà mentali.Oppure,semplicemente,mi diagnosticava un insonnia nevrotica.O magari mi avrebbe creduto,mandandomi poi in un grande ospedale per fare delle analisi.E poi cosa sarebbe successo?
Mi avrebbero chiusa lì dentro ,portata da un reparto all'altro ,sperimentato su di me varie terapie.Mi avrebbero fatto un encefalogramma e un elettrocardiogramma,l'analisi delle urine e del sangue ,test psicologici e chissà che altro.Non l'avrei sopportato.Io volevo leggere tranquilla i miei libri.Nuotare un'ora esatta ogni giorno.E soprattutto essere libera.Era tutto quello che desideravo .Perché dovevo farmi ricoverare?E in ogni caso ,che cosa avrebbero capito quelli lì?Mi avrebbero soltanto fatto un sacco di analisi ,per poi imbastire un sacco di teorie.Non volevo essere rinchiusa in un posto del genere.Un pomeriggio, andai in biblioteca,e lessi...

inviato il 26/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Haruki Murakami nato a Kyoto (Giappone) nato il 12 gennaio 1949,è uno scrittore ,traduttore e saggista giapponese.

La piazza del diamante

immagine copertina
Mercè Rodoreda
La piazza del diamante
Tradotto da Giuseppe Tavani
La Nuova Frontiera 2008
10 righe da pagina 124:

E faceva un caldo,un gran caldo,i vestiti si incollavano alla schiena e le lenzuola si appiccicavano a tutto il corpo,e la gente era terrorizzata.La drogheria sotto casa in capo a pochi giorni rimase vuota e tutti parlavano delle stesse cose e una signora disse che si preannunciavano da tempo e che questa faccenda di un popolo in armi succedeva sempre d'estate,che è quando il sangue bolle più in fretta.E che l'Africa avrebbe dovuto essere già sprofondata.Un giorno ,era l'ora in cui portavano il latte Sila,non lo portarono.E i signori stavano tutti seduti in sala da pranzo,aspettando che portassero il latte Sila.E a mezzogiorno suonarono alla porta principale e mi dissero di
andare ad aprire,e il signore dallo spolverino dietro di me.Era l'uomo del carretto del latte Sila.Andai ad aprire il portone a inferriata e l'uomo mi diede due cartocci incerati,e io li presi.E il signore dallo spolverino disse,vede che succede ,eh?che ne pensa?Non capiscono che senza i ricchi i poveri sono finiti?

inviato il 18/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Mercé Rodoreda nata il 10/10/ 1908 -Barcellona-Spagna
Decesso -!13/4/1983 Girona -Spagna

Discorso sulla fragilità degli uomini

immagine copertina
Olivier Bleys
Discorso sulla fragilità degli uomini
Tradotto da Tania Spagnoli
Edizioni Clichy 2017
10 righe da pagina 177:

"Appunto ,Wei,appunto!Sono sicuro che gli alberi se avessero gli occhi e un pò di intelletto ,guarderebbero il televisore.Non c'è divertimento che gli si addica di più e per cui siano più adatti.Chissà del resto ,se il nostro sommaco non approfitta a modo suo dei programmi televisivi?Da quel che mi sembra ,i suoi rami più alti occupano una buona posizione.allungandosi verso la finestra,potrebbero vedere lo schermo ".
"Il prozio Hou-Chi parla a vanvera!"scoppiò a ridere l'operaio.

Tutte le pupille tuttavia ruotarono verso il vetro da cui si intravedevano in effetti fini e segmentati come bruchi in fila indiana,i rami più alti del sommaco.A giudicare dall'estensione dei rami,l'albero non bramava i raggi del sole ma,in effetti ,le luci bluastre del televisore.
"La natura è piena di misteri"terminò Hou -Chi con un sorriso sinuoso."Del resto ,non facciamo parte anche noi della natura?".

inviato il 11/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Barbara,ben trovata !

Ciao Natalina :*

Olivier Beys ,nato il 2.maggio 1970- a Lione-Francia

Capricci del destino

immagine copertina
Karen Blixen
Capricci del destino
Tradotto da Paola Ojetti
Feltrinelli 2005
10 righe da pagina 34:

Il pranzo di Babette
Quando il folletto dai capelli rossi ch'era al servizio di Babette aprì la porta della stanza da pranzo ,e gli ospiti ne varcarono la soglia lentamente,questi non si tennero più per mano ,e rimasero in silenzio .Ma era un dolce silenzio,perché in ispirito essi si tenevano ancora per mano,cantando.
Babette aveva messo una fila di candele in mezzo alla tavola,e quelle fiammelle brillavano contro le giacche e le vesti nere,e contro l'unica uniforme scarlatta,e si riflettevano nei chiari occhi umidi.Il generale Loewenhielm vide il volto di Martina alla luce delle candele,come lo aveva veduto trent'anni prima,quando i due si erano lasciati.Quali tracce avevano mai potuto lasciarvi trent'anni di vita a Berlevag?i capelli d'oro erano adesso striati d'argento,il viso tanto simile a un fiore adagio adagio si era fatto di alabastro.Ma quanto serena era quella fronte e quanto pacato e fiducioso quello sguardo,quanto pura e dolce la bocca,come se mai parole avventate fossero uscite da quelle labbra.Quando tutti si fossero seduti ,i membri anziani della Congregazione ...

inviato il 05/09/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Karen Blixen(Dinesen) nata a Rungstad -Horsholm -Danimarca , il 17 aprile 1885- Deceduta il 7 settembre 1962 -La sua vita a fasi drammatica è stata magistralmente ricostruita da Judith Turman-

Quante volte ,il libro è definito ...Un viaggio;l'estate ricca di suoni e frastuoni e calura..mi hanno aiutato ad allontanarmi,per ritrovare un mondo particolare ,chiuso ,grigio ,freddo ,nello stesso tempo raccolto ,in un momento conviviale e speciale.Un viaggio gratificante per lo spirito...

Aurora nel buio

immagine copertina
Barbara Baraldi
Aurora nel buio
Giunti Editore 2017
10 righe da pagina 255:

La pazzia non esiste.
Nevrosi,disturbi della personalità,persino le psicosi possono essere scatenate da gravi eventidi natura traumatica.
Noi cerchiamo di dare conforto a coloro che hanno subito un crollo,li aiutiamo a convivere con le proprie debolezze.
La natura della psiche umana è complessa,e non è ancora decifrata.
Va tutto bene finchè riudsciamo a confinare la sofferenza dentro a un muro,nella nostra mente.
Fece una pausa. Ma a volte osservare quel muro è spaventoso al punto da rendere l'esistenza stessa insopportabile.

inviato il 16/11/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Silvia...tocc tocc queste 10 righe mi hanno ricordato la lettura di un libro scritto da Antonio Ferrara "Batti il muro"...parla di una bambina che si rifugia in un armadio a causa della malattia della madre...ciao ,naty

MOBY DICK

HERMAN MELVILLE
MOBY DICK
Tradotto da Ottavio Fatica
Einaudi (collana Supercoralli) e-book
10 righe da pagina 2672:

(...) le vostre balene, per ucciderle, occorre prima avvistarle; e un giovane platonico dagli occhi infossati vi trascinerà dieci volte intorno al mondo e non ci guadagnerete una pinta. (...) E magari ce ne saranno stati di banchi all'orizzonte senonché la mescidanza cadenza dell'onde coi pensieri culla il nostro giovane svagato in un tal letargo oppiaceo di fantasticherie vacue e incoscienti che finisce per perdere l'identità, scambia l'arcano oceano ai piedi per l'immagine visibile di quell'anima profonda, azzurra, illimite che pervade umanità e natura; e ogni cosa strana, intravista, guizzante, bellissima che gli sfugga, ogni pinna d'incerta forma da lui confusamente scorta che affiori, gli sembra l'incarnazione di quei pensieri sfuggenti che senza posa sciamano attraverso l'anima.

inviato il 17/11/2017
Nei segnalibri di:

Terapia di coppia per amanti

immagine copertina
Diego De Silva
Terapia di coppia per amanti
Einaudi Super ET 2017
10 righe da pagina 3:

Se pensate che gli amanti siano partigiani della felicità; gente abbastanza disillusa da aver capito che l'unico modo per resistere all'andazzo mortifero della vita matrimoniale sia farsene un'altra in cui negare ideologicamente le norme vigenti nella prima, e dunque abolire ogni ruolo, ogni dovere, ogni ambizione di stabilità in nome di un unico fine superiore (il solo che poi conta veramente), quello di vedersi quando si ha voglia senza aspettarsi dall'altro più di quanto ti dà; bene, se è questo che pensate, allora lasciate che vi dica che non avete la minima idea di cosa state parlando.

inviato il 14/11/2017
Nei segnalibri di:

Non lasciarmi

immagine copertina
KAZUO ISHIGURO
Non lasciarmi
Tradotto da Paola Novarese
Einaudi 2005
10 righe da pagina 129:

Durante quei primi mesi,,avevamo in qualche modo elaborato la teoria che il nostro inserimento della comunità dei Cottages-quanto eravamo bravi a copiare- dipendeva da quanti libri si erano letti.Potrà sembrare strano ma è così,quest'idea prese piede nel nostro gruppo,tra quelli che provenivano da Hailsham .Tutto l'insieme era deliberatamente un pò nebuloso - e infatti aveva molti tratti in comune con il modo in cui avevamo affrontato il problema del sesso a Hailsham. Andavamo in giro con l'aria di chi aveva letto ogni genere di cose, annuendo con fare consapevole quando qualcuno menzionava per esempio "Guerra e pace",sottintendendo che nessuno avrebbe sondato nel dettaglio questa affermazione.Non bisogna dimenticare che, dal momento che eravamo stati quasi sempre insieme dal nostro arrivo ai Cottages,sarebbe stato impossibile per uno di noi leggere "Guerra e pace"senza che gli altri se ne accorgessero.

inviato il 15/11/2017
Nei segnalibri di:

Mary Poppins

immagine copertina
Pamela Lyndon Travers
Mary Poppins
Tradotto da Letizia Bompiani
Rizzoli 2014
10 righe da pagina 12:

Poi la figura, scossa e sballottata dal vento, sganciò il lucchetto del cancello e i bimbi poterono vedere che si trattava di una donna, che con una mano si teneva fermo il cappello e con l’altra portava una grande borsa. Ecco che, mentre stavano osservando, Giovanna e Michele videro una cosa molto curiosa. Appena la figura ebbe oltrepassato il cancello, sembrò che il vento la sollevasse, portandola in volo verso la casa. Fu come se l’avesse trascinata fino al cancello, avesse atteso che si aprisse e poi di nuovo soffiando avesse sollevato lei, la grande borsa e tutto fino alla soglia di casa. I bimbi, sempre protesi a guardare, udirono un terribile rumore e, come lei ebbe posto piede a terra, l’intera casa si scosse.

inviato il 13/11/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Pamela Lyndon Travers, pseudonimo di Helen Lyndon Goff (Maryborough, 9 agosto 1899)

Moby Dick

Herman Melville
Moby Dick
Tradotto da Ottavio Fatica
Einaudi (collana Supercoralli) e-book
10 righe da pagina 825:

Avvitata all'asse contro la fiancata della nave, una lucerna pensile oscilla lievemente nella cabina di Giona; e con la nave che con il peso degli ultimi colli caricati s'ingavona verso il pontile, la lucerna, con la fiamma e tutto il resto, malgrado il movimento lieve, mantiene una costante inclinazione rispetto alla cabina; anzi, nella sua inoppugnabile verticalità, non fa che evidenziare i piani falsi e menzogneri in mezzo ai quali è appesa. Quel lume inquieta e spaura Giona che, steso nella cabina, volge all'intorno l'occhio tormentato; il fuggiasco finora fortunato non trova asilo allo sguardo senza pace. E il controsenso della lucerna sempre più lo riempie di sgomento. Il madiere, la volta, la fiancata sono tutti sbilenchi. "Oh", si lamenta, "così è appesa in me la mia coscienza! Così arde diritta verso l'alto; le camere dell'anima mia invece sono una stortura!"

inviato il 10/11/2017
Nei segnalibri di:

Quel che resta del giorno

immagine copertina
Kazuo Hisshiguro
Quel che resta del giorno
Tradotto da Maria Antonietta Saracino
Einaudi Tascabili 1990
10 righe da pagina 200:

Mi domando che cosa sarà mai quello che state leggendo, Mr Stevens.
Nient'altro che un libro, Miss Kenton.
Questo lo vedo, Mr Stevens .Ma che tipo di libro? È questa la cosa che mi interessa.
Alzai lo sguardo e vidi Miss Kenton che avanzava verso di me. Richiusi il libro e, tenendolo stretto a me, mi alzai in piedi.
Davvero Miss Kenton, dissi, mi vedo costretto a chiedervi di rispettare la mia intimità.
Ma perché mai siete così timido a proposito di quel libro, Mr Stevens? Mi viene il sospetto che possa trattarsi di una cosa audace.
È del tutto impensabile, Miss Kenton, che qualcosa di "audace", come dite voi, possa rinvenirsi sugli scaffali di sua signoria.
Ho sentito dire che molti libri eruditi contengono i brani più audaci, ma non ho mai avuto il coraggio di guardare. Ora Mr Stevens, vi prego di consentirmi di vedere cosa state leggendo.
Miss Kenton, devo chiedervi di lasciarmi in pace. È del tutto assurdo che voi dobbiate persistere nell'inseguirmi in questo modo nel corso dei pochissimi momenti di tempo libero che posso trascorrere da solo.

inviato il 09/11/2017
Nei segnalibri di:

Blues di mezz'autunno

immagine copertina
Santo Piazzese
Blues di mezz'autunno
Sellerio
10 righe da pagina 57:

"Una volta avevo portato a bordo una cassetta di Oum Kalthoum, la stella egiziana della musica araba, e l'avevo fatta ascoltare a Mohamed e Karim. Erano quasi commossi, e sopportarono impassibili gli sfottò del resto dell'equipaggio.
Avevo chiesto loro di che trattasse la prima di quelle canzoni dalla vocalità drammatica, frammentata tra rivendicazione, disappunto e senso di smarrimento.
-Iddra voli a un picciottu ca cciavi l'occhi comu du striddri - disse Mohamed; - o' picciottu 'nveci cci piaci an'avutra fimmina. E a iddra ci scatta 'u cori.
Mirabile sintesi. Gliel'avevo lasciata quella cassetta [...].

inviato il 05/11/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!

Benvenuta Oliva :)

Esercizi di memoria

immagine copertina
Andrea Camilleri
Esercizi di memoria
Rizzoli 2017
10 righe da pagina 2:

Ogni mattina alle sette, lavato, sbarbato, vestito di tutto punto mi siedo al tavolo del mio studio e scrivo. Sono un uomo molto disciplinato, un perfetto impiegato della scrittura. Forse con qualche vizio, perché mentre scrivo fumo, molto, e bevo birra. E scrivo, io scrivo sempre.
Questo è Camilleri. Poi a novant’anni arriva il buio. E così come non era terrorizzato dalla pagina bianca, combatte anche l’oscurità della cecità e inizia a dettare. La sua produzione letteraria trova nell’oralità una nuova via per raccontare le sue storie. Ma se forte era la sua disciplina prima, lo è ancora di più oggi che può contare esclusivamente sulla sua memoria. E quindi occorre tenerla in esercizio: osservare nei dettagli i ricordi, rappresentarsi nella mente le scene.

inviato il 06/11/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Andrea Calogero Camilleri (Porto Empedocle, 6 settembre 1925)

L'arte di correre

immagine copertina
Haruki Murakami
L'arte di correre
Tradotto da Antonietta Pastore
einaudi super et 2007
10 righe da pagina 35:

Ciò che penso, semplicemente, è che, una volta usciti dalla prima giovinezza, nella vita è necessario stabilire delle priorità. Una sorta di graduatoria che permetta di distribuire al meglio tempo ed energia. Se entro una certa età non si definisce in maniera chiara questa scala dei valori, l'esistenza finisce col perdere il suo punto focale, e di conseguenza anche le sfumature. A me non interessava avere tanti amici in carne ed ossa, privilegiavo il bisogno di condurre una vita tranquilla in cui potermi concentrare nella scrittura. Perché per me le relazioni umane veramente importanti, più che con persone specifiche, erano quelle che avrei costruito con i miei lettori. Se dopo aver posato le fondamenta della mia vita ed essermi creato un ambiente favorevole al mio lavoro, avessi scritto delle opere di un certo valore, un gran numero di persone le avrebbe accolte con gioia. E dar loro questa gioia non era forse per me, in quanto scrittore professionista, il primo dovere? Ancor oggi non ho cambiato opinione in proposito. I lettori non li posso vedere in faccia, e in un certo senso la

inviato il 07/11/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Salve Staff! Ho scelto queste come 10 righe http://scrivi.10righedailibri.it/la-fabbrica-delle-stelle

Ciao Davide, sei nella classifica settimanale del mese di novembre. Scegli da oggi lunedi 13 a domenica 19 novembre, 10 righe che più ti piacciono riportando qui il link.

''relazione con loro è soltanto concettuale, tuttavia per me quell'invisibile relazione «concettuale» è qualcosa della massima importanza, e con questa convinzione ho vissuto finora''

Haruki Murakami (Kyoto, 12 gennaio 1949) è uno scrittore, traduttore e saggista giapponese.

Aurora nel buio

Aurora nel buio 2 giorni 1 hour fa

Silvia...tocc tocc queste 10 righe mi hanno ricordato la lettura di un libro scritto da Antonio Ferrara "Batti il muro"...parla di una bambina che si rifugia in un armadio a causa della malattia della madre...ciao ,naty

20 poesie d'amore e una canzone disperata

20 poesie d'amore e una canzone disperata 5 giorni 1 hour fa

Grazie per il libro incentivo!Provvedo ad inviare i miei dati...naty

20 poesie d'amore e una canzone disperata 3 settimane 4 giorni fa

Grazie !!!

Cent'anni di solitudine

Cent'anni di solitudine 2 settimane 5 giorni fa

Gabriel Garcia Marquez (Gabo ) è stato uno scrittore-giornalista,saggista ,insignito del Premio Nobel per la Letteratura nel 1982.

Robinson Crusoe

Robinson Crusoe 3 settimane 1 giorno fa

Grazie Davide,veramente bravo Pablo Neruda !!!

Quel che resta del giorno

Quel che resta del giorno 4 settimane 6 giorni fa

Kazuo Ishiguro nato il giorno 8.Novembre 1954-Nagasaki -Prefettura -Giappone
Scrittore giapponese naturalizzato britannico,vincitore del Premio Nobel per la Letteratura 2017.

Sonno

Sonno 7 settimane 5 giorni fa

Haruki Murakami nato a Kyoto (Giappone) nato il 12 gennaio 1949,è uno scrittore ,traduttore e saggista giapponese.

La piazza del diamante

La piazza del diamante 8 settimane 6 giorni fa

Mercé Rodoreda nata il 10/10/ 1908 -Barcellona-Spagna
Decesso -!13/4/1983 Girona -Spagna

Perle di luce, Poesie e racconti in forma poetica

Perle di luce, Poesie e racconti in forma poetica 9 settimane 4 giorni fa

Ma che bella! che leggerezza...

L'Idiota

L'Idiota 9 settimane 6 giorni fa

Ben tornata Emma!!!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy