Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Natalina

Per mano nel buio

immagine copertina
Barbara Demick
Per mano nel buio
Tradotto da Valentina Ricci
Piemme 2010
10 righe da pagina 259:

Il preferito di Jun-sang era Via col vento,il cui stile melodrammatico non era molto dissimile dal tono della narrativa coreana.Fu colpito dai parallelismi tra la guerra civile americana e la guerra di Corea.Per lui era incredibile che gli scontri tra compatrioti potessero essere tanto crudeli;era ovvio che gli americani avevano un indole passionale come quella dei coreani,tuttavia a loro era andata meglio ,perché il loro paese era rimasto unito,al contrario della Corea.Ammirava l'audacia dell'eroina,Rossella O'Hara.Gli ricordava un po' le protagoniste dei film nordcoreani ,sempre nella polvere a lottare per la loro terra;Rossella però era un individualista
una qualità non particolarmente osannata nella letteratura nordcoreana.E di sicuro
le eroine nordcoreane non avevano legami sentimentali.Per gli standard nordcoreani quella roba piccante, e Jung -sang volle saperne :prese in prestito
tutto quello che riusci a trovare:La rabbia degli angeli di Sidney Sheldon a Cent'anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez.Lesse perfino Come trattare gli altri e farseli amici,....

inviato il 22/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Natalina :)

Per mano nel buio

immagine copertina
Barbara Demick
Per mano nel buio
Tradotto da Valentina Ricci
Piemme 2010
10 righe da pagina 113:

Il suo corteggiatore era bello, dolce e anche ottimo partito.Conosceva solo un paio di ragazzi che frequentavano l'università,e nessuno dei due era stato ammesso in un istituto di Pyonyang.Finse di essere sorpresa,ma aveva notato che Jung-sang si aggirava nei dintorni e aveva perfino osato sperare che lo facesse per lei.L'uniforme verde,poi non aveva mancato di fare colpo:con doppia fila di bottoni lucenti sul petto sembrava un ufficiale di marina.anche se non aveva mai frequentato ragazzi.Mi-ran sapeva per istinto che doveva farsi desiderare.Cercò di trovare il modo perfetto per dire sì senza sembrare troppo entusiasta .e ne uscì una lettera goffa e formale scritta con la sua grafia più elegante."Piuttosto che causare una situazione per cui non sia in grado di concentrarti nello studio a causa dell'infelicità,per il momento accetterò la tua proposta"gli scrisse qualche settimana più tardi.La relazione ,per lo meno ,all'inizio ,si tradusse in uno scambio epistolare degno del diciannovesimo secolo.

inviato il 15/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie!!!

Ciao Natalina, sei nella finale settimanale di Maggio.

Barbara Demick giornalista americana ,è corrispondente del Los Angeles Times -da Pechino.Per i suoi reportage da Sarajevo e dalla Corea del Nord ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali,ed è stata finalista al Premio Pulitzer.

Andromeda Heights

immagine copertina
Banana Yoshimoto
Andromeda Heights
Tradotto da Gala Maria Follaco
Feltrinelli 2014
10 righe da pagina 66:

Ero già intontita.
Pensavo alla fortunata coincidenza che mi aveva fatto incontrare qualcuno che faceva un lavoro così bello,doveva essere il destino,erano i cactus a metterlo sulla strada.portava occhiali con la montatura nera,una maglia blu scuro dei jeans.aveva occhietti sbarazzini e corporatura scattante,inoltre amava le piante.sembrava giovane,ma portava la fede nuziale:quandola vidi sentìì una stretta al cuore.
Era così che ci si innamora?Non lo riuscivo a capire,non mi era mai successo per davvero.
"Starò qui altri cinque minuti e poi andrò in infermeria.Non c'è nulla che ami più del sole che tramonta,ma dove vivo adesso si nasconde subito dietro i palazzi e non mi dà alcuna emozione.""allora le farò compagnia.Oggi sono venuto solo per una riunione."
Il suo nome era Nomura Shin?ichirò.
Mi bastava pronunciarlo per sentire scaldarsi il cuore.
Uno accanto all'altra,guardammo il sole riflettersi sulle rovine che assumevano tinte via via più dense.Con in mano una lattina di tè caldo e manjù al gusto di cactus.
Stando semplicemente seduta lì con lui ,sentivo che la solitudine ..

inviato il 09/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Banana Yoshimoto nata a Tokio (Giappone ) il 24 ,luglio 1964

We the Italians-50 interviste sull'Italia negli USA

immagine copertina
Umberto Mucci
We the Italians-50 interviste sull'Italia negli USA
Tradotto da Mucci Umberto
Armaando Editore 2016
10 righe da pagina 205:

Bruno Serato :Fondatore e Presidente del Caterina ' Clubs

Fu tua madre,Caterina,che ebbe l'idea di iniziare a cucinare per i bambini,giusto?.
Il 18 aprile 20005 andammo al Boys and girls Club di Anaheim,un luogo dove andavano i bambini meno fortunati .erano le 4 del pomeriggio.Incontrai un bambino di 7 anni,che stava mangiando patatine.Il direttore mi spiegò che il bambino viveva in una camera di un motel ,in una zona in cui c'erano anche spacciatori,tossicodipende, prostitute.
Nella stanza del motel non c'era la cucina ,così sua madre non poteva cucinare per lui.Caterina, mia mamma,mi disse "Bruno ,perché non portiamo loro un pasto caldo stasera,anche solo un semplice piatto di pasta?"e io risposi"Mamma,hai ragione",e cucinai per loro spaghetti al pomodoro.E' così che è iniziato: ora sono passati dieci anni da quel 18 aprile 2005 e non ci siamo mai fermati,ogni giorno,sette giorni alla settimana.Nel 2015 abbiamo celebrato il milionesimo pasto servito.Oggi siamo vicina a dare da mangiare a 1800 bambini ogni giorno.siamo in 23 sedi,orange County,California....

inviato il 08/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Umberto Mucci:Laureatoin Scienze Politiche,fondatore del CEO di We The Italians piattaforma online con il più alto numero di contenuti tra Italia e Stati Uniti.

Ringrazio la Casa editrice:Armando Editore per questo libro incentivo,Natalina

Ultimo viene il corvo

immagine copertina
Italo Calvino
Ultimo viene il corvo
Oscar Mondadori 2012
10 righe da pagina 80:

Il comunista era un uomo basso,con una grossa testa calva,che aveva girato il mondo e sapeva tutti i mestieri.era uno che conosceva il male e il bene della vita,vedeva tutto andar male ma sapeva che un giorno andrebbe meglio,era un operaio che aveva letto libri,un comunista.
Lavorava a giornata per le campagne,perché l'aria della città non era più buona per lui;e lavorava bene,s'intendeva di semine,d'ortaggi.Ma più gli piaceva starsene seduto sui muri a parlare delle cose che si perdono nel mondo,del caffè che si brucia nel Brasile,dello zucchero che si butta in mare a cuba,delle scatole di carne che marciscono nei docks di Chicago.E ricordi suoi ,di una vita impastata di miseria,d'emigrazione,di carabinieri;ricordi di un uomo preso a botte dalla vita,di un uomo che si interessa a tutte le cose ,al male e al bene del mondo ,e ci ragiona sopra.

inviato il 01/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie

http://scrivi.10righedailibri.it/i-malavoglia-5 le 10 righe che più mi piacciono sono queste,!natalina

Perfetto...mi ricordo sicuramente!!! Grazie!!!

Ciao Natalina, sei nella finale del mese di maggio. da oggi lunedi 8 a domenica 14 maggio, scegli 10 righe che più ti piacciono riportando qui nei commenti il link.

Le città invisibili

immagine copertina
Italo Calvino
Le città invisibili
Tradotto da Presentazione Pier Paolo Pasolini
Oscar Mondadori 2012
10 righe da pagina 103:

Le città e gli occhi
Guadato il fiume,valicato il passo,l'uomo si trova di fronte tutt'a un tratto la città di Moriana,con le porte di alabastro trasparenti alla luce del sole,le colonne di corallo che sostengono i frontoni incrostati di serpentina,le ville tutte di vetro come acquari dove nuotano le ombre delle danzatrici dalle squame argentate sotto i lampadari a forma di medusa.Se non è al suo primo viaggio l'uomo sa già che le città come questa hanno un rovescio:basta percorrere un semicerchio e si avrà in vista la faccia nascosta di Moriana,una distesa di lamiera arruginita,tela di sacco ,assi irte di chiodi,tubi neri di fuliggine,mucchi di barattoli,muri ciechi con scritte stinte,telai di sedie spagliate,corde buone solo per impiccarsi a un trave marcio.Da una parte all'altra la città sembra continui in prospettiva moltiplicando il suo repertorio di immagini:invece non ha spessore ,consiste solo in un diritto e in un rovescio ,come un foglio di carta,con una figura di qua e una di là,che non possono staccarsi né guardarsi.

inviato il 24/04/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Staff,un grazie a voi e tutti,naty

Ciao Natalina, sei nella finale settimanale di Aprile.

Italo Calvino n.13.10.1923-a Santiago de Las Vegas -De la Habana-
m.Siena 19.9.1985

Ferro e Sangue

immagine copertina
Liza Marklund
Ferro e Sangue
Tradotto da Laura Cangemi
Marsilio 2017
10 righe da pagina 219:

La porta si chiuse con un risucchio.
Nina si alzò e spalmò di crema anche i piedi dell'uomo.
Le cicatrici delle sferzate sotto le piante riducevano nella luce gialla e lei le seguì con il dito, dure e lucide. Poi si sedette con il libro in grembo.
"En esto descubrieron treinta o cuarenta molinos de viento que hay aquel campo, y asì como don Quijote los vio, dijo a su escudero..."
Era il brano preferito del classico di Cervantes: l'ottavo capitolo, quello del nobile dal cuore puro che affrontava il male del mondo lottando contro una trentina di mulini a vento. Sapeva che Ingemar Lerberg aveva studiato spagnolo, molto tempo prima, ma quel testo seicentesco sarebbe probabilmente riuscito a sentire le parole. Nina aveva deciso che non faceva niente. Leggeva per se stessa, per formulare frasi nella lingua madre, per ascoltare il suono e forse anche per ricordare Filip, la sua voce quando le aveva letto quel passo, e il suo sussurro dolce dopo, mentre lei stava già scivolando nel sonno: Forse erano giganti travestiti da mulini a vento, Nina! Guarda oltre la verità!

inviato il 17/04/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ringraziamenti alla Casa Editrice Marsilio ,per questo libro incentivo,Natalina

Ciao Natalina le tue 10 righe sono nella finale settimanale di Aprile.

A voi e scusate...

Corretto Naty : ) grazie!
Per chi volesse leggere le prime 37 pagine, questo è link http://www.10righedailibri.it/prime-pagine/ferro-e-sangue

Liza Marklund è nata a Piteà il 9 settembre 1962-Svezia

Querido Doctorcito-

immagine copertina
Frida Khalo
Querido Doctorcito-
Tradotto da M.Cristina Secci
ABSCONDITA 2010
10 righe da pagina 59:

Coyoacàn,31 dicembre 1942
Carissimo Doctorcito,
ti scrivo a matita perché sono a letto e l'inchiostro colerebbe.Non immagini quanto ti sia grata per la lettera e per i dineros.Sei così generoso con me!
Come ti ho detto nel telegramma,il quadro è stato inviato ,ma sai bene che ci sono i ritardi alla frontiera,e di certo ci vorrà un pò di tempo prima che giunga nelle tue mani.Alberto Miraschi è stato così cortese da assumersi l'onere di inviartelo con la Pan American e sono certa che tutto andrà bene.
Non puoi avere idea di quale freddo abbia fatto in Messico,molti sono influenzati e con catarro,e anch'io "sono stata colpita" dalla tonsillite e scocciature.
Spero di riprendermi al più presto.Mi manchi perché ci siamo visti poco,questa volta.Spero che sarà possibile trascorrere una vacanza insieme in Nuovo Messico o in qualche paesino dove non ci sia gente fastidiosa e rompiscatole.
Credo che la guerra continuerà in tutto il suo furore per l'intero anno che domani inizia, e che non si possa sperare in giorni felici ma mi auguro che per te lo siano,perché meriti il meglio....

inviato il 10/04/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Frida Khalo nata il 6 luglio 1907-a Coycan
m.il 13 luglio 1954 -a Coyocan -Messico- pittrice messicana

La ragazza nell'ombra

immagine copertina
Lucinda Riley
La ragazza nell'ombra
Tradotto da Leonardo Taiuti
Giunti 2016
10 righe da pagina 191:

L'unico segno di cambiamento furono i furgoni che si presentarono a casa, un giorno,e se ne andarono carichi di mobili-se fossero destinati a una casa d'aste o alla nuova dimora dei MacNichol, su in Scozia, Flora non lo sapeva. Quando vide gli uomini che portavano nella biblioteca alcune casse vuote, si precipitò nella stanza e, come una ladra,radunò in fretta e furia i suoi libri preferiti, tanti quanti riusciva a tenerne tra le braccia, e corse di sopra con il bottino.
Giunse il periodo della fienagione e a Estwaite e nelle campagne circostanti, e il tempo insolitamente clemente permise all'intero paese di recarsi nei campi a raccogliere il fieno prima che piovesse. Flora camminava con il suo cesto salutando volti familiari cui presto avrebbe dovuto dire addio e cogliendo esemplari di molte specie di piante.Immaginava infatti che a Londra non avrebbe trovato una gran varietà di flora e fauna da disegnare.

inviato il 03/04/2017
Nei segnalibri di:

Pesie d'amore

immagine copertina
Evgenij Evtusenko
Pesie d'amore
Newton Compton 1987
10 righe da pagina 63:

Poesie 1952 -1964
Sorrisi
Erano tanti un tempo i tuoi sorrisi
sorpresi, maliziosi, festosi sorrisi,
tristi a volte un tantino, ma tuttavia, sorrisi.
Non uno è rimasto a te dei tuoi sorrisi.
Troverò un campo dove centinaia crescono i sorrisi.
Te ne porterò una bracciata dei più bei sorrisi.
Tu mi dirai che non hai bisogno di sorrisi.
ché troppo ti hanno stancato i miei e gli altrui sorrisi.
E hanno stancato anche me gli altrui sorrisi.
Di difesa ne ho tanti di sorrisi,
che mi rendono ancora meno facile ai sorrisi.
Ma, a dire il vero, io non ho sorrisi.
Sei tu per la mia vita l'ultimo dei sorrisi,
sorriso, che sul volto non ha mai sorrisi.

inviato il 02/04/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Segnalo nei risguardi,disegni di Renato Guttuso ,studio per "Il bosco d'amore "
edizione del 1987

Evgenij Aleksandrovic Etvushenko- nato il 18 luglio 1933Zima cittadina siberiana dell'Oblast di Irkutsk sul fiume Oka-m-1-aprile 2017 Oklahoma USA-

I nostri cuori chimici

immagine copertina
Krystal Sutherland
I nostri cuori chimici
Tradotto da C. Proto
Rizzoli 2016

L’amore non deve durare una vita per essere reale. Non puoi giudicare la qualità di un amore dal tempo che dura. Tutto muore, incluso l’amore. A volte muore con una persona, a volte muore in se stesso. La più grande storia d’amore mai raccontata non deve riguardare due persone che hanno passato tutta la vita insieme. Potrebbe essere un amore che è durato due settimane, due mesi o due anni, ma è bruciato più luminoso e caldo e sfavillante di qualunque altro amore precedente o futuro. Non piangere per un amore fallito: non esiste un concetto simile. Ogni amore si equivale nel cervello.

inviato il 22/05/2017
Nei segnalibri di:

Per mano nel buio

immagine copertina
Barbara Demick
Per mano nel buio
Tradotto da Valentina Ricci
Piemme 2010
10 righe da pagina 259:

Il preferito di Jun-sang era Via col vento,il cui stile melodrammatico non era molto dissimile dal tono della narrativa coreana.Fu colpito dai parallelismi tra la guerra civile americana e la guerra di Corea.Per lui era incredibile che gli scontri tra compatrioti potessero essere tanto crudeli;era ovvio che gli americani avevano un indole passionale come quella dei coreani,tuttavia a loro era andata meglio ,perché il loro paese era rimasto unito,al contrario della Corea.Ammirava l'audacia dell'eroina,Rossella O'Hara.Gli ricordava un po' le protagoniste dei film nordcoreani ,sempre nella polvere a lottare per la loro terra;Rossella però era un individualista
una qualità non particolarmente osannata nella letteratura nordcoreana.E di sicuro
le eroine nordcoreane non avevano legami sentimentali.Per gli standard nordcoreani quella roba piccante, e Jung -sang volle saperne :prese in prestito
tutto quello che riusci a trovare:La rabbia degli angeli di Sidney Sheldon a Cent'anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez.Lesse perfino Come trattare gli altri e farseli amici,....

inviato il 22/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Natalina :)

Le vichinghe volanti e altre storie d'amore a Vigàta

immagine copertina
10 righe da pagina 22:

La famiglia Butticè ’nveci era vigliante. Sia il perito agrario Nicola, sia la mogliere Amalia, sia il figlio vintino Carmelo, sia la figlia diciottina Maria, erano tutti nella càmmara di letto del nonno novantino Cosimo, gravimenti malato, del quali il medico aviva ditto che non avrebbi viduto la luci del jorno.
Alla prima scossa, i Butticè si taliaro nell’occhi. ’N silenzio, sempri taliannosi, convennero che non era il caso di scapparisinni abbannunanno il moribunno.
Alla secunna scossa, Nicola Butticè dissi a voci vascia alla mogliere:
“Ma quanno si dicidi a moriri ’sta gran camurria?”.
E ccà capitò ’u miracolo.
’Nfatti, mentri l’eco della secunna scossa s’allontanava, il novantino si susì a mezzo del letto, sbarracò l’occhi, puntò l’indici contro a sò nipoti Nicola e gridò:
“Tutto sintii, grannissimo cornuto! E ora ti diseredo! A tutti diseredo!”.
E allura i Butticè si ghittaro ’n ginocchio torno torno al letto, sostenenno che aviva ’ntiso mali, che sarebbiro restati con lui macari se la casa ruinava.
Ma il nonno non sintiva raggiuni:
“Fora da la mè casa!”.
E accussì, alla terza

inviato il 22/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Andrea Calogero Camilleri (Porto Empedocle, 6 settembre 1925)

Qualcuno cammina sulla tua tomba

immagine copertina
Mariana Enríquez
Qualcuno cammina sulla tua tomba
Tradotto da Alessio Casalini
Caravan Edizioni 2016
10 righe da pagina 4:

Il cimitero di Staglieno non era tra le tappe che avevo maniacalmente programmato. Certo, sapevo che esisteva. Sapevo che, fra le sue spettacolari tombe, ce n’era una che era stata usata per la copertina del disco Closer, e un’altra ancora per quella del singolo Love will tear us apart, entrambi dei Joy Division; ma a me i Joy Division non sono mai piaciuti e le tombe delle copertine, per quanto fossero belle, non le ritenevo necessarie al mio pellegrinaggio.
Quando Genova fu inclusa nel nostro programma, Staglieno diventò un chiodo fisso. Non sapevo molto di quel cimitero. Al tempo non ero un'intenditrice di cimiteri come sono adesso.

inviato il 22/05/2017
Nei segnalibri di:

Le stagioni della vita

immagine copertina
Hermann Hesse
Le stagioni della vita
Tradotto da Non citato
Oscar Mondadori 1988
10 righe da pagina 66:

La vera cultura non è quella che mira a un qualche scopo, ma, come ogni ricerca della perfezione, ha il suo significato in se stessa. Come la ricerca della forza, dell'agilità e della bellezza fisica non ha un suo fine ultimo (quello, ad esempio, di farci ricchi, celebri e potenti), ma ha la sua ricompensa in se stessa, in quanto esalta il nostro senso vitale e la nostra fiducia in noi stessi, ci rende più lieti e più felici e ci dà un più alto senso di sicurezza e di salute. così anche la ricerca della "cultura", cioè di un perfezionamento intellettuale e spirituale, non è un cammino faticoso verso un qualche fine limitato, ma un fortificante e benefico allargamento della nostra coscienza, un arricchirsi delle nostre potenzialità di vita e di gioia.

inviato il 22/05/2017
Nei segnalibri di:

Daughters of the Dragon

immagine copertina
William Andrews
Daughters of the Dragon
Lake union publishing
10 righe da pagina 299:

<<...in times like this, it was hard for me to believe that Soo-bo and I were direct descendants of Empress Myeongseong, responsible to carry on the legacy of the two-headed dragon. Certainly l believed in the spirits of my ancestors. l could feel them inside me and see them in the people and land of my country. But if Soo-bo and l were a part of their grand scheme, why didn't they help us? Why did we have to suffer and die for Korea?>>

inviato il 20/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Isabella, sei nella finale di Maggio, 10 righe scelte dalla redazione.

Fisiologia del fumatore

immagine copertina
Théodose Burette
Fisiologia del fumatore
Tradotto da Mara Bevilacqua
Armillaria 2015
10 righe da pagina 63:

La prima condizione per essere pittore o scultore non è aver fatto studi accademici, aver studiato la linea, farsi la propria palette, essere colorista come Diaz o geometrico come Ingres: bisogna saper fumare. Da un lato e dall'altro della pipa, e abbasso la salute. E questa scienza è così esigente, assorbe così tanto, che talvolta, ad attenervisi, dopo quindici anni di studi ci si ritrova perfetti anneritori di pipe. Potrei citare un gran numero di geni misconosciuti, di cui non ho mai visto i quadri, ma di cui riconoscerei le pipe dall'ingegnoso lavoro della gromma, che ha venato d’un tono caldo il magico contenitore del tabacco ispiratore. Felici questi grandi artisti, questi grandi filosofi!

inviato il 18/05/2017
Nei segnalibri di:

Storie da leccarsi i baffi. I gatti raccontati dal veterinario

immagine copertina
10 righe da pagina 22:

Al termine sorrisi e squadrandola esclamai sicuro: “I suoi gatti puzzano di vino. Sono completamente ubriachi”, risi. La signora, incredula, non riusciva a darsi una giustificazione e allargando le braccia come per discolparsi disse: “Ma… È sicuro? Come possono essere riusciti a bere del vino o degli alcolici? Oppure, chi li avrà resi così brilli?”. Io aggiunsi: “Probabilmente si sono inzuppati le zampe e il pelo con del vino e poi, per pulirsi, l’hanno ingerito controvoglia…”. Lei d’un tratto portò di scatto la sua mano alla bocca e interrompendomi confessò: “Mia madre oggi ha rotto un bottiglione di vino in cucina! Presumibilmente nei pochi istanti che sono trascorsi mentre lei prendeva spazzolone e stracci nel ripostiglio i mici, che sono sempre in mezzo ai piedi, si sono imbrattati. A questo punto li ha fatti uscire per lavare il pavimento e raccogliere i pezzi di vetro e loro si sono leccati”.

inviato il 18/05/2017
Nei segnalibri di:

Per amore

immagine copertina
Lisa Ginzburg
Per amore
Marsilio 2016
10 righe da pagina 27:

Quanto aveva creduto, lei, a quell’incanto. Come tutto
per un tempo le era parso meraviglioso, possibile. Aveva
amato la luce accecante del cielo d’estate, l’allegria della
gente, l’Axé di ogni situazione. I piccoli supermercati impregnati
dei profumi della frutta mescolati all’odore forte
della carne. E l’inspiegabile sensazione di familiarità che
l’afferrava: come la sua terra fosse sempre stata quella, diecimila
chilometri lontano dall’Europa – dall’Italia, suo paese
d’origine, dalla Francia, paese dove aveva scelto di vivere.
Sentirsi a casa invece in quella luce d’oro, la vita che intorno
esplode fragorosa – dominata dalla natura tanto da perdervisi,
come e sino a che punto lei ancora non può sapere.

inviato il 18/05/2017
Nei segnalibri di:

Niels Lyhne

immagine copertina
Jens Peter Jacobsen
Niels Lyhne
Tradotto da Maria Svendsen Bianchi
Iperborea 2017
10 righe da pagina 54:

Vi sono caratteri forti che si fanno carico dei loro dolori e li sopportano, ed è anzi sotto il peso della sofferenza che danno la misura della propria forza, mentre altri, più deboli, si abbandonano senza resistenza al dolore come ci si arrende a una malattia; e come una malattia il dolore si impadronisce di loro, penetra fin nel più profondo del loro essere, diventa tutt'uno con loro, si trasforma in loro in una lenta lotta, fino a svanire in una completa guarigione.
Ma vi sono anche altri per i quali il dolore è una violenza perpetrata nei loro confronti, un sopruso che non si adatteranno mai a considerare come una prova o un castigo, tanto meno semplicemente come destino. Resta per loro un atto di tirannia, quasi la manifestazione di un odio personale, e lascia per sempre una ferita nel fondo del loro cuore.

inviato il 17/05/2017
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, Staff! L'utente Quantoscommettiamo aveva scelto le mie righe di Franz Kafka ma non mi avete attribuito il libretto giallo :(

Ciao Piconzero, sei nella finale di Maggio, 10 righe scelte da voi utenti.

i diabolici

i diabolici 7 ore 38 min fa

ricambio...ciaociaoBarbara!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Per mano nel buio

Per mano nel buio 1 giorno 1 hour fa

Grazie!!!

Per mano nel buio 1 week 1 giorno fa

Barbara Demick giornalista americana ,è corrispondente del Los Angeles Times -da Pechino.Per i suoi reportage da Sarajevo e dalla Corea del Nord ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali,ed è stata finalista al Premio Pulitzer.

I Malavoglia

I Malavoglia 1 week 2 giorni fa

Ultimo viene il corvo

Ultimo viene il corvo 1 week 2 giorni fa

http://scrivi.10righedailibri.it/i-malavoglia-5 le 10 righe che più mi piacciono sono queste,!natalina

Ultimo viene il corvo 2 settimane 10 ore fa

Perfetto...mi ricordo sicuramente!!! Grazie!!!

Andromeda Heights

Andromeda Heights 2 settimane 6 ore fa

Banana Yoshimoto nata a Tokio (Giappone ) il 24 ,luglio 1964

We the Italians-50 interviste sull'Italia negli USA

We the Italians-50 interviste sull'Italia negli USA 2 settimane 10 ore fa

Umberto Mucci:Laureatoin Scienze Politiche,fondatore del CEO di We The Italians piattaforma online con il più alto numero di contenuti tra Italia e Stati Uniti.

We the Italians-50 interviste sull'Italia negli USA 2 settimane 1 giorno fa

Ringrazio la Casa editrice:Armando Editore per questo libro incentivo,Natalina

Ferro e Sangue

Ferro e Sangue 2 settimane 1 giorno fa

Ringraziamenti alla Casa Editrice Marsilio ,per questo libro incentivo,Natalina

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy