Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di mattet85

Cecità

immagine copertina
José Saramago
Cecità
Tradotto da Rita Desti
I CLASSICI UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI 1995
10 righe da pagina 175:

Le donne risorgono le une nelle altre, le oneste risorgono nelle puttane, le puttane risorgono nelle oneste, disse la ragazza dagli occhiali scuri. Seguì un lungo silenzio, per le donne era ormai tutto detto, gli uomini avrebbero dovuto cercare le parole, e sapevano in anticipo che non sarebbero stati capaci di trovarle.

inviato il 26/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Stupendo

Stupendo

Sono a pagina 181 e non vedo l'ora di finirlo. Sì, credo proprio che sia un grandissimo capolavoro.

un capolavoro

Suttree

immagine copertina
Cormac McCarthy
Suttree
Tradotto da Maurizia Balmelli
Edizioni Mondolibri su licenza Einaudi 1979
10 righe da pagina 491:

Nell'affanno dell'orgasmo - diceva lei, e ripeteva - si sentiva sommergere da un caldo mare verde attraverso il quale, offuscati dall'oscurità che vi regnava, passavano una serie di piccoli soli, come riflettori di un palco girevole, carosello elettrico che vorticava in un etere verde. Il colore dell'invidia è quello del suo piacere, e quale il colore del dolore? È davvero il nero come dicono? E la rabbia è sempre rossa? Blu è il colore di quella triste sfumatura di noia chiamata depressione, ma non il blu del cielo o del mare, un blu più amaro, intriso di rimpianto, che scolorisce ai bordi. Il mezzogiorno di un cieco è bianco, e la sua mezzanotte pure? E se lo sente sulla pelle come un pesce? Vede tutto rosa anche dov'è nero? E il giallo, colore del sole e dell'urina, se lo ricorda? Colori neurali come le fugaci tinte dei sogni. Il colore di questa vita è acqua.

inviato il 13/05/2014
Nei segnalibri di:

Suttree

immagine copertina
Cormac McCarthy
Suttree
Tradotto da Maurizia Balmelli
Edizioni Mondolibri su licenza Einaudi 1979
10 righe da pagina 223:

Era in piedi colle ginocchia strette e le mani penzoloni e il sangue che gli colava negli occhi. Non ci vedeva. Disse: Non cadere.
Vacillò. Avanzò di un passetto, parando i colpi con ostinazione. Quello che lo aspettava non era il buio del nulla, ma un'orrida megera che sorrideva con le gengive a nudo, e non c'era nessuna madonna del desiderio o madre dell'eterno soccorso oltre la pioggia nera coi fanali contro la notte, il morbido incavo tra i seni incipriati e le fragili clavicole alabastrine sopra il velluto sontuoso delle vesti. La vecchia si dondolava come per fargli il verso. Esiste uomo tanto codardo da non preferire cadere almeno una volta piuttosto che vacillare in eterno?

inviato il 27/04/2014
Nei segnalibri di:

Solaris

immagine copertina
Stanislaw Lem
Solaris
Tradotto da Eva Bolzoni
Urania Mondadori 1961
10 righe da pagina 118:

Con un lungo cigolio cominciavano a chiudersi le saracinesche delle finestre. In un secondo, all'interno della stazione, che in quel momento era simile a una tartaruga che si ritira nel suo guscio, dominò la notte. A tentoni le tolsi gli occhiali e assieme ai miei li misi sotto il letto.
- Cosa faremo? - domandò.
- Ciò che si fa di notte. Dormiremo.
- Chris.
- Cosa?
- Ti faccio un nuovo impacco?
- No, non occorre... non ce n'è bisogno, cara.
Nel dirle questa parola, non mi era chiaro se fosse simulazione; ma di colpo, nel buio, abbracciai ciecamente le sue piccole spalle e, sentendole tremare, credetti in lei. Insomma, non so, tutt'a un tratto mi sembrò che lei non m'ingannasse, e che invece fossi io a ingannarla, poiché lei in fondo era solo se stessa.

inviato il 13/03/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

eccezionale. lo lessi a 12 anni. avevo gia' visto tarkowski, purtroppo doppiato e tagliato...

La città e le stelle

immagine copertina
Arthur C. Clarke
La città e le stelle
Tradotto da Ugo Malaguti
Urania Mondadori 1957
10 righe da pagina 343:

[...] consideravano Alvin un uomo dalla volontà forte, ostinata, e autosufficiente, che non aveva bisogno di affetto da parte di nessuno, e non era in grado di ricambiarlo anche qualora gli venisse offerto.
Hilvar sapeva che le cose non stavano così; lo aveva avvertito istintivamente, fin dalla prima volta. Alvin era un esploratore, e tutti gli esploratori cercano qualcosa che hanno perduto. Raramente la trovano, e ancor più raramente il raggiungerla porta loro una felicità più grande di quella offerta dalla ricerca.

inviato il 06/03/2014
Nei segnalibri di:

La città e le stelle

immagine copertina
Arthur C. Clarke
La città e le stelle
Tradotto da Ugo Malaguti
Urania Mondadori 1957
10 righe da pagina 158:

[...] quei bambini facevano nascere in lui un sentimento che non aveva mai conosciuto prima di allora. Quando, come accadeva a volte, anche se raramente, essi scoppiavano in lacrime di dolore o di rabbia, quelle loro minuscole delusioni gli sembravano più tragiche della lunga ritirata dell'Uomo dopo la perdita dell'Impero Galattico. Era qualcosa di troppo grande e di troppo remoto per essere compreso, quel dramma cosmico, mentre il pianto di un bambino faceva male al cuore. Alvin aveva incontrato l'amore, a Diaspar, ma ora stava apprendendo una cosa ugualmente preziosa, e senza la quale l'amore stesso non avrebbe mai potuto raggiungere il suo più alto appagamento, ma sarebbe rimasto sempre incompleto. Stava apprendendo il significato della tenerezza.

inviato il 02/03/2014
Nei segnalibri di:

La città e le stelle

immagine copertina
Arthur C. Clarke
La città e le stelle
Tradotto da Ugo Malaguti
Urania Mondadori 1957
10 righe da pagina 45:

Alvin aveva desiderato di compiere un'altra esplorazione nei tempi antichi da solo, come aveva fatto da solo le precedenti, ma a Diaspar non era sempre possibile ottenere la solitudine. Era appena uscito dalla sua stanza quando incontrò Alystra, che non tentò neppure di pretendere che quell'incontro fosse stato puramente casuale. Alystra era bella, ma Alvin non se ne accorgeva nemmeno, perché non aveva mai visto la bruttezza umana. Quando la bellezza è universale, perde il suo potere di turbare il cuore, e soltanto la sua assenza può produrre un effetto emotivo.

inviato il 28/02/2014
Nei segnalibri di:

Figlio di Dio

immagine copertina
Cormac McCarthy
Figlio di Dio
Tradotto da Raul Montanari
Einaudi 1973
10 righe da pagina 55:

Una luce sfrigolò giù in mezzo al campo, e un razzo dalla coda azzurrina sfrecciò ondeggiando verso il Cane Maggiore. Poi scoppiò in alto, molto al di sopra delle facce protese, e spruzzi di glicerina in fiamme si aprirono a ventaglio incendiando la notte, e ricaddero nel cielo in lunghi nastri luminosi mostrando tutti i colori incandescenti dello spettro, e subito bruciarono e scomparvero. Partì un altro razzo e scodinzolò alto sopra di loro, con un lungo suono fischiante. Quando si aprì come un fiore gli comparve vicino qualcosa che sembrava la sua ombra ed era l'immagine del razzo che l'aveva preceduto, lo sbuffo di fumo nero e le strisce di cenere che si inarcavano ricadendo come se un'enorme, buia medusa pulsasse nel cielo. In quello sbocciare di luce si videro anche due uomini in mezzo al campo, curvi sulla cesta dei fuochi d'artificio come due assassini o due attentatori.

inviato il 26/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

gran libro, grandissimo autore.

1973! Cavolo, questa è proprio una bella sorpresa, grazie! :D

Matteo per ricevere il libro incentivo devi comunicare anno di pubblicazione...
Grazie :)

Ciao Matteo, le tue 10righe sono state scelte dalla redazione come le migliori di questa settimana a te un libro incentivo :)
Ricordati di mandare i tuoi dati a: libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie :)

Revolutionary Road

immagine copertina
Richard Yates
Revolutionary Road
Minimum fax
10 righe da pagina 377:

Erano le nove e mezzo. Tra dieci minuti avrebbe spento il fornello; poi ci sarebbe voluto un po' perché l'acqua si raffreddasse. Nel frattempo non le restava altro da fare se non aspettare.
"Ci hai pensato bene April? Non metterti mai a fare qualcosa senza prima..."
Ma ormai April non aveva più bisogno di alcun consiglio né di alcuna istruzione. Era calma e tranquilla, ora, sapendo quel che aveva sempre saputo, quello che né i suoi genitori né zia Claire né Frank né chiunque altro avevano mai dovuto insegnarle: che se si vuol fare qualcosa di assolutamente onesto, qualcosa di vero, alla fine si scopre sempre che è una cosa che va fatta da soli.

inviato il 24/02/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

uno degli autori preferiti di mia moglie.

Grazie a te per la precisazione. :)
Se ricapita puoi provare a correggere... posizionando il cursore nel testo puoi modificarlo. Clicca sempre su salva (si apre l'icona) quando hai finito.

Grazie della correzione! ;)

"Ci hai pensato bene April?" Potreste correggere? Grazie :)

Revolutionary Road

immagine copertina
Richard Yates
Revolutionary Road
Minimum fax
10 righe da pagina 162:

"Non capisci? Tu sei la cosa più preziosa e bella che c'è al mondo. Sei un uomo". E di tutte le sconfitte che aveva subito in vita sua, questa fu quella che gli sembrò più simile a una vittoria. Mai prima d'allora l'esultanza gli si era gonfiata con maggior impeto; mai prima d'allora la bellezza era sgorgata più pura della verità; mai prima d'allora, prendendo sua moglie, aveva più completamente trionfato sul tempo e sullo spazio. A suo piacimento poteva dissolvere il passato, e così il futuro, così le pareti di questa casa e l'intero squallore imprigionante al di là di essa, città e alberi. Aveva assunto il dominio dell'universo, perché era un uomo, e perché la meravigliosa creatura che si apriva e muoveva per lui, tenera e forte, era una donna.

inviato il 19/02/2014
Nei segnalibri di:

Vita e morte di Ludovico Lauter

immagine copertina
Alessandro De Roma
Vita e morte di Ludovico Lauter
Il Maestrale 2007
10 righe da pagina 59:

Giulia non lavorò mai, in tutta la sua vita. Lesse, suonò, dormì, sorrise e, soprattutto, dipinse. Neppure nei suoi anno romani, animati da strane e intense occupazioni, si può dire che abbia davvero lavorato. Dai tempi dell'aranceto della zia Teresa e delle bombe, questo fu il suo speciale linguaggio: l'inerzia, che non era immobilità, ma solo perseveranza e attesa di una rivelazione.
Tutta la sua vita fu un rito per celebrare un avvento inesprimibile. Non visse mai realmente, piuttosto officiò riti interminabili, delicati, eleganti. Riti che celebravano la vita e erano per lei la vita stessa.

inviato il 25/02/2016
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Luisicaa, le tue 10righe sono nella classifica finale di febbraio, 10righe scelte dalla redazione.

Cuore Selvaggio

immagine copertina
Barry Gifford
Cuore Selvaggio
Tradotto da Serena Lauzi
Frassinelli 1990
10 righe da pagina 46:

Lula si accese una sigaretta, si alzò dal letto e andò alla finestra. Si sporse fuori e guardò a destra e a sinistra, ma non riuscì a vedere il fiume. Nuda, si sedette al tavolo davanti alla finestra aperta, guardando fuori e fumando la sua sigaretta.
"Ti stai godendo la vista?" chiese Sailor.
"Stavo pensando che la gente dovrebbe scopare di più durante il giorno. Non credo che ci sarebbero poi tanti problemi, se volessero farlo."
"Che genere di problemi?"
"Oh, non so. Soltanto mi sembra che la gente ci dia dentro più di sera. La sera evidentemente si porta dietro tutta una serie di aspettative di chissà quali cose, e tutto diventa più esotico. Invece alla luce del giorno tutto è più semplice, ecco che cosa penso."

inviato il 27/02/2016
Nei segnalibri di:

Sovvertimento dei sensi

immagine copertina
Stefan Zweig
Sovvertimento dei sensi
Tradotto da Berta Burgio Ahrens
Garzanti 2015
10 righe da pagina 18:

Ci sono emozioni subitanee, moti dell'anima che raccontati suonerebbero forse sentimentali, parole che sono vere una volta soltanto, tra due individui, a quattr'occhi, che nascono da un inatteso tumulto di sentimenti. Fu l'unico vero dialogo che io abbia mai avuto con mio padre e non ebbi nessuna difficoltà a umiliarmi volontariamente: lasciai a lui ogni decisione. Lui però mi consigliò di abbandonare Berlino e di studiare il prossimo semestre in qualche piccola università e, quasi per consolarmi, aggiunse di esser certo che avrei fatto di tutto per riparare al tempo perduto. La sua fiducia mi emozionò profondamente; in quel minuto mi accorsi del torto che durante tutta la mia giovinezza avevo fatto a quel vecchio, in apparenza freddo e trincerato dietro un rigido formalismo. Dovetti mordermi le labbra per non scoppiare a piangere. Ma anch'egli dovette provare qualcosa di simile, perchè improvvisamente mi porse la mano, la tenne un momento tremante, e uscì frettolosamente.

inviato il 10/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Sono molto contento. Ringrazio lo Staff e tutti coloro che le hanno apprezzate.

Ciao Andrea, le tue 10 righe sono nella classifica di febbraio... 10righe scelte da Voi utenti. :)

Pastorale americana

immagine copertina
Philip Roth
Pastorale americana
Tradotto da Vincenzo Mantovani
Einaudi Super ET 2013
10 righe da pagina 41:

Devono, tutti, andarsene e chiudere la porta e vivere isolati come fanno gli scrittori solitari, in una cella insonorizzata, creando i loro personaggi con le parole e poi suggerendo che questi personaggi di parole siano più vicini alla realtà delle persone vere che ogni giorno noi mutiliamo con la nostra ignoranza?
Rimane il fatto che, in ogni modo, capire bene la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e poi male, e dopo un attento riesame, ancora male. Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando. Forse la cosa migliore sarebbe dimenticare di aver ragione o torto sulla gente e godersi semplicemente la gita. Ma se ci riuscite... Beh, siete fortunati.

inviato il 08/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao! Le tue 10 righe vincono nella classifica della redazione di Febbraio, ti aggiudichi un libro incentivo! Manda un tuo recapito a libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Flavia le tue dieci righe sono state scelte dalla redazione... :)

ops... chiedo scusa! anno di pubblicazione 2013, traduttore Vincenzo Mantovani.

Ciao Flavia, anno di pubblicazione e traduttore:) grazie!

Un Mondo Sinistro

immagine copertina
Vladimir Nabokov
Un Mondo Sinistro
Adelphi

E che tormento, pensò Krug il pensatore, amare tanto follemente una creaturina formata in qualche modo misterioso (perfino più misterioso, per noi, di quanto non lo fosse stato per i primissimi pensatori nei loro pallidi uliveti) dalla fusione di due misteri, o meglio due serie di un trilione di misteri ciascuna, formata da una fusione che è al tempo stesso frutto di scelta e frutto del caso e anche frutto di puro e semplice incantesimo, così formata e a cui poi è permesso accumulare trilioni di propri misteri, il tutto soffuso di coscienza, che è l’unica cosa reale al mondo e il mistero più grande.

inviato il 06/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Edizione Adelphi del 2013, traduzione di Franca Pece

Ciao ValeM scrivi qui nei commenti l'anno di pubblicazione e il traduttore grazie.

Una serie di sfortunati eventi - Un infausto inizio

immagine copertina
Lemony Snicket
Una serie di sfortunati eventi - Un infausto inizio
Tradotto da Valentina Daniele
Salani 2005
10 righe da pagina 7:

Se vi interessano le storie a lieto fine, è meglio che scegliate un altro libro. In questo non solo non c'è lieto fine, ma nemmeno un lieto inizio, e ben poco di lieto anche in mezzo. Questo perché non sono accadute molte cose liete nella vita dei tre ragazzi Baudelaire. Violet, Klaus e Sunny erano bambini intelligenti, graziosi e pieni di risorse, avevano lineamenti piacevoli, ma erano estremamente sfortunati, e la maggior parte delle cose che capitavano loro erano segnate dalla malasorte, dalla tristezza e dalla disperazione. Non è che mi faccia piacere dirlo, ma la storia è proprio così.

inviato il 07/02/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Bellissimo!! Purtroppo non sono mai riuscita a leggerli tutti :/ mi sa li aggiungo alla mia wishlist :)

E l'eco rispose

KALED HOSSEINI
E l'eco rispose
Edizione Piemme
10 righe da pagina 31:

Dal carretto spuntò il dito di Pari. "Guarda Abollah!" gridò tutta eccitata;
"un ' altra"
Abdullah seguì il dito della sorellina che indicava il punto in cui, all'ombra del
masso,s'era posata una piuma, lunga, grigia come carbonella spenta.
Abdullah la raccolse prendendola per il calamo.
Soffio via i granelli di polvere. Un falco pensò rigirandola.
Forse un colombo o un'allodola del deserto. Ne aveva già viste molte quel giorno. No di un falco. Vi soffiò sopra ancora e la passò a pari, che l'afferrò felice.

inviato il 14/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Giovanna :)
è saltato il testo dei dialoghi. Prova a riscrivere il testo sostituendo <<...>> con le virgolette alte "..."

L'arte di ignorare il giudizio degli altri

immagine copertina
Arthutr Schopenhauer
L'arte di ignorare il giudizio degli altri
Tradotto da Bettino Betti
Biblioteca universale Rizzoli BUR 2014
10 righe da pagina 33:

Di fatto, il valore che attribuiamo all'opinione altrui e la costante preoccupazione riguardo a essa superano, generalmente, quasi tutte le motivazioni veramente ragionevoli, sicché quel pensiero si può considerare una specie di fissazione universalmente diffusa o, piuttosto, congenita. In tutto ciò che facciamo l'opinione altrui viene presa in considerazione prima, quasi,di ogni altra cosa; e, se ci riflettiamo attentamente, vedremo che quasi la metà di tutte le ansie e di tutti i timori che ci hanno turbati in tutto il nostro passato nascevano da quella preoccupazione: essa è alla base del nostro orgoglio, così spesso offeso perché così morbosamente suscettibile, della nostra vanità e delle nostre ambizioni, dell'ostentazione del lusso e dell'esibizionismo.

inviato il 15/01/2015
Nei segnalibri di:

Poesia

immagine copertina
Anne Bronte
Poesia
10righe dai libri
10 righe da pagina 4:

Notte
Amo l'ora silente della notte
perché un sogno felice nasce allora
rivelando alla mia vista incantata
ciò che il mio occhio sveglio non adora.
E può il mio orecchio udire la voce
che da tempo la morte ha soffocato;
l'afflitta solitudine in un grato
impeto di speranza tramuta
Fredda giace da anni nella tomba
la creatura che amavo contemplare
soltanto il sogno, e notte, come viva
può farlo dolcemente ritornare.

inviato il 17/01/2015
Nei segnalibri di:

Commenti

bellissima poesia, passa anche a leggere la mia ciaoo

GRAZIE STAFF!!!buona domenica ,anzi buona serata!

Preciso che il titolo della poesia è "NOTTE", chiedo se sia possibile correggere, grazie! Naty

Il 17-gennaio 1820 nasceva a Thornton - Anne Bronte"

L'educazione sentimentale

immagine copertina
Gustave Flaubert
L'educazione sentimentale
Tradotto da Giovanni Bogliolo
Edizione Mondolibri su licenza Mondadori 2013
10 righe da pagina 344:

Arrivarono nella sala dei Marescialli. I ritratti di quegli illustri personaggi, tranne quello di Bugeaud che aveva un buco nella pancia, erano tutti intatti. Se ne stavano appoggiati alle loro sciabole, con un affusto di cannone dietro le spalle, in pose marziali che stonavano con la circostanza. Una grossa pendola segnava l'una e venti.
Ad un tratto risuonarono le note della "Marsigliese". Hussonet e Frédéric si affacciarono sulle scale. Era la gente del popolo. Si precipitò su per lo scalone in un'ondata vertiginosa di teste scoperte, elmetti, berretti rossi, spalle, baionette, con un tale impeto che alcuni restavano inghiottiti in quella massa brulicante che, sotto l'impulso di una forza irresistibile, continuava a salire con un lungo muggito, come un fiume respinto dalla marea dell'equinozio. Arrivata in cima, la fiumana si disperse e il canto cessò

inviato il 17/01/2015
Nei segnalibri di:

Cecità

Cecità 1 year 21 settimane fa

Sono a pagina 181 e non vedo l'ora di finirlo. Sì, credo proprio che sia un grandissimo capolavoro.

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve 2 years 47 settimane fa

Incuriosisce parecchio :)

Figlio di Dio

Figlio di Dio 3 years 20 settimane fa

1973! Cavolo, questa è proprio una bella sorpresa, grazie! :D

Figlio di Dio 3 years 21 settimane fa

Raul Montanari.

Figlio di Dio 3 years 21 settimane fa

E tra le facce illuminate c'era una ragazza dagli occhioni spalancati con un frutto candito fra le labbra. I suoi capelli chiari odoravano di sapone, una donna bambina di epoche remote, rapita sotto il bagliore sulfureo e le torce impeciate di qualche giostra medievale. Una sottile candela alta fino al cielo trafiggeva le nere pupille liquide dei suoi occhi. Aveva le dita contratte. Nel fiume di questa galassia di zolfo in fiamme vide l'uomo con gli orsi che la stava fissando, e si strinse più vicina alla ragazza di fianco a lei, ravviandosi i capelli con il rapido gesto di due dita.

Revolutionary Road

Revolutionary Road 3 years 21 settimane fa

Grazie della correzione! ;)

Revolutionary Road 3 years 21 settimane fa

"Ci hai pensato bene April?" Potreste correggere? Grazie :)

La Strada

La Strada 3 years 28 settimane fa

Grazie!

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy