Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di whoosh

Neve

immagine copertina
Maxence Fermine
Neve
Tradotto da Sergio Claudio Perroni
Assaggi di narrativa Bompiani
10 righe da pagina 22:

"E' bianca. Dunque è una poesia. Una poesia di una grande purezza.
Congela la natura e la protegge. Dunque è una vernice. La più delicata vernice dell'inverno.
Si trasforma continuamente. Dunque è una calligrafia. Ci sono diecimila modi per scrivere la parola neve.
E' sdrucciolevole. Dunque è una danza. Sulla neve ogni uomo può credersi funambolo.
Si muta in acqua. Dunque è una musica. In primavera trasforma fiumi e torrenti in sinfonie di note bianche."

inviato il 01/03/2013
Nei segnalibri di:

il labirinto del tempo

immagine copertina
Maxence Fermine
il labirinto del tempo
Tradotto da Vincenzo Latronico
Assaggi di narrativa Bompiani 2008
10 righe da pagina 25:

"Terra!" gridò la vedetta, poco dopo.
Vassilli Evangelisto si svegliò di soprassalto e capì di essersi assopito solo per qualche minuto. Eppure tutto il suo corpo risultava intorpidito come dopo un lunghissimo riposo. Si levò a fatica dalla cuccetta, attraversò la camerata e uscì sul ponte. Fissando lo sguardo in lontananza, riuscì a scorgere una costa frastagliata, rossastra e desertica, sulla quale troneggiava una città di cui si notava immediatamente il minareto, conficcato come una freccia in mezzo al cielo. Era l'Arabia dei miraggi, del sole, dei deserti e dei profumi inebrianti.
La nave si avvicinò lentamente alla costa, scivolando su un mare d'olio di un blu più profondo di quello del cielo, senza abbattersi in nessun segno di vita. Attraccate ai moli del porto si scorgevano alcune feluche, che tuttavia si rivelarono deserte; l'intera città pareva assopita, silenziosa.
"Tutto questo non è normale," commentò il capitano Gerebault.

inviato il 01/03/2013
Nei segnalibri di:

I pesci non chiudono gli occhi

immagine copertina
Erri De Luca
I pesci non chiudono gli occhi
Economica Feltrinelli
10 righe da pagina 48:

Settembre è una rinascita del naso, ritornano gli odori schiacciati dal caldo. E' bastata una piovuta e si è svegliata la terra, come la faccia mia la mattina sulla bacinella. E' salita nell'aria la presa della resina di pino, della carrube, del fico d'India. Niente discesa a mare, il libeccio ha tenuto a riva i pescatori. Soffia meridionale e guappo da non potere stendere i panni. Mi piace il napoletano che dice, alla spagnola, viento e tiempo. Infila il guizzo di una "i" che li fa svelti, insolenti e senza presa.
Ho passeggiato alla loro spiaggia, a vedere che succede quando stanno a secco. I pescatori fanno vari lavori, che si rimandano ai giorni di viento. Riparano una barca, aggiustano un muro, chi ne possiede uno smonta e rimonta il motore. Il pescatore amico stava facendo un remo nuovo da un ramo di faggio. Le onde sbattevano a schiaffi sulla riva. Le barche erano tirate in secco su fino alle case. Le spostano facendo scorrere le chiglie su appoggi di legno saponati.

inviato il 12/02/2013
Nei segnalibri di:

Viva tutto

immagine copertina
Lorenzo Jovanotti Cherubini e Franco Bolelli
Viva tutto
Add Editore
10 righe da pagina 139:

Quando venne a Frontiere, Tom Robbins disse "se si dovesse scegliere una sola parola per descrivere la natura dell'universo, penso che quella parola dovrebbe essere paradosso". Se alla fine il paradosso funziona sempre immancabilmente, è innanzitutto perchè è naturale, è perchè è il metabolismo biologico e vitale che è paradossale,dinamico,mutevole,fluido,danzante,coevolutivo. Il processo vitale è tanto più alto quanto più sta lontano da qualunque separazione. Il sesso e il concepimento accadono proprio nella massima unione, quando è impossibile distinguere chi è chi. Madre e bambino sono un tutt'uno per 9 mesi. Poi donna e uomo si separano, poi il bimbo nasce, poi un libro o un disco se ne vanno in giro per il mondo, ma intanto è in quel modo che qualcosa di grande è nato. Tutte le personalità più piene,più complete,più abbondanti sono fatte di tante spinte,le abbracciano. E' quando in una personalità non riesci a separare i "pregi" dai "difetti" che quella personalità è più completa!

inviato il 02/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Sara, buona lettura!

E sapessi QUANTO bene scrive!:)

Io ho Il grande Bo e a me è piaciuto moltissimo. l'ho comprato appena uscito :)

E da quando ha imparato a scrivere? :)

Sara benvenuta :)

Elogio del pomodoro

immagine copertina
Pietro Citati
Elogio del pomodoro
mondolibri 2011
10 righe da pagina 175:

Il sentimento più diffuso, oggi in Italia, è la vergogna. Quasi tutto il Paese sente di essere decaduto, corrotto, degradato: giunto al punto estremo della volgarità e della turpitudine; sull' orlo di una stupidità che si allarga ogni giorno senza riparo. Sembra una condizione senza speranza: non si vede e non si intuisce, da nessuna parte, una possibilità di cambiamento; nessuna strada, nessuna metamorfosi, nessun segno.

inviato il 12/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Bello, comprato da poco :)

il labirinto del tempo

immagine copertina
Maxence Fermine
il labirinto del tempo
Tradotto da Vincenzo Latronico
Assaggi di narrativa Bompiani 2008
10 righe da pagina 25:

"Terra!" gridò la vedetta, poco dopo.
Vassilli Evangelisto si svegliò di soprassalto e capì di essersi assopito solo per qualche minuto. Eppure tutto il suo corpo risultava intorpidito come dopo un lunghissimo riposo. Si levò a fatica dalla cuccetta, attraversò la camerata e uscì sul ponte. Fissando lo sguardo in lontananza, riuscì a scorgere una costa frastagliata, rossastra e desertica, sulla quale troneggiava una città di cui si notava immediatamente il minareto, conficcato come una freccia in mezzo al cielo. Era l'Arabia dei miraggi, del sole, dei deserti e dei profumi inebrianti.
La nave si avvicinò lentamente alla costa, scivolando su un mare d'olio di un blu più profondo di quello del cielo, senza abbattersi in nessun segno di vita. Attraccate ai moli del porto si scorgevano alcune feluche, che tuttavia si rivelarono deserte; l'intera città pareva assopita, silenziosa.
"Tutto questo non è normale," commentò il capitano Gerebault.

inviato il 01/03/2013
Nei segnalibri di:

Neve

immagine copertina
Maxence Fermine
Neve
Tradotto da Sergio Claudio Perroni
Assaggi di narrativa Bompiani
10 righe da pagina 22:

"E' bianca. Dunque è una poesia. Una poesia di una grande purezza.
Congela la natura e la protegge. Dunque è una vernice. La più delicata vernice dell'inverno.
Si trasforma continuamente. Dunque è una calligrafia. Ci sono diecimila modi per scrivere la parola neve.
E' sdrucciolevole. Dunque è una danza. Sulla neve ogni uomo può credersi funambolo.
Si muta in acqua. Dunque è una musica. In primavera trasforma fiumi e torrenti in sinfonie di note bianche."

inviato il 01/03/2013
Nei segnalibri di:

Poesie 1954-2006

immagine copertina
Maria Luisa Spaziani
Poesie 1954-2006
Mondadori
10 righe da pagina 103:

Ci scambiammo tesori senza prezzo.
Sprecai genio e speranze, notti e fede
per lanciare quel ponte luminoso.

Raggiungerti è impossibile a ritroso.
Ogni passo s'impiglia - o serpe, o fogna-
nella fitta gramigna del disprezzo.

inviato il 28/02/2013
Nei segnalibri di:

Va' dove ti porta il cuore

immagine copertina
Susanna Tamaro
Va' dove ti porta il cuore
Corriere della Sera in licenza da RCS Libri Spa
10 righe da pagina 164:

Comprensione e superficialità non appartengono agli anni ma al cammino che ognuno percorre. I giovani non sono per natura egoisti, così come i vecchi non sono per natura saggi. Un motto degli Indiani d'America dice "Prima di giudicare una persona cammina per 3 lune nei suoi mocassini". Viste dall'esterno molte vite sembrano sbagliate, irrazionali, pazze. Finché si sta fuori è facile fraintendere le persone, i loro rapporti. Soltanto da dentro, soltanto camminando 3 lune con i loro mocassini, si possono comprendere le motivazioni, i sentimenti, ciò che fa agire una persona in un modo piuttosto che in un altro. La comprensione nasce dall'umiltà non dall'orgoglio del sapere.

inviato il 01/03/2013
Nei segnalibri di:

Viva tutto

immagine copertina
Lorenzo Jovanotti Cherubini e Franco Bolelli
Viva tutto
Add Editore
10 righe da pagina 139:

Quando venne a Frontiere, Tom Robbins disse "se si dovesse scegliere una sola parola per descrivere la natura dell'universo, penso che quella parola dovrebbe essere paradosso". Se alla fine il paradosso funziona sempre immancabilmente, è innanzitutto perchè è naturale, è perchè è il metabolismo biologico e vitale che è paradossale,dinamico,mutevole,fluido,danzante,coevolutivo. Il processo vitale è tanto più alto quanto più sta lontano da qualunque separazione. Il sesso e il concepimento accadono proprio nella massima unione, quando è impossibile distinguere chi è chi. Madre e bambino sono un tutt'uno per 9 mesi. Poi donna e uomo si separano, poi il bimbo nasce, poi un libro o un disco se ne vanno in giro per il mondo, ma intanto è in quel modo che qualcosa di grande è nato. Tutte le personalità più piene,più complete,più abbondanti sono fatte di tante spinte,le abbracciano. E' quando in una personalità non riesci a separare i "pregi" dai "difetti" che quella personalità è più completa!

inviato il 02/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Sara, buona lettura!

E sapessi QUANTO bene scrive!:)

Io ho Il grande Bo e a me è piaciuto moltissimo. l'ho comprato appena uscito :)

E da quando ha imparato a scrivere? :)

Sara benvenuta :)

CHIE-CHAN E IO

immagine copertina
Banana Yoshimoto
CHIE-CHAN E IO
Tradotto da Giorgio Amitrano
Feltrinelli 2010
10 righe da pagina 9:

Vivendo, nei momenti più impensati si trovano le risposte più impensate.
Scoprirle è così interessante che varrebbe la pena di vivere solo per questo.

inviato il 01/02/2013
Nei segnalibri di:

Tutti i figli di dio danzano

immagine copertina
Haruki Murakami
Tutti i figli di dio danzano
Tradotto da A. Amitrano
Einaudi 2005
10 righe da pagina 98:

Lui aveva pregato di imparare a prendere al volo una palla, e per tutta risposta Dio gli aveva dato un pene più grande di tutti gli altri. In quale mondo si facevano scambi così strani?

inviato il 01/02/2013
Nei segnalibri di:

Anime alla deriva

immagine copertina
Richard Mason
Anime alla deriva
Tradotto da Stefania Bertola
Einaudi 2005
10 righe da pagina 8:

Man mano che il mio matrimonio andava avanti, la mia carriera musicale si spegneva, perché Sarah non poteva sperare di alimentarla come aveva fatto Ella, e neanche ci provò; e inevitabilmente, col tempo, le mie riserve di emozioni si sono assottigliate. Il mio talento consisteva nel tradurre passioni private in esibizioni pubbliche, e quando le passioni private smisero di scorrere, si inaridirono e alla fine si trasformarono in una polvere tanto fine che bastò un soffio di vento a disperderle, non ci fu più niente da tradurre. Sono ancora un maestro sotto il profilo tecnico, perché sono sempre stato diligente, ma quando non riuscii ad ottenere nient'altro che una smagliante meccanicità smisi di suonare.

inviato il 02/02/2013
Nei segnalibri di:

Madama Sbatterflay

immagine copertina
Luciana Littizzetto
Madama Sbatterflay
A. MONDADORI
10 righe da pagina 102:

Perché noi, quando siamo innamorate, non distinguiamo più. Ci rimbambiamo. Scambiamo tutto per amore, mentre l’amore con la violenza e le botte non c’entra un tubo. L’amore, con gli schiaffi e i pugni, c’entra come la libertà con la prigione. Noi di Torino, che risentiamo della nobiltà reale, siamo soliti dire che è come passare dal risotto alla merda. [..]
Non è questo l’amore. Un uomo che ci picchia è uno stronzo. Sempre. E dobbiamo capirlo subito. Al primo schiaffo. Perché tanto arriverà anche il secondo, e poi un terzo e un quarto. [..]
E se una figlia ha un fidanzato così, prendiamola, impacchettiamola e riportiamola a casa. Magari si incazzerà come una belva, magari ci dirà di farci i fatti nostri, ma lo farà da viva, e c’è una bella differenza.

inviato il 02/02/2013
Nei segnalibri di:

Una porta di libri

Una porta di libri 6 years 31 settimane fa

I Pesci non chiudono gli occhi
Erri De Luca
Universale Economica Feltrinelli

GIOCO - Riga 10

GIOCO - Riga 10 6 years 31 settimane fa

Erano attrezzi di lavoro e stavano male in mano ai bambini. (Erri De Luca- I pesci non chiudono gli occhi)

Viva tutto

Viva tutto 6 years 33 settimane fa

E sapessi QUANTO bene scrive!:)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy