Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Morganna

The age of ice

immagine copertina
J.M. Sidorova
The age of ice
Scribner 2013
10 righe da pagina 1:

I was born of cold copulation, white-fleshed and waxy like a crust of
fat on beef broth left outside in winter. I was born of seed that would
have seized with frost if spilled on the newlyweds’ bed. I was born on the
twenty-seventh of September because in the month of January my parents
had been sealed in a wedding chamber made of ice.
The year was 1740. The place—St. Petersburg, Russia. My country,
corseted, wigged, and powdered on top but still darkly savage at heart,
was panting and retching after the marathon Peter the Great had forced
her to run. My would-be father, Prince Mikhail Velitzyn, scion of a family
ancient and stately, had been transformed into a court jester. He had
been forced to wear red-and-white-striped stockings and pretend to be a
hen—to brood an imaginary clutch in Empress Anna Ioanovna’s menagerie
of dwarfs, cripples, freaks, and victims. This was his punishment for
an alleged affair with a Catholic noblewoman.

inviato il 15/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Inserito anche in questa neonata lista! (spero che possa crescere e che le case editrici comincino ad ascoltare i lettori).

Troppa felicità

immagine copertina
Alice Munro
Troppa felicità
Einaudi

I bambini attribuiscono al verbo «odiare» significati diversi. Può voler dire che hanno paura. Non che si sentano in pericolo di un’eventuale aggressione – come mi succedeva, ad esempio, con certi bambini grandi e grossi che, in bicicletta, si divertivano a tagliarmi la strada strillando come indemoniati, mentre passeggiavo sul marciapiede. Non è una minaccia fisica che si teme – o che io temevo nel caso di Verna – quanto piuttosto un sortilegio, una malevolenza. È una sensazione che, da molto piccoli, si può provare anche riguardo alle facciate di certi edifici, o a dei tronchi d’albero e, spessissimo, a cantine umide o armadi a muro profondi.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

Ulysses

immagine copertina
Alfred Tennyson
Ulysses
Project Gutenberg

Io non posso riposare per il viaggio: berrò
La vita fino ai sedimenti: Tutto il tempo ho goduto
Immensamente, ho sofferto immensamente, entrambe (cose) con quelli
Che mi amavano, e solo, sulla riva, e quando
Fra nubi che corrono le piovose stelle
Indispettiscono l’opaco mare: sono diventato un nome;
Per sempre vagando con un cuore affamato

(traduzione amatoriale dalla biblioteca Project Gutemberg)

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Mail mandata! (con una piccola domanda...)

Ringrazio fortissimamente TimeCrime e lo staff di 10 righe. Sono felicissima ed emozionata!

Ciao! Le tue 10 righe sono state scelte da Timecrime Editore all'interno del gioco "Allora un libro": ti viene quindi assegnato un libro incentivo! http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo.
Integra entro il 31 marzo gli eventuali dati mancanti del post (traduttore, anno di edizione) e poi manda una mail a libroincentivo@10righedailibri.it indicando un recapito e specificando che hai vinto un libro in "Allora un libro" :)

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

Troppa felicità

immagine copertina
Alice Munro
Troppa felicità
Einaudi

Lloyd era amato dai pazienti per via delle sue battute scherzose e perché li sapeva prendere con mani forti e sicure. Era largo di spalle, ben piantato e abbastanza autorevole da essere scambiato a volte per un dottore. (Non che la cosa lo lusingasse, peraltro: a suo giudizio, gran parte della scienza medica era una truffa e tantissimi medici, degli emeriti coglioni). Aveva la carnagione rossastra e delicata, i capelli chiari e lo sguardo audace. Baciò Doree in ascensore e la paragonò a un fiore del deserto. Subito dopo rise da solo, commentando: – Come mi sarà uscita, questa?
- Magari sei un poeta, e non lo sai, – ribatté lei, per essere cortese.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

Poesie

immagine copertina
Christina Rossetti
Poesie
Project Gutenberg

Tu ricordami quando sarò andata
lontano, nella terra del silenzio,
né più per mano mi potrai tenere,
né io potrò il saluto ricambiare.

Ricordami anche quando non potrai
giorno per giorno dirmi dei tuoi sogni:
ricorda e basta, perché a me, lo sai,
non giungerà parola né preghiera.

Pure se un po' dovessi tu scordarmi
e dopo ricordare, non dolerti:
perché se tenebra e rovina lasciano
tracce dei miei pensieri del passato,
meglio per te sorridere e scordare
che dal ricordo essere tormentato

(traduzione amatoriale dall'inglese, biblioteca Project Gutenberg)

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

;)

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

Il libraio di Selinunte

immagine copertina
Roberto Vecchioni
Il libraio di Selinunte
Einaudi

I venti non si sa mai quando arrivano, come arrivano. Sono improvvisi e inspiegabili come i moti del cuore. Un istante prima sei calmo, sei sereno ed ecco che ti senti addosso un'agitazione, una frenesia... i venti cambiano cose che eran lì immutate da sempre: spiagge, boschi, ghiacciai. Abbiamo forse anche noi dei venti nel cuore? Qualcosa che quando arriva è più forte di tutti e non vuol sentire ragioni? È così, pensai, che si diventa pazzi? È così che appare di schianto una verità che non conoscevi e non volevi conoscere?

inviato il 11/03/2013
Nei segnalibri di:

Il libraio di Selinunte

immagine copertina
Roberto Vecchioni
Il libraio di Selinunte
Einaudi
10 righe da pagina 13:

Individuai allora due silenzi. Quello totale, inguaribile, della solitudine senza rimedio: e capii che questo silenzio lo riempiamo in modo ridicolo di cose che non hanno parole alle spalle; e l’altro, che le parole non abbandonano mai e te lo concedono per amarle ancora di più. Si parla per sentirsi vivi: è come se la morte, la fine, avessero paura, si tenessero lontane quando un uomo racconta ed emoziona.

inviato il 08/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie Gwen 1984

bellissime righe :)

La Bussola d'oro

immagine copertina
Philip Pullman
La Bussola d'oro
Salani Editore

"Tu sei molto giovane,Lyra,troppo giovane per capire queste cose,ma io te le dirò ugualmente,e tu le capirai più tardi:gli uomini ci passano davanti agli occhi simili alle farfalle,creature di una breve stagione.Noi li amiamo:sono coraggiosi,belli,capaci e intelligenti; e quasi subito muoiono.Muoiono così presto che i nostri cuori sono costantemente torturati dal dolore.Noi mettiamo al mondo i loro figli,che sono streghe se sono femmine,o altrimenti umani;e poi,in un batter di ciglia,eccoli che se ne sono andati:schiantati,distrutti,perduti.Anche i nostri figli,anche loro.Mentre cresce un ragazzino si crede immortale.Sua madre sa che non lo è.E ogni volta diventa più doloroso,finché alla fine il cuore ti si spezza.E' allora,forse,che viene a cercarti Yambe-Akka.Lei è ancora più vecchia della tundra.Per lei,forse,la vita di una strega è breve come per noi quella degli uomini."

inviato il 07/03/2013
Nei segnalibri di:

L'uomo di vetro

immagine copertina
Vittorino Andreoli
L'uomo di vetro
Rizzoli

L'uomo non resisterebbe al buio, senza una lampadina che rischiari una pagina da leggere o che alimenti un computer su cui digitare un nuovo mondo, che dipende anch'esso dall'energia.

inviato il 21/02/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo a 10 righe al Parlamento http://scrivi.10righedailibri.it/10-righe-al-parlamento

I Miserabili

immagine copertina
Victor Hugo
I Miserabili
Tradotto da Mario Picchi
Giulio Einaudi Editore 1998

Egli la raccolse che già cadeva, la prese fra le braccia e la strinse forte senza aver coscienza di quello che faceva. La sosteneva, barcollando egli pure. Aveva la testa stordita; dei lampi gli passavano tra le ciglia; le idee svanivano; gli pareva di compiere un atto religioso e di commettere una profanazione.
Del resto non provava il minimo desiderio di quell'incantevole fanciulla che premeva contro il suo petto. Era pazzo d'amore.
Lei gli prese una mano e se la pose sul cuore; ed egli, sentendo la carta che c'era, balbettò:
- Voi dunque mi amate?
Lei rispose con una voce così fioca che era un soffio appena percettibile:
- Taci! lo sai!

inviato il 07/02/2013
Nei segnalibri di:

il sospiro lieve dei sensi

immagine copertina
Tarun J Teipal
il sospiro lieve dei sensi
Tradotto da Silvia Rota Sperti
Garzanti 2013
10 righe da pagina 22:

Dovessi decidere se donare alla mia gente un allegria spensierata o una triste saggezza,non avrei dubbi su cosa scegliere.
il dono della spesieratezza:non lo possiedo,e non è questo il momento di pensarci.Ora ho una storia da raccontare.Una storia potrebbe giustificare la mia intera esistenza.E,a quanto pare,mi restano sei ore per farlo.Quando vado a prendere il mio bicchiere in cucina,sento ancora quello stropiccio fuori.In genere Parvati mette abbastanza avanzi per sfamare intere orde di animali.Se come crede la maggior parte degli uomini,esiste un karma,nella prossima vita Parvati rinascerà regina.Mi fermo nella nostra piccola camera da letto in c ima alle scale.E' sorprendente come Parvati riesca a farsi piccola.Sembra un feto in un sari,raggomitolata per occupare meno spazio possibile nell'universo.E' la personificazione dell'altruismo.

inviato il 15/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Anna Antonia l'Autore ha scritto anche :"L'Alchimia del desiderio"nel 2006

Mi giunge gradito l'apprezzamento,naty

Citazione molto bella, non conoscevo il libro

I cavalli delle giostre

immagine copertina
Antonio Gentile
I cavalli delle giostre
Antonio Gentile 2013
10 righe da pagina 191:

Lo sguardo di Matteo non riesce a staccarsi da quei capelli lisci raccolti alla rinfusa, da quelle dita sottili che seguono i contorni del dipinto, da quei piedi intessuti dentro sandali sottili, che sfiorano il piano levigato del pontile.
Matteo avverte una forza inarrestabile che lo proietta tra le onde, a cavalcare il vigore della corrente, a dominare la pressione della profondità.
Letizia emana un fulgore primordiale, come una rovina antica che riverbera il sibilo eterno e impercettibile dell’esistenza.
E’ bastato toccarle la mano, sentire il suo battito, per essere risucchiato in un viaggio surreale.
Insieme a lei scompaiono tutti i confini, si dissolve ogni stereotipo, ogni certezza e conoscenza, i pensieri ordinari si confondono, la realtà si trasforma in pura illusione e lo spazio rimane solo una vibrante allucinazione.
«Non siamo nulla se non ci prendiamo cura di qualcuno.»

inviato il 25/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuto Antonio :)

ILIADE canto VI Ettore e Andromaca

immagine copertina
Omero
ILIADE canto VI Ettore e Andromaca
Tradotto da Maria Grazia Ciani
Lettartura Universale Marsilio 1990
10 righe da pagina 57:

"Zeus e voi divinità del cielo,fate che questo mio figlio sia come me, valoroso e forte,che si distingua fra i Troiani, che regni sovrano su Ilio. E vedendolo tornare dalla battaglia un giorno qualcuno dirà : " E' molto più forte del padre".
Lui tornerà portando le spoglie insaguinate dei nemici uccisi e la madre ne sarà lieta in cuore ":
Così disse e mise il figlio fra le braccia della sua sposa che lo accolse sul petto sorridendo tra le lacrime ; ebbe pietà di lei l'eroe che , accarezzandola, disse : "Infelice anche tu,non affliggerti troppo; nessuno potrà gettarmi nell'Ade contro il destino; io ti dico che nessun uomo può sfuggire alla sorte,sia valoroso,sia vile, una volta che è nato.
Ma ora va a casa e torna alle tue occupazioni, al fuso e al telaio e alle ancelle ordina di badare al lavoro; alla guerra penseranno gli uomini, tutti gli uomini di Ilio, ed io più di ogni altro":

inviato il 25/03/2013
Nei segnalibri di:

Poesie

immagine copertina
SHELLEY
Poesie
Tradotto da Francesca Romana Paci
Mondadori 1983
10 righe da pagina 69:

AMOR AETERNUS

Ricchezze e signorie scompaiono nella massa
del grande mare del giusto e dell'ingiusto umano,
quando è la volta che il nostro possesso scada;
ma l'amore, anche se mal diretto, è tra quelle
cose che sono immortali, e sorpassano
tutta quella fragile materia che saremo - o siamo stati.

Wealth and dominion fade into the mass
Of the great sea of human right and wrong,
When once from our possession they must pass;
But love, though misdirected, is among
The things which are immortal, and surpass
All that frail stuff which will be - or which was.

inviato il 25/03/2013
Nei segnalibri di:

La vita davanti a sé

immagine copertina
Romain Gary
La vita davanti a sé
Tradotto da Giovanni Bogliolo
NERI POZZA 2005
10 righe da pagina 63:

Una cosa che mi è sempre sembrata strana è che le lacrime sono state previste nel programma.
Vuol dire che era previsto che noi piangessimo.
Bisognava pensarci.
Un costruttore che si rispetti non avrebbe mai fatto una cosa simile

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

La vita davanti a sé

immagine copertina
Romain Gary
La vita davanti a sé
NERI POZZA
10 righe da pagina 122:

Il signor Hamil mi aveva detto tante volte che il tempo viene lentamente dal deserto con le sue carovane di cammelli e che non ha fretta perchè trasporta l'eternità.
Ma è sempre più bello quando ti viene raccontato, che quando lo guardi sulla faccia di un vecchio che ogni giorno se ne fa rubare un pò di più e, se volete la mia opinione, il tempo bisogna andarlo a cercare dai ladri.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie, Paola! :)

Sonia, quanto tempo!
Leggo spesso il tuo blog :)

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

La ragazza che fermò il tempo

immagine copertina
J.M. Tohline
La ragazza che fermò il tempo
Tradotto da Chiara Rea
Elliot 2013
10 righe da pagina 154:

Penso a un libro
(...)
Penso a chi è troppo occupato per permettersi le letture in una sola seduta e a come il libro lo accompagni sulla metropolitana o a come lo aspetti in macchina. Penso a quando ci mettiamo a letto la sera e ci lasciamo catturare dalle pagine finché non siamo pronti per addormentarci. Penso ai fortunati che hanno qualcuno da amare, qualcuno che stia steso accanto a loro nel letto, con il corpo ricurvo e gli occhi chiusi, e dica "Tesoro, per favore, spegni la luce. Ti prego, è ora di dormire". E come loro risponderanno "Arrivo alla fine del capitolo, tesoro. Mancano solo poche pagine", sospirando d'amore e posando la mano sulla schiena del compagno e continuando a girare le pagine fino a non poter più tenere gli occhi aperti ancora un minuto.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Ben tornata fra noi veterane!!!

Che immagine dolce che danno le tue righe!

Sono contenta di ritrovarti. Buon gioco.

ciao Elena :)

Ciao Sonia ;)

Partecipo Allora un libro su http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo

Il primo amore non si scorda mai, anche volendo

immagine copertina
Roberto Alajmo
Il primo amore non si scorda mai, anche volendo
Mondadori Libellule 2013
10 righe da pagina 67:

poi un giorno il "Corriere dei Piccoli" lancia fra i lettori un referendum che riguarda la testata. In sostanza: volete che continuiamo a chiamarci "Corrire dei Piccoli", o preferite qualcosa tipo "Corriere dei Ragazzi"? Anzi, proprio: "Corriere dei Ragazzi". Quesito che, posti a dei ragazzi attorno ai dieci, dodici anni, è una domanda a risposta incorporata. Preferite continuare a leggere l'infantile "Corriere dei Piccoli", o passare a un giornale che, pur restando sostanzialmente uguale, si chiami in maniera più consona a voi che ormai siete diventati degli ometti? Messa così, cosa vuoi che rispondiate, voi lettori?
Già leggendo la notizia senti un clic allarmante che scatta dentro di te, proprio fra il cuore e lo stomaco. Intuisci subito che sarà un problema.

inviato il 20/03/2013
Nei segnalibri di:

Iliade

immagine copertina
Omero
Iliade
Tradotto da Giuseppe Tonna
Garzanti 1991
10 righe da pagina 205:

GLi rispondeva Euripilo ferito: "No, Petroclo, non ci sarà più scampo per gli Achei. Dovranno gettarsi sulle navi. Vedi, ormai tutti i più prodi giacciono nell'accampamento, colpiti da frecce o da lance per mano dei Troiani. E la loro forza, credi, cresce di continuo. Ma tu portami in salvo sulla nave! E là tirami fuori dalla coscia di dardo, lava via il sangue nero con acqua tiepida, saprgi sopra la ferita dei calmanti che siano efficaci.

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Spero di aver mandato tutte le e-mail

Ma è un casino di premi, non so come ringraziarvi.

Elena, con queste 10 righe hai vinto il super premio finale del gioco Allora un libro http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo. :))
Per i libri incentivo manda la mail libroincentivo@10righedailibri.it; per i premi tiscali indoona contatta sponsorizzazionimobile@it.tiscali.com indicando la motivazione
Complimenti :))

Ciao! Le tue 10 righe sono state scelte da Edizioni ambiente – VerdeNero all'interno del gioco "Allora un libro": ti viene quindi assegnato un libro incentivo! http://scrivi.10righedailibri.it/allora-un-libro-gioco-libri-incentivo.
Manda una mail a libroincentivo@10righedailibri.it indicando un recapito e specificando che hai vinto un libro in "Allora un libro" :)

Ciao Anna grazie a te

Amo l'Iliade, ogni sua parola ti rimane nel sangue...grazie per aver postato queste righe!

L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello

immagine copertina
Oliver Sacks
L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello
Tradotto da Clara Morena
Adelphi 1986
10 righe da pagina 27:

"La sua scarpa," ripetei. "Non deve reinfilarsela?"
Lui guardava sempre in basso, non la scarpa però, con una concentrazione intensa ma male indirizzata. Infine il suo sguardo si posò sul piede: "E' questa la mia scarpa, vero?"
Avevo sentito male? O aveva visto male lui?
"I miei occhi," spiegò, e si mise una mano sul piede. "E' questa la mia scarpa, no?"
"No. Quello è il suo piede. La sua scarpa è lì."
"Ah! Credevo che fosse il mio piede."

inviato il 18/03/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

The age of ice

The age of ice 5 years 14 settimane fa

Inserito anche in questa neonata lista! (spero che possa crescere e che le case editrici comincino ad ascoltare i lettori).

il sospiro lieve dei sensi

il sospiro lieve dei sensi 5 years 14 settimane fa

Citazione molto bella, non conoscevo il libro

Ulysses

Ulysses 5 years 17 settimane fa

Mail mandata! (con una piccola domanda...)

Ulysses 5 years 17 settimane fa

Ringrazio fortissimamente TimeCrime e lo staff di 10 righe. Sono felicissima ed emozionata!

La ragazza che fermò il tempo

La ragazza che fermò il tempo 5 years 17 settimane fa

Che immagine dolce che danno le tue righe!

Iliade

Iliade 5 years 17 settimane fa

Amo l'Iliade, ogni sua parola ti rimane nel sangue...grazie per aver postato queste righe!

Allora un libro - gioco libri incentivo

Allora un libro - gioco libri incentivo 5 years 18 settimane fa

Partecipo con http://scrivi.10righedailibri.it/troppa-felicit%C3%A0-1 Troppa felicità (la parola è indemoniati)

Allora un libro - gioco libri incentivo 5 years 18 settimane fa

Partecipo alla lettera O con O'Carroll -> http://scrivi.10righedailibri.it/agnes-browne-mamma-0

Troppa felicità

Troppa felicità 5 years 18 settimane fa

Troppa felicità

Troppa felicità 5 years 18 settimane fa

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy