Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di Ade le

TRE CAVALLI

immagine copertina
ERRI DE LUCA
TRE CAVALLI
FELTRINELLI
10 righe da pagina 109:

Prendo il libro fermo alla piega, mi rimetto alla sua andatura,al respiro di un altro che racconta. Se anch'io sono un altro è perchè i libri più degli anni e dei viaggi spostano gli uomini. Dopo molte pagine si finisce per imparare una variante , una mossa diversa da quella commessa e creduta inevitabile.
Mi stacco da quello che sono quando imparo a trattare in altro modo la medisima vita.(...) Metto il libro nella tasca di dentro della giacca . me l'appunto sul petto dall'interno. Nel vecchio posto dell'arma ora c'è il tutt'altro.

inviato il 20/10/2011
Nei segnalibri di:

SCRITTO SUL CORPO

immagine copertina
JEANETTE WINTERSON
SCRITTO SUL CORPO
OSCAR MONDADORI
10 righe da pagina 37:

Sì, è gia amicizia, mi piace trascorrere la giornata con te in discorsi seri e senza senso. Non mi dispiacerebbe lavare i piatti accanto a te, spolverare accanto a te, leggere le ultime pagine del giornale mentre tu leggi le prime. E' già amicizia e mi mancheresti, mi manchi e penso a te molto spesso. Non voglio perdere quest'oasi felice dove ho trovato una persona simpatica e disponibile che non si preoccupa di controllare l'agenda, quando fissiamo un incontro.

inviato il 17/03/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Ade, anno di edizione e nome del traduttore? :)

IL LIBRO DELL' INQUIETUDINE

immagine copertina
10 righe da pagina 36:

Esiste una stanchezza dell' intelligenza astratta , che è la più spaventosa delle stanchezze. Non pesa come la stanchezza del corpo, nè inquieta come la stanchezza della conoscenza emotiva. E' un peso della coscienza del mondo, un non poter respirare con l'anima.
Allora- come se il vento si abbattasse su di esse, come su delle nuvole- tutte le idee in cui abbiamo sentito la vita, tutte le ambizioni e i disegni su cui abbiamo fondato la speranza del nostro domani, si squarciano, si aprono, si allontanano, divenute ceneri di nebbia, stracci di ciò che non è stato ne avrebbero potuto essere.

inviato il 27/12/2010
Nei segnalibri di:

IL PICCOLO LIBRO DELL'OMBRA

immagine copertina
ROBERT BLY
IL PICCOLO LIBRO DELL'OMBRA
RED EDIZIONI
10 righe da pagina 65:

Ci sono moltri altri modi per mangiare l'Ombra, per recuperare la proiezione e per accorciare la lunghezza del sacco: tutti ne conosciamo dozzine. Voglio citare l'uso di un linguaggio attento; intendo un linguaggio accurato e con una base fisica. Usare coscientemente il linguaggio sembra il modo più fruttuoso per recuperare la sostanza Ombra sparpagliata per il mondo. L'energia che abbiamo estromesso galleggia qua e là al di fuori della nostra psiche; e un modo per ritirarla all'interno è usare il linguaggio. Certe forme di linguaggio sono reti. Dobbiamo servircene attivamente, gettando appunto la rete.

inviato il 14/12/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

lettura molto interessante... ti piacerà:)

non so perchè ma so che mi piace! lo comprerò ;-)

Il deserto dei Tartari

immagine copertina
Dino Buzzati
Il deserto dei Tartari
Oscar Mondadori
10 righe da pagina 26:

Molte volte egli era stato solo: in alcuni casi anche da bambino, smarrito per la camapgna, altre volte nella città notturna, nelle vie abitate dai delitti, e persino la notte prima, che aveva dormito per strada. Ma adesso era una cosa ben diversa, adesso ch'era finita l'eccitazione del viaggio, e i suoi nuovi colleghi erano già a dormire, e lui sedeva nella sua camera, alla luce della lampada, sul bordo del letto, triste e sperduto. Adesso sì capiva sul serio che cosa fosse solitudine ( una camera non brutta, tutta tappezzata di legno, con un grande letto, un tavolo, un incomodo divano, un armadio). Tutti erano stati gentili con lui, alla mensa avevano aperto una bottiglia in suo onore, ma adesso di lui se ne infischiavano, l'avevano già completamente dimenticato...

inviato il 11/12/2010
Nei segnalibri di:

Hanno tutti ragione

immagine copertina
Paolo Sorrentino
Hanno tutti ragione
Feltrinelli
10 righe da pagina 53:

E' solo che sentivo il profumo della vacanza. Ve lo ricordate l'odore dei posti di mare, dei posti di villeggiatura? E l'odore dell'avvicinarsi della pioggia di fine estate? Certo che ve lo ricordate tutti, tutti se lo ricordano. Io quello sentivo. Profumo tra i profumi. Odore di coppia e di esistenza a due in eterno. Lei mi fissava in una maniera primitiva, attendeva una risposta al suo invito dandomi la sensazione di potermi prendere tutto il tempo che volevo semplicemente perchè il tempo era dalla nostra parte, dalla parte degli innamorati è il tempo, sempre, ma io ero immobilizzato dalla felicità, volevo che non finisse più, mai più, questo momento. Insomma mi ero innamorato ed era la prima volta che si faceva sul serio. Ero fatto.

inviato il 09/12/2010
Nei segnalibri di:

la gioia di scrivere

immagine copertina
Wislawa Szymborska
la gioia di scrivere
Adelphi 2009
10 righe da pagina 379:

RITRATTO DI DONNA
Deve essere scelta.
Cambiare, purche' niente cambi.
E' facile, impossibile, difficile, ne vale la pena.
Ha gli occhi, se occorre, ora azzurri, ora grigi,
neri, allegri, senza motivo pieni di lacrime.
Dorme con lui come la prima venuta, l'unica al mondo.
Gli dara' quattro figli, nessuno, uno.
Ingenua, ma e' un'ottima consigliera.
Debole, ma sosterra'.
Non ha la testa sulle spalle, pero' l'avra'.
Legge Jaspers e le riviste femminili.
Non sa a che serva questa vite, e costruira' un ponte.
Giovane, come al solito giovane, sempre ancora giovane.
Tiene nelle mani un passero con l'ala spezzata,
soldi suoi per un viaggio lungo e lontano,
una mezzaluna, un impacco e un bicchierino di vodka.
Dove e' che corre, non sara' stanca?
Ma no, solo un poco, molto, non importa.
O lo ama, o si e' intestardita.
Nel bene, nel male, e per l'amor di Dio.

inviato il 21/03/2012
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

2009

Anno di edizione?

L'Aleph. La casa di Asterione

immagine copertina
Jorge Luis Borges
L'Aleph. La casa di Asterione
Tradotto da F. Tentori Montalto
Feltrinelli 2003
10 righe da pagina 67:

Ogni nove anni entrano nella casa nove uomini, perché io li liberi da ogni male. Odo i loro passi o la loro voce in fondo ai corridoi di pietra e corro lietamente incontro ad essi. La cerimonia dura pochi minuti. Cadono uno dopo l'altro, senza che io mi macchi le mani di sangue. Dove sono caduti, restano, e i cadaveri aiutano a distinguere un corridoio dagli altri. Ignoro chi siano, ma so che uno di essi mi profetizzò, sul punto di morire, che un giorno sarebbe giunto il mio redentore.

inviato il 21/03/2012
Nei segnalibri di:

TRE CAVALLI

immagine copertina
ERRI DE LUCA
TRE CAVALLI
FELTRINELLI
10 righe da pagina 109:

Prendo il libro fermo alla piega, mi rimetto alla sua andatura,al respiro di un altro che racconta. Se anch'io sono un altro è perchè i libri più degli anni e dei viaggi spostano gli uomini. Dopo molte pagine si finisce per imparare una variante , una mossa diversa da quella commessa e creduta inevitabile.
Mi stacco da quello che sono quando imparo a trattare in altro modo la medisima vita.(...) Metto il libro nella tasca di dentro della giacca . me l'appunto sul petto dall'interno. Nel vecchio posto dell'arma ora c'è il tutt'altro.

inviato il 20/10/2011
Nei segnalibri di:

In alto a sinistra

immagine copertina
Erri De Luca
In alto a sinistra
Universale Economica Feltrinelli 1995
10 righe da pagina 78:

"Non è che ti penso molto, ma spesso ti confronto, amico mio, con le persone che incontro e provo l'impressione penosa che non ti valgano. A volte ti nomino e ti accendo un elogio, come una candela inutile nella luce del giorno. Le frasi che lasciavi per aria, mezze cantate, le ho concluse tutte, però lo stesso mi prende lo sconforto. Eppure non mi manchi tu come corpo d'amore."
[...] "Qualcosa di te mi ha avvelenato i sensi, ho sempre un po' di febbre."
[...] "Tu cerchi in un uomo la disperazione e l'orgoglio, i pugni, i treni, l'inferno facile che hai saputo suscitare. [...] Dove tu passavi, orme d'altre donne sbiadivano. Sapevi dare il niente, misura adatta a chiedere ogni cosa. Non io ti manco, tu ti manchi."

inviato il 18/10/2011
Nei segnalibri di:

I cani vanno avanti

immagine copertina
Valentina Brunettin
I cani vanno avanti
Alet edizioni 2010
10 righe da pagina 156:

Ho sempre pensato che con i miei versi avrei raccontato la vita e solo oggi mi accorgo che la cosa più importante della nostra esistenza non è dire, ma tacere. E questo me l'hanno insegnato i cani. I cani stanno zitti: quando li accarezzi, quando dai loro da mangiare, quando li stai per sopprimere con una puntura definitiva. I cani mi hanno fatto capire che nessuno di noi deve avere sempre qualcosa da sire. E la poesia era un monologo, che durava da vent'anni. Ora sono senza voce, taccio e vivo con i cani.

inviato il 17/03/2011
Nei segnalibri di:

SCRITTO SUL CORPO

immagine copertina
JEANETTE WINTERSON
SCRITTO SUL CORPO
OSCAR MONDADORI
10 righe da pagina 37:

Sì, è gia amicizia, mi piace trascorrere la giornata con te in discorsi seri e senza senso. Non mi dispiacerebbe lavare i piatti accanto a te, spolverare accanto a te, leggere le ultime pagine del giornale mentre tu leggi le prime. E' già amicizia e mi mancheresti, mi manchi e penso a te molto spesso. Non voglio perdere quest'oasi felice dove ho trovato una persona simpatica e disponibile che non si preoccupa di controllare l'agenda, quando fissiamo un incontro.

inviato il 17/03/2011
Nei segnalibri di:

Commenti

Ade, anno di edizione e nome del traduttore? :)

Come una carezza - Lettere d'amore dell'Ottocento italiano

immagine copertina
Guido Davico Bonino (a cura di)
Come una carezza - Lettere d'amore dell'Ottocento italiano
Einaudi Tascabili 2004
10 righe da pagina 23:

Bellosguardo, aprile 1813 Non scenderò per oggi, Quirina mia; il vento forse mi farebbe male, e peggio il moto: e devo anche aver l'occhio a mille cose che si vanno accomodando. Nel resto non mi trovo malcontento; e la pace ch'io provo mestamente quassù, sarebbe invece lietissima s'io potessi avere in te vicine le due persone che mi sono sì necessarie, l'amante e l'amico. Ma io verrò a cercarti, perché quanto più lungamente starò a rivederti, tanto più il mio cuore e tutti i miei pensieri sospireranno per te sola, mia cara Amica. Domani, senza fallo, dopo mezzodì sarò teco; e solo potrebbe trattenermi la grandine o un diluvio di pioggia. Ma non pioverà spero. Addio addio, Quirina mia; amami perch'io t'amo davvero. Addio addio. Ugo Foscolo

inviato il 14/03/2011
Nei segnalibri di:

il bacio di mezzanotte

immagine copertina
Lara Adrian
il bacio di mezzanotte
zorro editore
10 righe da pagina 137:

Abbassò lo sguardo,fissando in silenzio il delicato fagotto di quella donna calda e bellissima avvolta attorno a lui in una deliziosa condizione di quasi completa nudità. Non poteva aver avuto alcun sentore del mondo pericoloso in cui adesso era invischiata... sopratutto da parte del letale vampiro che la teneva ora contro di se.[...] Il fievole profumo di Gabrielle bastava a fargli ribollire il sangue in modo pericoloso. Le accarezzò il collo e la spalla,cercando di ignorare la pulsazione regolare sotto le dita. Doveva lottare come un forsennato per reprimere il ricordo dell'ultima volta che era stato con lei o il bisogno folle di farla di nuovo sua.

inviato il 03/01/2011
Nei segnalibri di:

Il giardino segreto

immagine copertina
Frances Hodgson Burnett
Il giardino segreto
Tradotto da Giorgio van Straten
Giunti Junior 2007
10 righe da pagina 198:

Pagina 198
— Naturalmente ci sono molte magie nel mondo — disse un giorno con saggezza — ma la gente non sa a che servano o come utilizzarle. Forse il sistema migliore è dire che stanno per accadere delle belle cose, finché non accadono davvero. Voglio provare.

Pagina 199
Sono sicuro che c’è magia in ogni cosa, solo che noi non abbiamo una sensibilità sufficiente a comprenderla e utilizzarla...

inviato il 29/12/2010
Nei segnalibri di:

I racconti delle fate

immagine copertina
Charles Perrault e altri
I racconti delle fate
Tradotto da Elena Giolitti
Newton Compton 2003
10 righe da pagina 202:

«[...] ti faremo dipingere più bello dello stesso Amore [...]». «Non son capace», disse lui, «di commettere una simile soperchieria; sarei disperato di rendere mia moglie infelice». «E puoi credere», esclamò la Regina, «che la donna che desideri non lo sarà con te? L’uomo che l’ama è bello; e se fra sovrano e suddito il rango è diverso, la differenza non è minore fra un cinghiale e il più affascinante uomo del mondo». «Peggio per me signora, rispose Marcassino, infastidito dalle ragioni ch’ella gli allegava, «oso dire che dovreste meno d’un’altra rinfacciarmi la mia disgrazie: perché m’avete fatto nascere maiale?». Non è ingiusto rimproverarmi di una cosa di cui non ho colpa?». «Io non ti rimprovero», disse la Regina intenerita, «voglio solo farti presente che, se sposi una donna che non ti ama, sarai infelice e farai la sua tortura: se tu potessi capire quel che si soffre in queste unioni forzate, non vorresti certo correrne in rischio: non val meglio restarsene da soli in pace?» [...]
(Madame d’Aulnoy, IL PRINCIPE CINGHIALE)

12 illustrazioni di Gustave Doré

inviato il 14/12/2010
Nei segnalibri di:

Commenti

Questi racconti sono immortali.

Proprio così, solo il vero amore dà la felicità, non servono le unioni forzate!

patty ti voglio bene per me sei tu una fattina che quando viene in sardegna mi fà tanta compagnia

patty
per me sei una fattina che quando viene in sardegna mette tanta allegria ti voglio bene amica

Patti, ti sei accorta che tra questi segnalibri compare ancora quello del mio account di prova???E' brutto, nero e per giunta senza nome!!!:))

eheh Enricooooo sei stato tu a fare la campagna letturale?
:))

Complimenti Patti, ti auguro di vincere il libro ;)

Protesto protesto innanzitutto perchè questo assiepamento di SEGNALIBRI SENZA FOTO non è concepibile! BRUUUUTTTTIIII uomini neri senza volto!!! EVVIVA LA FOTO! Evviva l'arcobaleno!
E fu così che la pat si portò in testa a parimerito!!!

:))) che succede? le fate hanno fatto la magia per farmi vincere il libro incentivo o il principe marashino è intervenuto?

Enrico, è un libro che tengo sempre a portata di mano e ogni tanto leggo una fiaba. Specialmente di notte! Così i sogni diventano più magici.

Wow Patti, mi ispira moltissimo questo libro!

IL PICCOLO LIBRO DELL'OMBRA

IL PICCOLO LIBRO DELL'OMBRA 8 years 18 settimane fa

lettura molto interessante... ti piacerà:)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy