Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di charicla.ruggiero

Giorgio Gaber. Il teatro del pensiero

immagine copertina
Mauro Germani
Giorgio Gaber. Il teatro del pensiero
EDITRICE ZONA
10 righe da pagina 81:

Qualcuno ha definito Gaber un "sociologo". In effetti, se leggiamo attentamente la sua opera, ci rendiamo conto non solo della sua straordinaria capacità di interpretare i fenomeni sociali, ma anche di intuirne in largo anticipo i loro possibili sviluppi, di precorrere quindi i tempi. L'acutezza del suo sguardo, certe sue descrizioni, certe sue ironie o indignazioni, volte soprattutto a cogliere alcuni particolari, a togliere il velo dell'ipocrisia dai nostri atteggiamenti, dalle nostre facce, dal nostro modo di essere e di pensare, hanno lasciato un segno indelebile, ancora attuale, nonostante gli anni.

inviato il 05/07/2013
Nei segnalibri di:

Ninco Nanco deve morire

immagine copertina
Eugenio Bennato
Ninco Nanco deve morire
Rubbettino Editore
10 righe da pagina 31:

Per chiunque voglia raccontarlo e per chiunque voglia ascoltare la sua storia, questo personaggio ha due caratteristiche fondamentali, che lo distinguono a mio parere da tutti gli altri briganti dell'epoca: innanzitutto il nome di battaglia, Ninco Nanco, un nome che sembra predestinato, un nome musicale e fiabesco, il nome di un protagonista che per anni è stato dimenticato; e poi il volto, che, nonostante ci giunga solo nella posa estrema della fotografia che i nemici gli scattarono dopo averlo ucciso, ha tutta la bellezza e la potenza simbolica di un'icona.

inviato il 29/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Non conosco questo Eugenio Bennato, ma il suo nome e il suo cognome sono sinonimi :D

Il punto estremo

immagine copertina
Paolo Pajer
Il punto estremo
Erga edizioni
10 righe da pagina 5:

Sono una linea di pensiero, un pulsare.
Non conosco la luce né l'aria, non il profumo di mia madre o la voce di mio padre.
Sono l'interpretazione dell' inizio assoluto, dell'alba, del punto che si fa treno all'orizzonte, del silenzio prima della prima nota.
Non ho istinto né intelligenza, ma sono l'incipit di tutto, e pertanto più vecchio di ogni sensazione.
Non ho sensi per raccogliere qualcosa: sono un filo appena visibile appeso nel buio.
E mi sono appeso nel buio sbagliato.
Che culo.

inviato il 29/06/2013
Nei segnalibri di:

La Fattoria degli Animali

immagine copertina
George Orwell
La Fattoria degli Animali
Tradotto da Guido Bulla
A. MONDADORI 2009
10 righe da pagina 8:

"Ma ricordare,compagni, la vostra determinazione non dovrà mai vacillare. Non fatevi sviare dalle chiacchiere. Se vi diranno che l'Uomo e gli animali hanno gli stessi interessi, che la prosperità dell'uno è la prosperità degli altri, non ascoltate sono tutte menzogne. L'Uomo non bada agli interessi di nessuna creatura, ma solo ai propri. E fate che tra noi animali ci sia perfetta unione, perfetta comunanza nella lotta. Tutti gli uomini sono nemici. Tutti gli animali sono compagni."

inviato il 20/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Mail appena inviata...grazie ancora!!!

Chiara hai ragione abbiamo dimenticato l'e-mail. Invia il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it

Gentile Redazione, grazie milleeeee! Devo fare qualcosa per ricever i libri??? Tipo inviarvi una mail con il mio indirizzo postale o altro??? Scusate ma è la prima volta che vinco e non ho ben capito come funziona...Sorry e grazie mille di nuovo!

Ciao Chiara! Le tue 10 righe sono state selezionate dallo staff come le migliori del gioco Maturarighe, ottieni due libri incentivo :)

Partecipo a Maturarighe 2013 http://scrivi.10righedailibri.it/maturarighe-2013

Terroni. Tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del sud diventassero meridionali

immagine copertina
10 righe da pagina 7:

Io non sapevo che i piemontesi fecero al Sud quello che i nazisti fecero a Marzabotto. Ma tante volte, per anni.
E cancellarono per sempre molti paesi, in operazioni "anti-terrorismo", come i marines in Iraq.
Non sapevo che, nelle rappresaglie, si concedessero libertà di stupro sulle donne meridionali, come nei Balcani, durante il conflitto etnico; o come i marocchini delle truppe francesi, in Ciociaria, nell'invasione, da Sud, per redimere l'Italia dal fascismo (ogni volta che viene liberato, il Mezzogiorno ci rimette qualcosa).

inviato il 13/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Grazie :)

2010... ;-)

Chiara, anno di edizione?

Partecipo a Libri in Piazza http://scrivi.10righedailibri.it/libri-piazza

Il baco e la farfalla

immagine copertina
Diego Repetto
Il baco e la farfalla
Italia Press Edizioni
10 righe da pagina 9:

"Si salverà, non si preoccupi. Il bambino non è in pericolo di vita. Fosse un adulto correrebbe qualche rischio, ma con la sua età è praticamente impossibile che non ce la faccia. Certo, i tempi di recupero più lunghi. Dalla poliomelite si guarisce con il riposo, più i muscoli lavorano più avanza la malattia. "

inviato il 08/06/2013
Nei segnalibri di:

Bagliori Notturni

immagine copertina
Antonia Casagrande
Bagliori Notturni
Editrice Montedit
10 righe da pagina 9:

I primi anni della mia infanzia li ho trascorsi sereni con due genitori ed un nonno adorabili, e tanti, tanti, tanti amici. Ricordo il periodo dell'asilo, la maestra che idolatravo, e tutte le mamme a cui mi ero affezionato e con cui condividevo le esperienze di gioco.

inviato il 02/05/2013
Nei segnalibri di:

ZeroZeroZero

immagine copertina
Roberto Saviano
ZeroZeroZero
Feltrinelli
10 righe da pagina 47:

Non è l'eroina che ti rende uno zombie. Non è la canna che, che ti rilassa e ti inietta gli occhi di sangue. La coca è la droga performativa. Con la coca puoi fare qualsiasi cosa. Prima che ti faccia esplodere il cuore, prima che il cervello ti vada in pappa, prima che il cazzo ti si ammosci per sempre, prima che lo stomaco diventi una piaga suppurosa, prima di tutto questo lavorerai di più, ti divertirai di più, scoperai di più. La coca è la risposta esaustiva al bisogno più impellente dell'epoca attuale: l'assenza di limiti. Con la coca vivrai di più. Comunicherai di più, primo comandamento della vita moderna. Più comunichi più sei felice, più comunichi più te la godi, più comunichi più commerci in sentimenti, più vendi, vendi di più di qualsiasi cosa. Più. Sempre di più. Ma il nostro corpo non funziona con i "più".

inviato il 08/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

C'è qualcuno di voi che in questi giorni sta leggendo questo libro? ;-)

Rino Gaetano Live

immagine copertina
Emanuele Di Marco
Rino Gaetano Live
Stampa Alternativa
10 righe da pagina 148:

Oggi la sua tomba non è un santuario del rock, né un mausoleo della canzone. E' una nicchia tra mille altre dove Rino riposa davanti a un piccolo tavolo in cui ognuno può lasciare un pensiero. Sopra la tomba non c'è il cielo ma un soffitto di cemento. Appena si esce fuori, il cielo è sempre più blu.

inviato il 07/04/2013
Nei segnalibri di:

Vernice Fresca

immagine copertina
Antonio Grassi
Vernice Fresca
Libreria Dornetti Editore
10 righe da pagina 13:

Duilio Cattaneo aveva cenato in fretta, indossato trench e cappello, accarezzato Olga sulla nuca e ottenuto indifferenza. Aveva tentato di avvicinarle la testa alla spalla, ma lei si era ritratta. Era uscita. Sul pianerottolo aveva atteso alcuni secondi. Era sceso dalle scale, l'umore incarognito dal clima autunnale.
Poche linee di febbre, gola arrossata, raffreddore, malesseri non avevano mai impedito a Olga di accompagnarlo a un appuntamento culturale, mondano, culinario o di altro tipo.

inviato il 06/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Marzo 2013...è fresco fresco di pubblicazione! ;-)

Anno di edizione?
;)

Ninco Nanco deve morire

immagine copertina
Eugenio Bennato
Ninco Nanco deve morire
Rubbettino Editore
10 righe da pagina 31:

Per chiunque voglia raccontarlo e per chiunque voglia ascoltare la sua storia, questo personaggio ha due caratteristiche fondamentali, che lo distinguono a mio parere da tutti gli altri briganti dell'epoca: innanzitutto il nome di battaglia, Ninco Nanco, un nome che sembra predestinato, un nome musicale e fiabesco, il nome di un protagonista che per anni è stato dimenticato; e poi il volto, che, nonostante ci giunga solo nella posa estrema della fotografia che i nemici gli scattarono dopo averlo ucciso, ha tutta la bellezza e la potenza simbolica di un'icona.

inviato il 29/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Non conosco questo Eugenio Bennato, ma il suo nome e il suo cognome sono sinonimi :D

La linea d'ombra

immagine copertina
Joseph Conrad
La linea d'ombra
Tradotto da Flavia Marenco
Einaudi 2006
10 righe da pagina 18:

Solo i giovani hanno di questi momenti. Non intendo dire i giovanissimi. No. I giovanissimi, per essere esatti, non hanno momenti. È privilegio della prima gioventù vivere in anticipo sui propri giorni, nella bella continuità di speranze che non conosce pause né introspezione. Uno chiude dietro di sé il cancelletto della fanciullezza – ed entra in un giardino incantato. Là persino le ombre rilucono di promesse. Ogni svolta del sentiero ha un suo fascino. E non perché sia una terra tutta da scoprire. Si sa bene che l'umanità intera l'ha percorsa in folla. È la seduzione dell'esperienza universale, da cui ci si attende una sensazione singolare o personale: un po' di se stessi.

inviato il 28/06/2013
Nei segnalibri di:

Il punto estremo

immagine copertina
Paolo Pajer
Il punto estremo
Erga edizioni
10 righe da pagina 5:

Sono una linea di pensiero, un pulsare.
Non conosco la luce né l'aria, non il profumo di mia madre o la voce di mio padre.
Sono l'interpretazione dell' inizio assoluto, dell'alba, del punto che si fa treno all'orizzonte, del silenzio prima della prima nota.
Non ho istinto né intelligenza, ma sono l'incipit di tutto, e pertanto più vecchio di ogni sensazione.
Non ho sensi per raccogliere qualcosa: sono un filo appena visibile appeso nel buio.
E mi sono appeso nel buio sbagliato.
Che culo.

inviato il 29/06/2013
Nei segnalibri di:

Le luci nelle case degli altri

immagine copertina
Chiara Gamberale
Le luci nelle case degli altri
mondadori

Conoscere una persona significa permetterle di darci o toglierci qualcosa. Significa farla entrare nella nostra esistenza: fargliela sporcare, il giorno che quella persona avrà le scarpe piene di fango. Fargliela illuminare, se a quella persona verrà in mente di portare con sé una lampadina. Fargliela modificare, insomma. Mentre noi modifichiamo la sua. Senza che magari nessuno, mentre seccede, se ne renda conto.

inviato il 19/06/2013
Nei segnalibri di:

La Costituzione esplicata

immagine copertina
a cura di Federico del Giudice
La Costituzione esplicata
Edizioni giuridiche Simone 2006
10 righe da pagina 3:

Art. 3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza
distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di
condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale,
che, limitando di fatto la libertà e la uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno
sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori
all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

inviato il 13/06/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

ma grazie :D Adesso vi invio i dati :)

Ciao! Ti sono stati assegnati 2 libri incentivi dalla redazione nel gioco Libri in piazza! :)

Partecipo a Libri in piazza” . http://scrivi.10righedailibri.it/libri-piazza

I Fiori del male

immagine copertina
Charles Baudelaire
I Fiori del male
Feltrinelli 1970
10 righe da pagina 85:

HARMONIE DU SOIR
Voici venir le temps où vibrant sur sa tige
Chaque fleur s'évapore ainsi qu'un encensoir
Les sons et les parfums tournent dans l'air du soir;
Valse mélancolique et langoureux vertige !

Chaque fleur s'évapore ainsi qu'un encensoir
Le violon frémit comme un coeur qu'on afflige;
Valse mélancolique et langoureux vertige !
Un coeur tendre, qui hait le néant vaste et noir !
Le ciel est triste et beau comme un grand reposoir;

Le violon frémit comme un coeur qu'on afflige
Un coeur tendre qui hait le néant vaste et noir
Le ciel est triste et beau comme un grand reposoir;
Le solei c'est noyé dans son sang qui se fige.,

Un coeur tendre qui hait le nèant vaste et noir,
Du passé lumineux recuille tout vestige !
Le soleil s'est noyé dans son sang qui se fige...
Ton souvenir en moi luit comme un ostensoir !

inviato il 10/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Emma, abbiao condiviso le tue 1o righe sui social :)

Guerra e Pace

immagine copertina
Tolstoj
Guerra e Pace
Tradotto da Federico Verdinos
Istituto Editoriale Italiano 1920
10 righe da pagina 64:

Da quando Natascia aveva incominciato a curarlo, il principe Andrej provava la sensazione fisica della vicinanza della fanciulla.
Ella sedeva accanto a lui,sulla poltrona,e gli nascondeva con la sua persona la luce della candela.
Lavorava a maglia.. (Aveva imparato a fare la calza da quando,una volta, il principe Andrej le aveva detto che nessuno sapeva curare gli ammalati così bene come le vecchie governanti che fanno la calza, e che in quello sferruzzare c'è un qualcosa di riposante ).
Le dita sottili della fanciulla si movevano rapide sui ferri che di tanto in tanto si urtavano, e il principe Andrej vedeva nettamente il profilo pensieroso del suo volto. Ella fece un movimento, il gomitolo di lana le cadde dalle ginocchia.
La fanciull trasalì ,guardò il principe ,messa la mano davanti alla candela,con un movimento rapido e preciso si chinò, raccolse il gomitolo e riprese la posizione di prima.
Egli,immobile, la guardava e capiva che, dopo aver fatto quel movimento, ella aveva bisogno di respirare profondamente,ma non si decideva a farlo e riprendeva fiato poco a poco.

inviato il 10/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

edizione in 4 volumi rilegati in pelle del 1920 ( raccolta GLI IMMORTALI diretta da Luigi Luzzati e Ferdinando Martini.)

Mercurio

immagine copertina
Amélie Nothomb
Mercurio
Tradotto da Alessandro Grilli
Voland 2000
10 righe da pagina 76:

Mi trovavo in un quadro di Hieronymus Bosch: da ogni parte bruttezza, mostruosità, sofferenza, decadimento, ed ecco, all'improvviso, un'isola di purezza incontaminata. La bellezza al centro stesso dell'orrore. Hazel si guardava intorno perplessa, come se si stesse chiedendo se era l'inferno quello che vedeva. Poi puntò su di me i suoi occhi indagatori: 'Lei è morto o vivo?' mi chiese con una voce pura come acqua di fonte. Ottima domanda, la più pertinente che mi si potesse fare. Non ho riflettuto nemmeno un istante: l'ho presa fra le braccia e mi sono dileguato sulla mia automobile. La Morte in persona non si sarebbe comportata altrimenti. E sono andato via col mio tesoro.

inviato il 10/04/2013
Nei segnalibri di:

I curiosi casi di Mazavara

immagine copertina
Elena Maneo
I curiosi casi di Mazavara
Seneca edizioni
10 righe da pagina 39:

Da una parete scendeva una catenella di ferro che pareva quella per lo sciacquone del water. Era un luogo privo di finestre, colmo di tavoli e scaffali che supportavano oggetti bizzarri e luccicanti. Alcuni voluminosi che realizzavano un ambiente perfetto per una rassegna di opere culturali. Bussole, sveglie, orologi, pendolini, cassette metalliche, scatole di rame, reliquiari per cose preziose, piccoli ingranaggi e strani meccanismi fuoriuscivano da ogni angolo. Sembrava il laboratorio di uno scienziato.
Una mano lunga, leggera e rossiccia comparve dal nulla.
Jed nel momento in cui sentì toccarsi sulla spalla, si scosse da quello che sembrava un sogno o un déjà vu. Lo strano fenomeno si sciolse come un gelato al sole lasciando posto alla realtà, alla concretezza.

inviato il 10/04/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Premio di poesia e narrativa "Val di Magra - Roberto Micheloni" 2013
4° posto - finalisti per il libro "I curiosi casi di Mazavara"

Per chi commenterà, la direzione del portaleMari, selezionerà 5 lettori che riceveranno in omaggio il libro con una mia dedica. Buona scrittura e buona lettura! Elena Maneo
http://www.manualedimari.it/portale/i-curiosi-casi-di-mazavara-di-elena-...

Libro edito I curiosi casi di Mazavara vincitore Premio della Giuria per sezione D- Libro edito di narrativa, anno 2013. Ottobre al Concorso di narrativa e poesia Città di Parole II Edizione FIRENZE

PENSIERI E PAROLE DI...

immagine copertina
MASSIMO BISOTTI
PENSIERI E PAROLE DI...
10 RIGHE DAI LIBRI

La parte più intima di una donna non l'avrai mai mentre la spogli, l'avrai mentre l’ascolti. Si è nudi e sconosciuti, vestiti e fusi. La parte più intima di una donna l'avrai quando le toccherai un punto che non avrà mai toccato nessun altro così: la sua anima.

inviato il 11/04/2013
Nei segnalibri di:

La Fattoria degli Animali

La Fattoria degli Animali 6 years 7 settimane fa

Mail appena inviata...grazie ancora!!!

La Fattoria degli Animali 6 years 7 settimane fa

Gentile Redazione, grazie milleeeee! Devo fare qualcosa per ricever i libri??? Tipo inviarvi una mail con il mio indirizzo postale o altro??? Scusate ma è la prima volta che vinco e non ho ben capito come funziona...Sorry e grazie mille di nuovo!

La Fattoria degli Animali 6 years 8 settimane fa

Maturarighe 2013

Maturarighe 2013 6 years 8 settimane fa

Terroni. Tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del sud diventassero meridionali

Terroni. Tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del sud diventassero meridionali 6 years 9 settimane fa

2010... ;-)

Terroni. Tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del sud diventassero meridionali 6 years 9 settimane fa

Libri in piazza

Libri in piazza 6 years 9 settimane fa

ZeroZeroZero

ZeroZeroZero 6 years 18 settimane fa

C'è qualcuno di voi che in questi giorni sta leggendo questo libro? ;-)

Vernice Fresca

Vernice Fresca 6 years 19 settimane fa

Marzo 2013...è fresco fresco di pubblicazione! ;-)

Teneri e Precari

Teneri e Precari 6 years 19 settimane fa

Grazie mille per l'accoglienza... ;-)

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy