Accedi da qui per inserire le tue 10 righe

Per inserire le tue 10 righe registrati oppure effettua il login
Richiedi una nuova password

Pagina di ele

L'amicizia

immagine copertina
Cicerone
L'amicizia
Newton Compton editori 2013
10 righe da pagina 47:

Molto spesso a me sembra, quando penso all'amicizia, che si debba considerare sopratutto una questione: se l'amicizia sia desiderata per la nostra debolezza e povertà, in modo che, nel dare e nel ricevere favori, ciascuno riceva dall'altro e a sua volta renda, ciò che da solo non potrebbe; oppure se, pur essendo questa la peculiarità dell'amicizia, la causa sia un'altra più importante, più bella e proveniente dalla stessa natura. L'amore, da cui prende nome l'amicizia, è il primo impulso a farci unire per affetto.

inviato il 30/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao scusate il ritardo grazie , ho avuto problemi con la linea internet...
Il traduttore è Emma Maria Gigliozzi

...manca il traduttore...

Complimenti Eleonora, hai vinto un libro incentivo per essere stata la più votata dagli utenti.
Ricordati di comunicarci l’indirizzo dove verrà spedito il libro che hai vinto a libroincentivo@10righedailibri.it

Grazie Marcello...
Eleonora, con le tue 10righe sei nella finale di ottobre 10 righe scelte da Voi utenti. Buone letture ;)

Ciao Eleonora: ho scelto questo tuo brano come il migliore del periodo 27-31 ottobre. Cordialmente, Marcello

Uno splendido disastro

immagine copertina
Jamie McGuire
Uno splendido disastro
Tradotto da Adria Tissoni
Grazanti 2013
10 righe da pagina 321:

Sentivo le palpebre pesanti e feci un profondo respiro. I miei polmoni protestarono, ancora irritati dal fumo. Tossii leggermente ma sentendo le labbra calde di Travis sulla fronte mi rilassai. Mi accarezzò i capelli umidi e udii il cuore battergli nel petto. "ecco" , disse con un sospiro. "cosa?" "Quel momento. Quando ti guardo dormire... la pace sul tuo volto. Eccola. Non l'ho più sentita dalla morte della mamma, ma adesso è tornata." (...) Sorrisi e sprofondai la faccia nel suo petto.

inviato il 09/09/2014
Nei segnalibri di:

Siddharta

immagine copertina
Herman Hesse
Siddharta
Tradotto da Massimo Mila
Adelphi 1973
10 righe da pagina 45:

"Vedi, Kamala, se tu getti una pietra nell'acqua, essa si affretta per la via più breve fino al fondo. E così è di Siddharta, quando ha una meta, un proposito. Siddharta non fa nulla. Siddharta pensa, aspetta, digiuna, ma passa attraverso le cose del mondo come la pietra attraverso l'acqua, senza far nulla, senza agitarsi: viene scagliato, ed egli si lascia cadere. La sua meta lo tira a se, poiché egli non conserva nulla nell'anima propria, che potrebbe contrastare a questa meta. Questo è ciò che Siddharta ha imparato dai Samana. Questo è ciò che gli stolti chiamano magia, credendo che sia opera dei demoni. Ognuno può compiere opera di magia, ognuno può raggiungere i propri fini, se sa pensare, se sa aspettare, se sa digiunare ». Kamala lo ascoltava. Amava la sua voce, amava lo sguardo dei suoi occhi. « Forse è così » , disse piano « così come tu dici, amico".

inviato il 22/07/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Eleonora, hai vinto il libro incentivo del mese di luglio con le 10 righe scelte dalla redazione, ricordati di mandare i tuoi dati all'indirizzo: libroincentivo@10righedailibri.it

Ciao Eleonora, le tue dieci righe sono state scelte dalla redazione... Sei in finale :)

Cento e cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele D'Annunzio tentato di morire

immagine copertina
10 righe da pagina 158:

Dolce, tu t’addolcisci per l’amore.
Tu pe’ maggiori t’addolcisci, o dolce
Tu pe’ minori t’addolcisci, o dolce
Tu reina d’amore intra le figlie,
figlia di re, tu dolce per l’amore.’
(...) Parla, mi blandisce, mi vuol sedurre, esprime dal suo
viso e dal suo collo - che è bellissimo - il suo incantesimo. intanto gli uccelli cantano nel folto delle magno lie. la sua gota sinistra a quando a quando s’inclina in un
ascolto che pare involontario. per una mimica leggera, che non è descrivibile neppur da me, ella s’adegua al fogliame della magnolie, al canto che muove le foglie
come le dita del lettore beato volgon le pagine. (questa
imagine? un’altra imagine?)

inviato il 14/06/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Ciao Eleonora il tuo post si aggiudica il libro incentivo di Giugno... complimenti!!! Spedisci una mail a libroincentivo@10righedailibri.it con il tuo indirizzo. Ancora complimenti e buona lettura.

grazie

Sei in finale...

Questa settimana toccava a me scegliere le 10 righe e ho scelto il tuo libro :D

nell'immagine d'Annunzio quindicenne...

Macbeth

immagine copertina
William Shakespeare
Macbeth
Tradotto da Vittorio Gassman
Mondadori 2004
10 righe da pagina 27:

Sarebbe dovuta morire prima o poi. Ci sarebbe dovuto essere un tempo per (usare) questa parola domani, domani, domani, si insinua a piccoli passi giorno per giorno fino all'ultima sillaba del tempo prescritto; e tutti i nostri ieri hanno rischiarato a stupidi la strada a una morte polverosa. Consumati, consumati, corta candela! La vita è un'ombra che cammina, un povero attore che si agita e pavoneggia la sua ora sul palco | e poi non se ne sa più niente. È un racconto narrato da un idiota, pieno di suoni e furore, significante niente.

inviato il 04/06/2014
Nei segnalibri di:

Tua per sempre Adriana

immagine copertina
Fabio Ricci
Tua per sempre Adriana
youcanprint 2011
10 righe da pagina 112:

Fausto si fermò davanti al calendario che annunciava i programmi estivi, con spettacoli ed eventi serali, concerti di musica varia e rievocazioni storiche in costume, prendendo mentalmente nota di un paio di date, poi si mise a girare tra i vari stand in apertura: una piccola esposizione di ceramiche d’arredo, oggetti di artigianato locale e diverse bancarelle di libri, dove non seppe resistere alla tentazione di verificare se ci fosse qualche pezzo adatto alla sua biblioteca, distraendosi per un po’ dal vero motivo di quella visita. Quando però un languore allo stomaco gli fece guardare l’orologio, si accorse che erano quasi le dieci e mezza, così dovette staccarsi controvoglia da copertine e rilegature per procedere con la sua ispezione Come doveva essere quel posto, cento anni prima? Non certo accogliente come ora: lo immaginò buio e trasandato, più di quanto lo ricordasse dall'ultima volta che ci era venuto, e forse per questo più adatto a un incontro romantico e avventuroso al tempo stesso.

inviato il 26/05/2014
Nei segnalibri di:

dammi mille baci

immagine copertina
eva cantarella
dammi mille baci
Giangiacomo Feltrinelli 2009
10 righe da pagina 12:

Vita e amore a noi due Lesbia mia
e ogni acida censura di vecchi gettiamo via.
Il sole che muore rinascerà
ma questa nostra luce fuggitiva
una volta abbattuta, dormiremo
una totale notte senza fine.
Dammi baci cento baci mille baci
e ancora baci cento baci mille baci.

inviato il 22/07/2013
Nei segnalibri di:

Commenti

Benvenuta Eleonora :)

L’amore in Italia – Vol. II

immagine copertina
Paul Johann Ludwig Heyse
L’amore in Italia – Vol. II
Tradotto da Gustavo Strafforello
Augusto Federico Negro 1863
10 righe da pagina 45:

Franz li lasciò dire, ridendo fra sé, quando Carlo si fece un tratto a chiedergli:
- E voi dite che non avete mai amato?
- Non più di due ore di seguito, mio giovine amico, e ciò nel migliore vuol dire nel peggiore dei casi. Nessuno nella prim’ora dell’amore è irreparabilmente perduto, posciachè l’amor non è cieco, come lo dipingono pittori e poeti. Ma la più parte bendansi volontariamente gli occhi per non vedere la via sulla quale potrebbero salvarsi. E perché ciò?... Per liberarsi comodamente dal dovere di amare gli uomini, tutti s’innamorano di una sola creatura, e il rimanente dell’umanità vada pure al diavolo!... Chi fugge dall’amore nulla può far di meglio che assuefarsi ad amare una sola persona.

inviato il 11/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

che brividi, doppio segnalibro. :)

Ritratto dell'autore realizzato da Adolph von Menzel

Memorie di un pazzo

immagine copertina
GUSTAVE FLAUBERT
Memorie di un pazzo
Tradotto da B. Gambaccini
Edizioni Clandestine (collana Highlander) 2009
10 righe da pagina 71:

Se ho provato momenti di entusiasmo, li devo all'arte; eppure, quanta vanità in essa! voler raffigurare l'uomo in un blocco di pietra o l'anima attraverso le parole, i sentimenti con dei suoni e la natura su una tela verniciata.

inviato il 17/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Dipinto di Giorgio De Chirico.

Il postulante

immagine copertina
Antonio Selmi
Il postulante
WLM 2009
10 righe da pagina 98:

Di come siano effettivamente le cose sappiamo ben poco, ma io credo di sì. Mi rendo conto che la fede in Cristo è davvero un dono che va oltre ogni logica puramente umana, ma io sono affascinato proprio dalla meravigliosa assurdità che il Nazareno rappresenta rispetto alla logica degli uomini: noi cerchiamo potere, ricchezza, gloria, felicità; lui ha voluto per sé la povertà, la sofferenza, la morte. E' stato povero come la maggior parte dell'umanità, ha sofferto come tutti noi, ha sentito le sue forze venir meno sotto il peso della croce come noi nella malattia o nella vecchiaia, ha vissuto la stessa morte che a tutti noi, indistintamente, sottrae affetti, ricchezza, potere. C'è parabola più bella di quello che è poi il vero destino di ciascuno di noi, al di là delle nostre illusioni di potere, di fama, di felicità? Forse intendeva proprio questo, chi ha detto Gesù è troppo umano per essere solo un uomo.

inviato il 17/11/2014
Nei segnalibri di:

Memorie di Adriano

immagine copertina
MARGUERITE YOURCENAR
Memorie di Adriano
Tradotto da Lidia Storoni Mazzolani
Einaudi 1981
10 righe da pagina 141:

Sin dalle notti della mia infanzia, quando al braccio levato Marullino m'indicava
le costellazioni, l'interesse per le cose del cielo non mi ha mai abbandonato.
Al campo, durante le veglie forzate, ho contemplato la luna che corre tra le nubi
dei cieli barbari; piu' tardi nelle limpide notti dell'attica ho ascoltato l'astronomo Terone
di Rodi spiegarmi il suo sistema del mondo; disteso sul ponte di una nave, in pieno Egeo,
osservavo il lento moto oscillante dell'albero maestro spostarsi tra le stelle ,andare
dall'occhio acceso del Toro al pianto delle Pleiadi, dal Pegaso al Cigno; e ho risposto
come meglio sapevo alle domande serie e ingenue del giovinetto che contemplava
quello stesso cielo con me.

inviato il 17/11/2014
Nei segnalibri di:

Ettore Fieramosca o La disfida di Barletta

immagine copertina
Massimo D'Azeglio
Ettore Fieramosca o La disfida di Barletta
Fabbri Editore 1994
10 righe da pagina 38:

"Sentite, cavaliere, ed aprite bene gli orecchi," rispose Inigo che non poté più reggere alla passione di sentir costui dir tanta villania de' suoi amici, e non gli parve vero di sfogarsi contra chi gli aveva storpiato il suo cavallo "se qualcuno de' nostri Italiani fosse qui, e Fieramosca il primo, e voi foste libero, come siete prigione di Diego Garcia, potreste imparare, prima d'andar a letto, che un uomo d'arme francese può aver a fare a due mani per difender la sua pelle contra un Italiano; ma poiché voi siete prigione, e qui non sono che Spagnuoli, io che sono amico di Fieramosca e degl'Italiani, dico in loro nome, che voi e chiunque dirà aver essi timore coll'armi in mano di chicchessia, ed esser, come dite, poltroni e traditori, mente per la gola, e son pronti a starne al paragone con tutto il mondo, a piedi, a cavallo, con tutte l'armi o con la sola spada, dove, e quando, e sempre vi piacerà."

inviato il 17/11/2014
Nei segnalibri di:

La casa degli spiriti

immagine copertina
Isabel Allende
La casa degli spiriti
Tradotto da A. Morino S. Pilota
Feltrinelli (collana Universale economica) 2013

Per la prima volta nella sua vita, Alba sentì il bisogno di essere bella e rimpianse che nessuna delle splendide donne della sua famiglia le avesse lasciato in eredità i suoi attributi, e l'unica che l'aveva fatto, la bella Rosa, le aveva dato solo una sfumatura d'alga marina ai suoi capelli, che, se non era accompagnata da tutto il resto, sembrava piuttosto un errore del parrucchiere. Quando Miguel indovinò la sua inquietudine, la portò per mano fino al grande specchio veneziano che ornava un angolo della camera segreta; tolse la polvere dal vetro incrinato e poi accese tutte le candele che aveva e gliele mise intorno. Lei si rimirò nei mille frammenti dello specchio. La sua pelle, illuminata dalle candele, aveva il colore irreale delle figure di cera. Miguel cominciò ad accarezzarla e lei vide trasformarsi il suo volto nel caleidoscopio dello specchio e convenne infine che lei era la più bella dell'universo, perché aveva potuto vedersi con gli occhi con cui la vedeva Miguel.

inviato il 05/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Nell'immagine: Venere e Cupido. Diego Velázquez, 1648 ca.olio su tela, 122,5 × 175 cm Londra, National Gallery.

Le porte interiori Meditazioni quotidiane

immagine copertina
Eileen Caddy
Le porte interiori Meditazioni quotidiane
Tradotto da I. Gallo
Amrita (collana Findhorn) 2012

Se cadi, rialzati semplicemente e riprova, non accontentarti di restare lì a compatirti, dicendo che non puoi proseguire e che la vita è troppo difficile. Il tuo atteggiamento deve sempre essere fondato sull'assoluta certezza interiore che, una volta intrapreso il cammino spirituale, raggiungerai la meta, incurante degli ostacoli che potrai incontrare lungo il percorso. Scoprirai che il tempo trascorso da solo nel silenzio ti ricarica spiritualmente e ti aiuta ad affrontare, senza esitazioni né cedimenti, tutto ciò che ti si presenta.

inviato il 10/11/2014
Nei segnalibri di:

La musica segreta dei ricordi

immagine copertina
Alyson Richman
La musica segreta dei ricordi
Tradotto da Isabella Zani
Piemme 2013
10 righe da pagina 207:

Santiago del Cile ,gennaio 1974
Il furgone nero ripartì dal vialetto a gran velocità,esubito Rafael si precipitò in ricerca
del padre.Lo trovò in giardino ,il petto che saliva e scendeva nel sonno .
"Papà" disse il ragazzino, strappandogli via il giornale dalla faccia.
"La mamma non c'è piu'"
"Dove è andata,Rafaelito?"chiese Octavio, ricomponendosi sulla sdraio.
"Coi signori...tre signori...che l'hanno presa."
"Cosa? "esclamò il padre, saltando come una molla." Che signori?"
"I signori che sono venuti ."
"Quando ,amore? Quando sono venuti?"
"Appena adesso, papà".
Octavio partì di corsa verso casa, col ragazzino alle calcagna che gridava:
"Villa Grimaldi, papà! Villa Grimaldi!".
Ma Octavio non lo stava ascoltando : passò in rassegna il villino sperando che il figlio
sbagliasse e che Salomè fosse indaffarata in una delle stanze.

inviato il 10/11/2014
Nei segnalibri di:

NEL TEMPO DI MEZZO

immagine copertina
MARCELLO FOIS
NEL TEMPO DI MEZZO
Einaudi (collana Supercoralli) 2012
10 righe da pagina 252:

Oh non sono mai stato speciale, ho amato le cose che amano tutti: il silenzio mattutino, le lenzuola fresche di bucato... Ho amato di innamorarmi. Ho amato di essere amato. Ho amato di trattenere il pianto e anche di piangere. Mai stato speciale, no.Ho amato il pane fresco e la perfezione di certe forme. Ho amato d'amare.E odiare, qualche volta, certo: non sono speciale. Neanche adesso che è notte fonda.

inviato il 05/11/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Complimenti Dafne! Hai vinto il libro incentivo mensile premio per i Top segnalibri!
Dopo aver scelto le 10 righe da premiare, inviaci il tuo indirizzo a libroincentivo@10righedailibri.it

Ho scelto queste 10 righe grazie :) http://scrivi.10righedailibri.it/angel-0

Grazie :) si mi ricorderò grazie mille

Ciao Dafne D. sei nella finale settimanale di novembre, COMPLIMENTI!!!
Ricordati di scegliere le tue 10righe da oggi a domenica 16 novembre...

Tutte le mattine del mondo

immagine copertina
Pascal Quignard
Tutte le mattine del mondo
Tradotto da Graziella Cillario
Frassinelli 1991
10 righe da pagina 85:

La nona volta che sentì accanto a sé la sua sposa venuta a raggiungerlo, era primavera.
Fu al tempo della grande persecuzione del giugno 1679.Aveva messo il vino e il piatto delle cialde sul tavolo da musica. Stava suonando nel capanno.
S'interruppe e le disse:
"Com'è possibile che veniate qui dopo la morte? Dov'è la mia barca? Dove sono le mie lacrime quando vi vedo? Non siete per caso un sogno? O io sono pazzo?"
"Non preoccupatevi .La vostra barca è marcita nel fiume da molto tempo. L'altro mondo non è a tenuta stagna piu' di quanto lo fosse la vostra barca".
"Io soffro ,signora, di non potervi toccare."
"Non c'è nulla da toccare, signore fuorché il vento."
Parlava lentamente come fanno i morti.
Aggiunse: "Credete che non ci sia sofferenza nell'essere vento? Talvolta quel vento porta fino a noi dei brandelli di musica. Talvolta la luce porta fino al vostro sguardo dei frammenti delle vostre apparenze."
Aggiunse:

inviato il 28/10/2014
Nei segnalibri di:

Commenti

Di nulla ,ho quasi l'idea di riscriverlo...tra le mie righe personali,un saluto naty

Grazie Natalina per aver condiviso con tutti Noi le tue 10righe introvabili... :)

Carissimi amici,e Staff questo libro non mi appartiene,è introvabile,è di una biblioteca ...un vero peccato non possederlo,poche sono le pagine,ma conivolgente, esiste anche il film,ciao a tutti,naty

L'amicizia

L'amicizia 2 years 48 settimane fa

Ciao scusate il ritardo grazie , ho avuto problemi con la linea internet...
Il traduttore è Emma Maria Gigliozzi

L'amicizia 2 years 51 settimane fa

mi sono dimenticata l'anno 2013 scusate.

Shantaram

Shantaram 3 years 15 settimane fa

Io questo libro l'ho letto in lingua originale, davvero emozionante, segnalibro!

bracciate di poesia

bracciate di poesia 3 years 15 settimane fa

che spettacolo!

Cento e cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele D'Annunzio tentato di morire

Cento e cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele D'Annunzio tentato di morire 3 years 17 settimane fa

grazie

Cento e cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele D'Annunzio tentato di morire 3 years 18 settimane fa

nell'immagine d'Annunzio quindicenne...

© 10righedailibri 2015

partner tecnologico

 

Privacy Policy